More stories

  • in

    Multa per Fish e Bob Bryan per aver promosso siti web di scommesse

    Mardy Fish nella foto

    Mardy Fish, allenatore degli Stati Uniti di Coppa Davis, e Bob Bryan, uno degli allenatori della squadra, sono stati multati martedì dall’ITIA (l’ente per l’integrità del tennis) dopo essere stati “beccati” a promuovere siti web di scommesse durante l’incontro della scorsa settimana a Malaga.
    Oltre alla multa di 10.000 dollari per ciascuno, i due ex tennisti sono incorsi in una pena sospensiva di quattro mesi e saranno sospesi da qualsiasi tipo di funzione nello sport se incorreranno nuovamente nella stessa “infrazione”. LEGGI TUTTO

  • in

    Norrie: “Il mio 2022 è stato eccezionale, punto ancora più in alto. N.1? Perché no”

    Cameron Norrie

    Vincere aiuta a vincere. Questo vecchio adagio è il mantra di Cameron Norrie, britannico salito notevolmente nelle ultime due stagioni, nelle quali vinto un Masters 1000 lo scorso anno, ha disputato la semifinale a Wimbledon e toccato la top10 nel 2022. Risultati di prestigio che l’hanno portato ad essere uno dei tennisti più solidi e “scomodi” da affrontare sul tour ATP. Tuttavia in una recente intervista “Cam”afferma di aver ancora molta strada da fare e non nasconde le proprie ambizioni di vittorie e di posizioni in classifica.
    “Ovviamente Wimbledon è stato il momento clou del mio 2022, l’esperienza sul campo centrale in semifinale è stata qualcosa di indimenticabile. Ho avuto un grande anno l’anno scorso e volevo confermarlo. Sarebbe stato “ok” se l’avessi fatto, ma andata ancora meglio. Ho giocato alcune finali e vinto un paio di titoli, ma il momento clou è stato Wimbledon con la semifinale. Viverlo a casa con tutti quelli che mi supportano, i miei amici o la mia famiglia, tutti lì al più grande torneo del mondo. È stato molto bello”.
    Norrie ritiene che aggiungere un po’ “punch” ai suoi colpi da fondo campo sia il passo successivo nell’evoluzione del suo gioco. La sua analisi è molto lucida e punta a proseguire quel percorso di crescita che l’ha portato da giocatore di media classifica ad essere uno dei “cagnacci” del tour. “Penso che ci siano ancora molte cose su cui posso migliorare. Devo lavorare sulla velocità della mia palla e colpire con più potenza e decisione sul lato destro. Anche cercare più punti diretti col servizio. Penso anche che riesco a giocare al meglio quando mi faccio avanti. Continuerò a lavorare su quell’area e alla fine poter avere colpi di alto livello in tutte le esecuzioni. I migliori sono tennisti molto completi. Sento di poter essere un giocatore ancora più duro contro cui giocare”.
    Norrie non si accontenta di essere semplicemente uno dei primi dieci giocatori, punta a nuovi traguardi nella sua carriera. “Come giocatore, vuoi spuntare quella casella e vuoi essere tra i primi 10. Ci ho pensato molto quando ero sul punto di farcela, per circa tre o quattro mesi stavo facendo tutti questi punti e non stavo andando avanti nelle classifiche, quando poi sono sbarcato finalmente nella top 10 è stato davvero bello. Ma è il genere di cose che quando tocchi poi ti spingono a cercare qualcos’altro, ancora di più ambizioso. Cosa? Beh, anche essere tra i primi cinque, poi nei primi tre e perché no, puntare al numero uno al mondo. Non è mai abbastanza”.
    Sicuro di sé, ambizioso, il 27enne nato a Johannesburg punta a ritoccare verso l’alto quel best ranking di n.8 toccato lo scorso settembre. La sua carriera è decollata dopo il Masters 1000 vinto a Indian Wells nel 2021. Il suo vero obiettivo per il 2023 sarà migliorare il proprio rendimento negli Slam. Finora infatti, esclusa la semifinale a Wimbledon 2022, negli altri Major non ha raccolto molto: in Australia vanta il terzo turno (2021), come a Parigi (2021 e 2022) mentre a US Open quest’anno ha giocato gli ottavi di finale. Per ambire a posizioni di massimo rilievo nel ranking, il passaggio obbligato è giocare le fasi decisive degli Slam. LEGGI TUTTO

  • in

    Serena Williams: “Sono un po’ annoiata…”. Si allena per il rientro?

