More stories

  • in

    Omag, Manconi: “Per la Pool Promozione ci servono 12 punti”

    Foto Facebook Omag Consolini Volley

    Di Redazione
    Si complicano le cose in casa Omag San Giovanni in Marignano che non vince una partita da un mese e mezzo. La formazione emiliana dovrà ritrovare il proprio ritmo di gioco per rimanere quinta e di conseguenza entrare a far parte della Pool Promozione così da mantenere la categoria ed evitare di giocarsela poi nella Pool Salvezza.
    “Riassaporare la vittoria ci servirebbe in qualsiasi momento – precisa il Presidente Stefano Manconi, nell’intervista rilasciata a Il Resto del Carlino Rimini –. I risultati dello scorso weekend nel complesso ci sono stati favorevoli, anche Ravenna, che a sorpresa non ha catturato neppure un punto con Cutrofiano, può ritrovarsi coinvolta nella bagarre, in fin dei conti ha appena tre punti più di noi. Non dimentichiamo che ci sono un sacco di scontri diretti all’orizzonte“.
    All’Omag, che deve recuperare a data da destinarsi l’incontro di Macerata, rimangono da disputare 7 match per ultimare la regular season. Proviamo a stilare un’ipotetica tabella: quanti punti serviranno, secondo lei, per chiudere sotto chiave quel benedetto quinto posto? “Mah, credo che 12 dovremo conquistarli tutti. Se ne facciamo meno, la vedo dura…“, riflette Manconi, consapevole comunque che la permanenza in A2 si può pure arraffare nel Pool Salvezza, dove ogni squadra si porta dietro il ‘tesoretto’ racimolato nella prima fase. “Proprio per questo è fondamentale cercare di fare sempre punti, quanti più possibile, così da partire, eventualmente, con un certo margine in quel Pool“. LEGGI TUTTO

  • in

    L’Hermaea Olbia ritrova il sorriso nel recupero con il Club Italia

    Di Redazione
    [CONTENUTO IN AGGIORNAMENTO]
    Dura meno di un’ora il tanto atteso recupero tra Hermaea Olbia e Club Italia Crai, gara della quarta giornata di andata rinviata più volte per ragioni sanitarie: la squadra isolana, in forzato “esilio” a Golfo Aranci vista la chiusura del Geovillage, ritrova la vittoria piegando con un netto 3-0 le azzurrine.
    Hermaea Olbia-Club Italia Crai 3-0 (25-22, 25-15, 25-18)Hermaea Olbia: Coulibaly 15, Barazza 7, Korhonen 15, Joly 16, Angelini 3, Stocco 2, Caforio (L). Non entrate: Zonta, Ghezzi, Ciani, Poli. All. Giandomenico.Club Italia Crai: Graziani 7, Monza 2, Gardini 6, Nwakalor 5, Frosini 12, Nervini 7, Giuliani (L), Bassi 1, Pelloia, Trampus, Marconato, Ituma. Non entrate: Gannar (L). All. Bellano.Arbitri: Verrascina, Grassia.Note: Durata set: 26′, 21′, 23′; Tot: 70′.
    CLASSIFICA GIRONE OVESTAcqua & Sapone Roma Volley Club* 18; Sigel Marsala 13; Lpm Bam Mondovì** 13; Eurospin Ford Sara Pinerolo* 12; Green Warriors Sassuolo 11; Geovillage Hermaea Olbia* 11; Futura Volley Giovani Busto Arsizio 10; Barricalla Cus Torino** 9; Club Italia Crai** 4; Exacer Montale*** 1.*Una partita in meno
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Club Italia in Sardegna per il recupero della 4° giornata contro Olbia