    Serena Williams

    “I’m a little bored”. Serena Williams non nasconde di annoiarsi un po’ senza la routine degli allenamenti per restare competitiva nei grandi eventi del tour WTA e soprattutto Slam. L’ha scritto in una storia pubblicata su Instagram. Un messaggio che lascia aperta la porta ad un nuovo, ennesimo, rientro. Forse in cuor suo la super campionessa statunitense non ha affatto abbandonato l’idea di tornare ancora in torneo e competere.
    Tutto è nato lo scorso agosto, quando in un servizio e articolo pubblicato su Vogue la Williams ha annunciato che stava “evolvendo dal tennis”. È scattato un mini tour d’addio nell’estate in Nord America, culminato a US Open, dove al terzo turno contro Ajla Tomljanovic ha lottato fino all’ultima palla ma è uscita dal campo sconfitta. L’Arthur Ashe Stadium ha tributato alla leggendaria campionessa un caldo saluto d’addio. Tuttavia lei in conferenza stampa, sotto la forte pressione dei media, è stata ben attenta a non pronunciare mai la parola “ritiro”.
    Lo scorso ottobre ha fornito ulteriori indizi nel corso di una conferenza a San Francisco mentre promuoveva la sua società di investimenti, “Serena Ventures”, affermando che “Non sono in pensione. Le possibilità (di un ritorno) sono molto alte”.
    Ora questo messaggio sibillino, che fa il pari ad un’altra storia social di qualche giorno fa, nella quale la 41enne, accanto a sua sorella Venus e Urszula Radwanska, sorride davanti a un campo da tennis prima di iniziare una sessione di allenamento. Indizi o solo suggestioni? LEGGI TUTTO

  • in

    l’Italia negli Slam nel 2023: Sinner e Berrettini possono sognare

    Jannik Sinner ITA, 2001.08.16 – Foto Getty Images

    L’Italia del tennis ha mostrato ancora una volta segni di crescita durante un 2022 che ha visto gli azzurri protagonisti. Sfiorato in Coppa Davis il ritorno in finale che manca dalla stagione 1998, per il 2023 sono diversi gli azzurri che possono coltivare sogni di gloria, magari con la vittoria di uno Slam che manca dal titolo di Adriano Panatta al Roland Garros del 1976.
    Il tennista ad andarci più vicino in questi anni è stato senza dubbio Matteo Berrettini, arrivato alla finale di Wimbledon del 2021 persa poi contro Djokovic. Un successo del romano nel 2023 per i betting analyst si gioca a 5, anche se in quota il favorito è Jannik Sinner, il più continuo nei tornei principali in questa stagione e offerto, riporta Agipronews, a 4 volte la posta. Più attardato invece Lorenzo Musetti, autore di un clamoroso salto di qualità nel 2022 e visto come vincente di uno slam a quota 20. LEGGI TUTTO

  • in

    Denise Valente riparte da Anzio: il giovane talento azzurro si allena con Bronzetti “Entusiasta e motivata per questa nuova avventura”