    Di Redazione
    Nel corso del pomeriggio di oggi il Club Italia CRAI ha raggiunto la Sardegna dove domani sera alle 20.30 affronterà, per il recupero della 4ª giornata del Girone Ovest del Campionato di A2, l’Hermaea Olbia. La gara sarà disputata presso il Palasport Comunale di Golfo Aranci vista l’indisponibilità del consueto impianto di gioco.
    Dopo il lungo stop che ha caratterizzato la prima parte della stagione, il match di domani rappresenta per entrambe le formazioni l’occasione per ritrovare il giusto ritmo gara. Le azzurrine, dopo una sosta lunga 5 settimane, sono tornate in campo domenica contro Busto Arsizio; mentre Olbia ha ripreso il proprio cammino in Campionato il 15 novembre contro Marsala, per poi fermarsi di nuovo nell’ultimo turno. Sia il Club Italia che la squadra sarda sono quindi alla ricerca di continuità delle gare, per poi poter tornare ad esprimere al meglio il proprio gioco. 
    “Per noi riprendere a giocare domenica scorsa è stato davvero importante – sottolinea il tecnico federale Massimo Bellano -. Da questa estate ci siamo allenati tantissimo, ma abbiamo disputato solo 5 partite. Ci manca molto il gioco e ritrovare il giusto ritmo sarà l’obiettivo dei prossimi impegni”.
    Archiviato un mese difficile tra positività e rinvii le azzurrine ora guardano al futuro.“Nell’ultima gara la squadra ha fatto vedere buone cose in campo – prosegue il tecnico delle azzurrine – e ogni partita, per noi, rappresenta un ulteriore passo in avanti verso un’ulteriore consapevolezza del nostro gioco”.
    Come di consueto la gara sarà disputata a porte chiuse ma sarà possibile assistere alla diretta in modalità on demand collegandosi al sito www.lvftv.com.ARBITRI – La partita di domani sera sarà arbitrata da Antonella Verrascina e Luca Grassia.
    (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Olbia e Club Italia finalmente in campo: si gioca il recupero della quarta giornata

    Agenzia Uffici Stampa DirectaSport

    Di Redazione
    Anche il Girone Ovest della Serie A2 femminile comincia a puntellare il calendario di recuperi. Mercoledì 25 novembre alle 20.30 l’Hermaea Olbia ospiterà nel palazzetto di Golfo Aranci il Club Italia Crai, nella gara valida per la quarta giornata di andata e in origine rinviata per l’impegno di alcune delle azzurrine nel Campionato Europeo Under 17.
    Le galluresi di Emiliano Giandomenico, dopo il rinvio della gara di domenica scorsa contro Mondovì, cercheranno riscatto dopo la sconfitta di Marsala, la prima maturata con punteggio netto in questa stagione. Le ragazze di Massimo Bellano sono reduci dalla sconfitta per 3 set a 1 in quel di Busto Arsizio, che ha segnato il ritorno alle gare giocate dopo un lungo periodo di stop.
    “Mi aspetto una prova di maturità – afferma Gianni Sarti, presidente di Olbia – il Club Italia ha dalla propria delle fisicità importanti, ed è capace di vincere o perdere contro tutti. Sarà importante avere la necessaria pazienza di fronte a una squadra composta da elementi molto forti, ma propensa a degli errori dettati dall’inesperienza“.
    GIRONE OVEST – 4° GIORNATADomenica 11 ottobre, ore 17.00LPM BAM Mondovì – Acqua&Sapone Roma Volley Club 3-1 (25-23, 25-21, 21-25, 25-22)Futura Volley Giovani Busto Arsizio – Exacer Montale 3-0 (25-18, 25-18, 30-28)Green Warriors Sassuolo – Eurospin Ford Sara Pinerolo 3-0 (25-23, 25-19, 25-19)Sigel Marsala – Barricalla Cus Torino 3-2 (25-21, 25-22, 24-26, 22-25, 15-9)Mercoledì 25 novembre, ore 20.30 (diretta LVF TV)Geovillage Hermaea Olbia – Club Italia Crai ARBITRI: Verrascina-Grassia
    LA CLASSIFICAAcqua & Sapone Roma Volley Club* 18; Sigel Marsala 13; Lpm Bam Mondovì** 13; Eurospin Ford Sara Pinerolo* 12; Green Warriors Sassuolo 11; Futura Volley Giovani Busto Arsizio 10; Barricalla Cus Torino** 9; Geovillage Hermaea Olbia** 8; Club Italia Crai*** 4; Exacer Montale*** 1.*Una partita in meno
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Viola Tonello: “L’importante per Martignacco è non fare passi indietro”