    Denise Valente finalista a Solarino

    Nuovo arrivo in casa Piccari&Knapp Tennis Team. Anzio accoglie Denise Valente, una delle giovani tenniste più promettenti del panorama azzurro. Nata a Lavagna, in provincia di Genova, il 14 maggio 2004, la ligure è stata protagonista di una carriera giovanile di livello in cui ha avuto l’onore di prender parte ai tornei Junior dello Slam e di indossare la maglia della Nazionale, rappresentando l’Italia nelle più importanti competizioni internazionali. Già nel ranking WTA, Denise nella seconda metà di novembre ha conquistato il suo miglior risultato da professionista arrivando in finale nell’ITF $15.000 di Solarino, in cui ha perso il derby azzurro con Beatrice Ricci.
    Entusiasmo e voglia di lavorare: la ricetta di Denise – “Sono davvero entusiasta di iniziare questo nuovo percorso – le parole di Valente –. Per me è tutto una novità, mi sento molto motivata. Una volta lasciato il Centro Tecnico Federale di Formia avevo bisogno di un nuovo team che mi seguisse e mi aiutasse a crescere giorno dopo giorno: ho scelto Anzio perché è esattamente quel che cercavo. Conosco Karin Knapp perché, oltre ad essere stata una grandissima giocatrice, ha giocato insieme a me la Serie A con la maglia del Tennis Club Genova: lei per me è un grande esempio. E oggi nella stessa squadra sto con Lucia Bronzetti. Sin dal primo giorno ad Anzio sono stata felice dell’accoglienza ricevuta. Mi trovo benissimo con le mie compagne di allenamento, con i coach Francesco e Alessandro Piccari e il loro staff, ho tanta voglia di lavorare per migliorare e iniziare bene la nuova stagione”. È cominciata, dunque, la preparazione invernale che Denise condivide, tra le altre, con Lucia Bronzetti. Quest’ultima proverà nel 2023 a far meglio della splendida stagione appena conclusa, in cui i prestigiosi risultati ottenuti le hanno permesso di giocare con l’Italia in Billie Jean King Cup e di raggiungere il best ranking di numero 56 del mondo. Quasi 24 anni Lucia, 18 anni Denise: ad Anzio, se il presente è raggiante, il futuro lo sarà di più. LEGGI TUTTO

  • in

    Serie A1 maschile, play off scudetto: Ct Palermo e TC Sinalunga Siena vincono in trasferta. Nel femminile vince il Tc Parioli, pari tra Tc Rungg e Canottieri Casale

    Non sono mancate le sorprese nelle gare di andata delle semifinali scudetto ed in quelle delle sfide per non retrocedere della Serie A1 maschile 2022. Il ritorno è in programma domenica 4 dicembre. Anche quest’anno il sito www.federtennis.it propone il live score di tutte le partite per consentire agli appassionati di seguire in tempo reale tutti gli incontri, mentre SuperTennix, la piattaforma streaming della Federazione Italiana Tennis, trasmette in diretta due sfide (tra campionato maschile e femminile).
    PLAYOFFNella sua seconda semifinale playoff consecutiva il TC Rungg Sudtirol di Federico Gaio ed Elmar Ejupovic ha ceduto in casa per 4-2 al CT Palermo (Salvatore Caruso, Omar Giacalone e lo spagnolo Carlos Gomez Herrera), matricola che ha conservato così l’imbattibilità. Il team siciliano è stato fin qui la squadra più vincente del campionato (cinque successi ed un pareggio e primo posto nel Girone 2). In Alto Adige Caruso & Co. Hanno chiuso 3-1 i singolari difendendo poi il vantaggio nei doppi.
    Nell’altra sfida il Park Tennis Genova di Gianluca Mager ed Alessandro Giannessi ha invece perso l’imbattibilità in campionato dopo la sconfitta casalinga per 4-2 rimediata dal TC Sinalunga Siena (Matteo Gigante, Marco Miceli e lo spagnolo Oriol Roca Batalla), altra matricola terribile del torneo. Per i liguri, in parità dopo i singolari, sono stati fatali i doppi.
    Risultati dell’andata dei playoff – domenica 27 novembre:
    TC Rungg Sudtirol – CT Palermo 2-4
    Carlos Gomez Herrera (P) b. Maximilian Figl (R) 61 61
    Elmar Ejupovic (R) b. Gabriele Piraino (P) 76(4) 46 64
    Omar Giacalone (P) b. Georg Winkler (R) 63 62
    Salvatore Caruso (P) b. Federico Gaio (R) 46 63 62
    Marco Bortolotti/Maximilian Figl (R) b. Omar Giacalone/Gabriele Piraino (P) 63 60
    Salvatore Caruso/Carlos Gomez Herrera (P) b. Federico Gaio/Sebastian Krzysztof Brzezinski (R) 76(5) 64
    Park Tennis Genova – TC Sinalunga Siena 2-4
    Marcello Serafini (S) b. Luigi Sorrentino (G) 76(2) 60
    Alessandro Giannessi (G) b. Oriol Roca Batalla (S) 36 63 61
    Marco Miceli (S) b. Alessandro Ceppellini (G) 63 61
    Gianluca Mager (G) b. Matteo Gigante (S) 57 76(11) 64
    Luca Vanni/Matteo Gigante (S) b. Gianluca Mager/Alessandro Giannessi (G) 63 64
    Oriol Roca Batalla/Marcello Serafini (S) b. Davide Cortimiglia/Alessandro Ceppellini (G) 63 62
    PLAYOUT
    La Canottieri Casale deve ancora aspettare per brindare alla prima vittoria in questa serie A1: nella gara d’andata dei playout, infatti, il club di Casale Monferrato ha pareggiato in casa per 3-3 con il TC Italia Forte dei Marmi di Stefano Travaglia e Walter Trusendi, terzo nel Girone 4 (il più equilibrato di questo campionato), in lizza per un posto nei playoff fino all’ultima giornata.