    Foto Giacomo Lodolo/Libertas Martignacco

    Di Redazione
    Le statistiche dicono che è lei la miglior centrale del campionato di Serie A2 femminile: con 108 palloni messi a terra, Viola Tonello domina la classifica di categoria. Ma la giocatrice dell’Itas Città Fiera Martignacco non calca la mano in un’intervista al Messaggero Veneto: “Sono molto contenta di questo primato, ma negli ultimi turni molte gare del nostro girone sono state rinviate. Mi piacerebbe mantenere questa leadership per tutta la stagione, ma il campionato è ancora lungo“.
    La priorità di Tonello resta la crescita della squadra, che domenica si è fermata al tie break in casa di Soverato: “Nel quinto set purtroppo ci siamo spente, dopo aver messo a segno una rimonta strepitosa. Siamo riuscite a recuperare uno svantaggio di 2-0, ma poi non abbiamo giocato il tie break con la stessa intensità. Sinceramente preferisco vedere il bicchiere mezzo pieno, perché il campo di Soverato è davvero difficile, quasi inespugnabile. Sono soddisfatta del punto: l’importante, per noi, è continuare su questa strada e non fare passi indietro“. LEGGI TUTTO

  • in

    La vittoria su Marsala dà il via alla fuga dell’Acqua & Sapone Roma

    Di Redazione
    [CONTENUTO IN AGGIORNAMENTO]
    Il posticipo della seconda giornata di ritorno del Girone Ovest di Serie A2 femminile dà il via alla fuga dell’Acqua & Sapone Roma Volley Club: la squadra della capitale si impone per 3-1 sulla Sigel Marsala seconda in classifica e porta a 5 punti il suo vantaggio sulla coppia formata dalle siciliane e dalla LPM Bam Mondovì (anche se le pimeontesi hanno disputato una partita in meno).
    Acqua & Sapone Roma Volley Club-Sigel Marsala 3-1 (25-21, 20-25, 25-19, 25-20)Acqua & Sapone Roma Volley Club: Papa 15, Rebora 10, Adelusi 13, Arciprete 13, Cogliandro 7, Guiducci 5, Spirito (L), Diop 9, Purashaj, Giugovaz. Non entrate: Bucci, Consoli. All. Cristofani.Sigel Marsala: Mc Call-Ginnis 14, Parini 9, Mazzon 13, Pistolesi 12, Caserta 12, Demichelis 4, Vaccaro (L), Soleti, Caruso, Colombano. Non entrate: Mistretta (L), Nonnati. All. Amadio.Arbitri: Morgillo, Mannarino.Note: Durata set: 27′, 27′, 29′, 29′; Tot: 112′.
    CLASSIFICA GIRONE OVESTAcqua & Sapone Roma Volley Club* 18; Sigel Marsala 13; Lpm Bam Mondovì** 13; Eurospin Ford Sara Pinerolo* 12; Green Warriors Sassuolo 11; Futura Volley Giovani Busto Arsizio 10; Barricalla Cus Torino** 9; Geovillage Hermaea Olbia** 8; Club Italia Crai*** 4; Exacer Montale*** 1.*Una partita in meno
    PROSSIMO TURNODomenica 29/11 ore 17.00Futura Volley Giovani Busto Arsizio – Barricalla Cus TorinoLpm Bam Mondovi’ – Club Italia CraiGreen Warriors Sassuolo – Acqua & Sapone Roma Volley ClubSigel Marsala – Exacer Montale ore 16.00Geovillage Hermaea Olbia – Eurospin Ford Sara Pinerolo ore 15.30 LEGGI TUTTO

  • in

    Il Cuore di Mamma Cutrofiano supera a pieni voti anche l’esame Ravenna

    Di Redazione
    Altro test superato per il Cuore di Mamma Cutrofiano: le pantere salentine si impongono per 3-1 anche sul campo dell’Olimpia Teodora Ravenna e continuano la loro marcia solitaria in vetta al Girone Est di Serie A2 femminile. Neppure il calo di tensione dovuto alla mancanza di partite ufficiali da due settimane ha fermato la capolista, che conquista in rimonta, con grinta e carattere, una vittoria sudata in una delle trasferte più difficili del torneo.
    Partita dalle mille emozioni, chiusa con un set lottato punto a punto (24-26) in cui si è messa in mostra una Martina Ferrara stratosferica, capace di salvare palloni incredibili e galvanizzare tutte le sue compagne. Bravo coach Carratù a indovinare le sostituzioni, soprattutto nel secondo set, con il cambio della diagonale titolare per far rifiatare il capitano Avenia. A Ravenna restano i rimpianti per l’occasione di allungare il match sprecata sul 24-23 del quarto parziale.
    La cronaca:Ravenna parte forte nel primo set (4-1) e tocca il 9-5 con il muro di capitan Guidi. Le ospiti tornano sotto sull’11-10 e, dopo un nuovo tentativo di allungo romagnolo sul 16-13, sorpassano sul 16-17. Ravenna si riporta però subito avanti (18-17) e, grazie al muro di Piva (8 punti nel primo parziale), si portano 20-18. Cutrofiano pareggia a quota 21, ma le padrone di casa trovano l’allungo decisivo sul 24-21 e chiudono il set al secondo tentativo con Kavalenka (25-22).
    La reazione ospite arriva in avvio di seconda frazione, con l’ace di M’Bra che vale lo 0-3. La Conad sorpassa sul 5-4 e con il muro di Morello tocca l’11-8, ma Cutrofiano ritrova la parità sull’11-11 e contro-sorpassa sul 12-14. Il parziale è combattutissimo, Ravenna pareggia nuovamente a quota 15, ma questa volta sono le pugliesi a trovare la fuga decisiva sul 17-19, perché il turno di servizio di Quarchioni chiude il set sul definitivo 19-25.
    Il terzo parziale si conferma all’insegna dell’equilibrio, le padrone di casa partono 2-0 e vengono superate sul 4-5, poi gli ace di Assirelli e Kavalenka permettono a Ravenna di allungare sul 10-6. La Conad tocca il 12-7 e respinge un primo tentativo di recupero (15-12) con Morello, a segno a muro e con il servizio vincente. La rimonta ospite non si ferma però e Cutrofiano, prima accorcia sul 18-17, poi sul servizio di Caneva pareggia a quota 20 e sorpassa sul 20-22, chiudendo poi il set per 21-25.
    Ancora tanto equilibrio anche nella quarta frazione, con Cutrofiano che parte 1-3 ma viene subito raggiunta dall’ace di Morello (3-3). La Conad si porta avanti 6-4, ma viene superata sull’8-10, prima che il muro di Guidi fissi il punteggio sul 10-10. Le ospiti provano di nuovo ad allungare sull’11-13, ma ancora Guidi rintuzza la fuga sul 17-17 e il muro di Piva regala alle Leonesse il sorpasso sul 18-17. Ravenna viene contro-sorpassata momentaneamente sul 18-19, ma si guadagna un set point grazie al muro di Kavalenka per il 24-23. Ancora una volta la volata premia però le ospiti, che si riportano avanti e chiudono parziale e partita per 25-27.