    Nell’anticipo di sabato il TC Prato è stato superato in casa 4-2 dal TC Crema. Peccato per i toscani, in vantaggio dopo i primi due singolari, vinti da Niccolò Baroni e Federico Iannaccone: poi però Samuel Vincent Ruggeri ed Andrey Golubev, a segno sia in singolare che insieme in doppio, hanno ribaltato il risultato insieme all’altro doppio lombardo Ungur/Bresciani. Va ricordato che Crema (come Forte dei Marmi) è la formazione finita ai playoff col maggior bottino di punti (8).
    Sconfitta casalinga per il TC Genova del Next Gen Matteo Arnaldi, battuto 5-1 dallo Sporting Club Sassuolo di Enrico Dalla Valle, Federico Bondioli e del tedesco Daniel Masur, a segno sia in singolare che in doppio.
    Infine lo Junior Perugia del Nex Gen Francesco Passaro, ultimo nel Girone 4 – il più equilibrato di tutti – e che si è ritrovato a giocare i playout nonostante i 7 punti conquistati, si è imposto per 6-0 sul New Tennis Torre del Greco, campione uscente, finito terzo nel Girone 2 dopo la sconfitta a tavolino per impraticabilità del campo nell’incontro casalingo non disputato contro il TC Pistoia nell’ultima giornata. Il team campano ha già più di un piede in A2.
    Risultati dell’andata dei playout – domenica 27 novembre:
    Società Canottieri Casale – TC Italia Forte dei Marmi 3-3
    Lorenzo Carboni (I) b. Gregorio Biondolillo (C) 76(5) 63
    Corentin Denolly (C) b. Walter Trusendi (I) 76(3) 61
    Stefano Travaglia (I) b. Facundo Juarez (C) 62 64
    Alessio Demichelis (C) b. Marco Furlanetto (I) 36 63 76(1)
    Corentin Denolly/Marco Bella (C) c. Lorenzo Carboni/Marco Furlanetto (I) 67(8) 62 10-5
    Stefano Travaglia/Walter Trusendi (I) b. Alessio Demichelis/Gregorio Biondolillo (C) 76(8) 63
    TC Prato – TC Crema 2-4 (giocata sabato 26 novembre)
    Niccolò Baroni (P) b. Lorenzo Bresciani (C) 61 36 75
    Federico Iannaccone (P) b. Adrian Ungur (C) 62 63
    Samuel Vincent Ruggeri (C) b. Nicolas Edgar Carlo Parrizia (P) 63 76(5)
    Andrey Golubev (C) b. Leone De Marzi (P) 60 60
    Adrian Ungur/Lorenzo Bresciani (C) b. Niccolò Baroni/Leone De Marzi (P) 60 62
    Samuel Vincent Ruggeri/Andrey Golubev (C) b. Federico Iannaccone/Nicolas Edgar Carlo Parrizia (P) 62 64
    TC Genova – Sporting Club Sassuolo 1-5
    Federico Bondioli (S) b. Gianluca Cadenasso (G) 61 63
    Francesco Picco (G) b. Mattia Ricci (S) 61 63
    Enrico Dalla Valle (S) b. Antoine Julien Escofier (G) 26 62 64
    Daniel Masur (S) b. Matteo Arnaldi (G) 63 76(4)
    Giulio Mazzoli/Daniel Masur (S) b. Francesco Picco/Gianluca Cadenasso (G) 64 64
    Federico Bondioli/Enrico Dalla Valle (S) b. Matteo Arnaldi/Antoine Julien Escofier (G) 75 36 10-8
    Junior Perugia – New Tennis Torre del Greco 6-0
    Tomas Gerini (P) b. Giovanni Cozzolino 60 61
    Tomislav Brkic (P) b. Raffaele Barba (N) 61 62
    Gilberto Casucci (P) b. Filippo Palumbo (N) 62 60
    Francesco Passaro (P) b. Antonio Marigliano (N) 63 62
    Francesco Passaro/Gilberto Casucci (P) b. Filippo Palumbo/Giovanni Cozzolino (N) 3-0 rit.
    Tomislav Brkic/Andrea Ribaldi Militi (P) b. Raffaele Barba/Antonio Marigliano (N) 63 61