    “È un grosso dispiacere non aver conquistato almeno un punto – commenta coach Simone Bendandi – perché abbiamo disputato una discreta partita e credevo davvero che andassimo a giocarci il tie break. A livello di errori non abbiamo fatto male e abbiamo anche lavorato meglio a muro, purtroppo questa volta siamo andati male nel cambio palla, dove di solito abbiamo percentuali altissime. Sapevamo di incontrare una squadra che difende tantissimo e così è stato, ma sicuramente anche noi non abbiamo gestito al meglio alcune situazioni. Le ragazze comunque hanno lottato e alla fine è venuta fuori una bella battaglia e un match abbastanza divertente. Loro hanno avuto più pazienza e questo sicuramente è anche frutto della maggiore esperienza, ma in generale hanno dimostrato di avere del gran valore. Non è stata comunque una brutta partita da parte nostra, l’unico peccato è aver concesso un po’ troppo nei finali dei set”.
    “Sappiamo che il nostro limite è sbagliare troppo in alcuni momenti – aggiunge Alessandra Guasti – e troppo spesso ci complichiamo la vita da sole. Credo che quando giochiamo come sappiamo chiunque fatichi a contenerci, ma spesso abbiamo troppi alti e bassi e finiamo per incartarci e farci riprendere. È mancata lucidità nei momenti chiave della partita e in queste occasioni dobbiamo cercare di limitare gli errori. È un peccato perché sinceramente pensavo che avremmo vinto il quarto set e portato la partita al tie break, però loro hanno dimostrato tutto il loro valore e son state brave a chiudere il match“.
    Conad Olimpia Teodora Ravenna-Cuore di Mamma Cutrofiano 1-3 (25-22, 19-25, 21-25, 25-27)Conad Olimpia Teodora Ravenna: Morello 6, Piva 22, Assirelli 6, Guidi 11, Guasti 9, Kavalenka 16, Rocchi (L); Torcolacci, Giovanna. N.e.: Poggi, Bernabè, Vecchi. All.: Simone Bendandi. Ass.: Dominico Speck.Cuore di Mamma Cutrofiano: Avenia 5, Panucci 16, Quarchioni 17, M’Bra 10, Menghi 9 Caneva 4, Ferrara (L); Zezza (L), Castaneda Simon 18, Rizzieri, Salviato. N.e.: Tarantino, Morciano, Gorgoni. All.: Antonio Carratù. Ass.: Simone Giunta.Arbitri: Marta Mesiano e Matteo Selmi.Note: Ravenna: Muri 14, ace 5, battute sbagliate 9, errori ricez. 4, ricez. pos 39%, ricez. perf 7%, errori attacco 9, attacco 32%. Cutrofiano: Muri 12, ace 4, battute sbagliate 10, errori ricez. 5, ricez. pos 44%, ricez. perf 18%, errori attacco 6, attacco 38%.
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    La Futura Volley Giovani si risolleva contro il Club Italia

    Di Redazione
    La Futura Volley Giovani ritrova vittoria e morale in un colpo solo: il team biancorosso, guidato ancora in panchina da coach Luca Chiofalo, supera per 3-1 il Club Italia Crai e si mette nel giusto “mood” per la prossima, importantissima sfida contro il CUS Torino. Condotto con autorità il primo set, le Cocche hanno sofferto quando le ospiti hanno aggiustato il servizio e spinto sul muro (ben 17 i totali alla fine); il match ha avuto il suo primo colpo di scena quando Zingaro e compagne non sono riuscite a concretizzare un vantaggio di 3 punti nel finale, facendosi superare ai vantaggi per l’1-1 nel computo set.
    Un contraccolpo psicologico che ha condizionato le prime pasi della terza frazione, ma da cui le biancorosse sono uscite con grande forza d’animo e con una grossa spinta delle subentrate: da sottolineare il grande apporto di Elisa Vecerina, 7 punti e la grinta di una leonessa al suo ingresso sul taraflex. Uscite dalle secche mentali, la Futura ha dominato il quarto e ultimo set grazie alla superiorità tecnica: le grandi difese – con la solita Garzonio sugli scudi – più l’ottima intesa di Nicolini con Lualdi (12 su 14 in attacco) e Michieletto (19 punti ed MVP dell’incontro) hanno proiettato le bustocche alla terza vittoria in campionato.
    La cronaca:La Futura ritrova Latham, schierata in diagonale a Nicolini; completano lo starting six Michieletto e Carletti in banda, Veneriano e Giuditta Lualdi al centro più Garzonio libero. Il Club Italia risponde con le diagonali Monza-Frosini, Bassi-Trampus, Graziani-Nwakalor e Giuliani libero.
    Il muro della coppia Lualdi-Michieletto regala il primo vantaggio del match alle biancorosse (4-2), ribaltato subito dalla fast di Graziani (4-5); il block-in di Michieletto colpisce ancora (8-6), quindi è Latham a sbloccarsi da posto 2 (10-6). Le Cocche chiudono la porta al posto 4 avversario, è il turno di Carletti di andare a segno a muro prima del timeout ospite (12-7); Latham va a segno dai nove metri e il vantaggio aumenta (16-10), e la doppietta di Lualdi in fast certifica l’ottimo momento biancorosso (18-10). L’ace di Carletti porta la Futura sul +9 (20-11), subito imitata da Lualdi (22-12); le ospiti attaccano out regalando il set point (24-13), concretizzato immediatamente da Nicolini al servizio (25-13).
    Le biancorosse continuano a martellare al servizio nel secondo set, Michieletto firma dai 9 metri il 2-0; filotto bustocco che prosegue grazie al diagonale stretto di Carletti (4-0), Graziani accorcia murando Carletti (5-3). Gardini piazza sia la pipe del 6-5 che l’ace del pareggio (6-6), Bassi spedisce out il lungolinea dell’8-6; nuovo ace di Carletti che conduce le squadre al timeout chiamato da Bellano (10-6). Sul 10-7 entra Zingaro per rinforzare la retrovia, Nwakalor mura Latham e il Club Italia torna a contatto (11-10).
    Michieletto castiga una ricezione errata per il nuovo +3 (13-10), Gardini restituisce la pariglia e impatta nuovamente (13-13), Veneriano inchioda il primo tempo del 16-14 ma un paio di errori biancorossi in costruzione portano le ospiti in vantaggio (16-17). Situazione controribaltata dall’ace di Carletti (19-18) e confermata dal block-out che premia l’attacco di Latham dalla seconda linea (21-19); al rientro dal timeout chiamato da Bellano Lualdi colpisce in battuta (22-19). Latham trova un grandissimo lungolinea che porta al set point (24-21), ma la Futura non chiude il parziale (24-24); Frosini ribalta (24-25) e Carletti vede murato il lob del 24-26.
    Cambia l’assetto biancorosso nel terzo set, con Zingaro in campo su Carletti. La partenza è tutta del Club Italia, che colpisce con il muro aggressivo (0-3); Nicolini riavvicina le biancorosse con un secondo tocco a sorpresa (2-3), ma è Bassi – ancora con un block-in – a spingere le ospiti a +5 (2-7). Vecerina, appena entrata in campo per Latham, piazza l’ace del 4-7; Lualdi mangia altro terreno in fast (6-7), Michieletto passa tra le mani del muro e impatta al punto 10.