    Si sono giocate le gare di andata delle semifinali scudetto e quelle delle sfide per non retrocedere della Serie A1 femminile 2022. Il ritorno è in programma sabato 3 e domenica 4 dicembre. Anche quest’anno il sito www.federtennis.it propone il live score di tutte le partite per consentire agli appassionati di seguire in tempo reale tutti gli incontri, mentre SuperTennix, la piattaforma streaming della Federazione Italiana Tennis, trasmette in diretta due sfide (tra campionato maschile e femminile).
    PLAYOFF
    E’ finita 2-2 la semifinale di andata tra il TC Rungg Sudtirol, che insegue la seconda finale consecutiva, e la Canottieri Casale, giocata sabato in Alto Adige (il club altoatesino è l’unico ad essere approdato nei playoff scudetto sia con la squadra femminile che con quella maschile). Per le padrone di casa a segno l’olandese Quirine Lemoine sia in singolare che in doppio in coppia con Verena Meliss mentre i punti del club piemontese portano la firma di Lisa Pigato e Jessica Pieri. Il match di ritorno domenica 4 dicembre.
    Nell’altra semifinale le campionesse in carica del Tc Parioli (Nastassja Burnett, Beatrice Lombardo, Martina Di Giuseppe) hanno messo una seria ipoteca sulla finale superando a Roma per 3-1 il Tennis Beinasco, che aveva chiuso in testa il Girone 2. A mantenere una chance di ribaltare il risultato nella gara di ritorno, in programma domenica 4 dicembre, il doppio vinto da di Giulia Gatto Monticone e Giulia Pairone.
    Risultati dell’andata dei playoff – domenica 27 novembre:
    TC Rungg Sudtirol – Società Canottieri Casale 2-2 (giocata sabato 26 novembre)
    Lisa Pigato (C) b. Martina Spigarelli (R) 64 63
    Quirine Yannicke Lemoine (R) b. Anastasia Kulikova (C) 76(4) 76(6)
    Jessica Pieri (C) b. Verena Meliss (R) 61 63
    Quirine Yannicke Lemoine/Verena Meliss (R) c. Lisa Pigato/Deborah Chiesa (C) 75 64
    Tc Parioli – Tennis Beinasco 3-1
    Martina Di Giuseppe (P) b. Giulia Gatto-Monticone (B) 63 62
    Beatrice Lombardo (P) b. Giulia Pairone (B) 63 61
    Nastassja Burnett (P) b. Anna Turco (B) 61 60
    Giulia Gatto-Monticone/Giulia Pairone (B) b. Martina Di Giuseppe/Beatrice Lombardo (P) 62 76(4)
    PLAYOUT
    Nell’anticipo di sabato il Tc Genova mette subito le cose in chiaro: grazie a Lucia Bronzetti e Denise Valente, a segno sia nei rispettivi singolari che in doppio, supera 3-1 la matricola AT Verona Falconeri (Raggi, Moratelli e la greca Grammatikopoulou), che ha affrontato questa serie A1 senza alcun timore reverenziale mancando davvero di un soffio i playoff (terza nel Girone 1 con 10 punti!) e che domenica 4 dicembre proverà a rimettere in discussione la permanenza in A1.
    Nell’altra sfida il BAL Lumezzane (Anastasia Piangerelli, Chiara Carini, Rubina De Ponti) è stato sconfitto in casa per 4-0 dal TC Italia Forte dei Marmi (Jasmine Paolini, Claudia Giovine, Anastasia Bertacchi), finito al terzo posto con tre vittorie e tre sconfitte in un combattutissimo Girone 2. Nella gara di ritorno – sabato 3 dicembre – al club toscano basterà vincere un match soltanto per assicurarsi la permanenza in A1.
    Risultati dell’andata dei playout – domenica 27 novembre:
    Tc Genova – AT Verona Falconeri 3-1 (giocata sabato 26 novembre)
    Lucia Bronzetti (G) b. Valentini Grammatikopoulou (V) 64 62
    Angelica Moratelli (V) b. Martina Caregaro (G) 60 75
    Denise Valente (G) b. Angelica Raggi (V) 60 60
    Lucia Bronzetti/ Denise Valente (G) b. Valentini Grammatikopoulou/Angelica Moratelli (V) 63 75
    BAL Lumezzane – TC Italia 0-4
    Jasmine Paolini (I) b. Chiara Catini (L) 61 61
    Anastasia Bertacchi (I) b. Anastasia Piangerelli (L) 76(4) 76(10)
    Claudia Giovine (I) b. Rubina Marta De Ponti (L) 62 64
    Anastasia Bertacchi/Jasmine Paolini (I) b. Chiara Catini/Rubina Marta De Ponti (L) 62 62 LEGGI TUTTO

  • in

    Il presidente della federazione tedesca intende sfidare Haggerty nel 2023 per il rinnovo della carica all’ITF

    L’attuale presidente Haggerty insieme al tedesco Von Armin (foto Imago)

    Dietloff von Arnim avrebbe intenzione di candidarsi alla Presidenza dell’ITF l’anno prossimo, quando la carica di David Haggerty sarà arrivata al quarto anno e andrà rinnovata. Lo riporta il media tedesco SID (Sport Information Service), secondo il quale il consiglio di amministrazione della German Tennis Association (DTB) ha deciso di nominare von Arnim come candidato per l’elezione a presidente dell’ITF al congresso di Cancun (Messico) che si svolgerà il prossimo settembre 2023.
    L’attuale capo del massimo organo tennistico internazionale è stato eletto per la prima volta nel 2015 e quindi rieletto per un secondo mandato nel 2019. A lui si deve il discusso accordo con la società Kosmos che ha rivoluzionato il formato della Coppa Davis.
    Il 62enne von Arnim è stato presidente della Federazione tedesca di tennis (DTB) negli ultimi due anni, in precedenza è stato direttore della World Team Cup di Dusseldorf tra il 2004 e il 2012. La notizia potrebbe avere un certo peso, poiché la Germania è stata una delle