    È ancora la numero 5 a colpire di furbizia e a regalare il primo vantaggio alla Futura (12-10), forzando contemporaneamente la sosta ospite; Veneriano piazza il murone su Nwakalor che conduce al 15-12, un rally con un paio di clamorosi miracoli difensivi bustocchi vale il 17-13 e un nuovo timeout ospite. L’uscita dalla sosta non cambia le carte in tavola (19-13); Giuditta Lualdi conferma il +6 con il marchio di fabbrica in fast (21-15), seguita da una doppietta di Michieletto da posto 4 (23-16). È sempre Michieletto a firmare il set point in pallonetto (24-17), Vecerina chiude la frazione (25-18).
    Zingaro (muro e lungolinea) realizza i primi punti bustocchi del quarto set, Bassi pareggia a muro (3-3). Il Club Italia trova il +2 con Graziani (3-5), il vantaggio è annullato da Michieletto con un block-in (6-6); Carletti entra in posto 2 su Vecerina e le biancorosse tornano avanti sfruttando un errore ospite in fase offensiva (9-8), nuovo ribaltone nella fase centrale del set (10-12) annullato dall’affondo di Carletti (12-12). Il filotto bustocco prosegue con Veneriano (ace) e Carletti (attacco da posto 2) che lanciano la Futura sul 15-12); il solito lavoro difensivo di Garzonio forza l’attacco ospite all’errore per il 17-13. L’azione che conduce al 20-16 vede un’incredibile difesa biancorossa che fa saltare sulla sedia gli addetti ai lavori; Carletti incrocia il 22-16 che mette un’ipoteca sul match. L’errore di Bassi vale il 24-17; Veneriano chiude l’incontro (25-18).
    Luca Chiofalo: “Ci accontentiamo del risultato: emotivamente nel secondo set sono subentrati fattori difficili da gestire, fa parte del gioco e per fortuna siamo usciti pur partendo molto male nel set successivo. Io e coach Lucchini siamo molto soddisfatti del lavoro delle subentrate, che ci hanno dato una grossa mano; la prossima settimana è ancora lontana, stiamo lavorando bene nonostante tutte le difficoltà e speriamo che i risultati comincino a vedersi“.
    Francesca Michieletto: “Abbiamo continuato sulla falsariga della scorsa settimana, solo che stavolta ci prendiamo i tre punti: c’è ancora qualcosa da sistemare ma siamo contente, rendiamo le partite sempre molto avvincenti e prendiamo quanto di buono si è visto oggi“.
    Massimo Bellano: “Da luglio in poi abbiamo giocato 4 partite, ci manca il gioco e ricominciare da stasera è stato importante; questo si è visto in battuta, dove siamo stati molto fallosi all’inizio. Abbiamo lavorato bene a muro, da metà del terzo set Busto ha fatto cose egregie in difesa. Ripartiamo da qui, sperando giocare con più continuità“.
    Sofia Monza: “Ci siamo divertite molto, per me giocare a Busto è sempre un’emozione perché posso dire che è casa mia. Stiamo facendo un grande lavoro, la squadra c’è e già il fatto di giocare è stato bellissimo“.
    Futura Volley Giovani-Club Italia Crai 3-1 (25-13, 24-26, 25-18, 25-18)Futura Volley Giovani: Veneriano 7, Nicolini 3, Michieletto 19, Badini ne, Vecerina 4, Latham 7, A.Lualdi ne, G.Lualdi 15, Sormani ne, Carletti 10, Garzonio (L), Zingaro 4. All. Chiofalo.Club Italia Crai: Graziani 13, Bassi 8, Gannar, Monza 1, Gardini 7, Giuliani (L), Marconato ne, Frosini 10, Nervini 3, Trampus 3, Pelloia, Ituma 3, Nwakalor 8. All. Bellano.Arbitri: Pozzi e Mazzarà.Note: Durata set: 18’, 28’, 25’, 24’. Futura: Battuta: errate 9, ace 11. Ricezione: 65% positiva, 37% perfetta, errori 2. Attacco: 40% positività, errori 6, murati 17. Muri: 6. Club Italia: Battuta: errate 14, ace 2. Ricezione: 44% positiva, 21% perfetta, errori 11. Attacco: 31% positività, errori 12, murati 6. Muri: 17.
    (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO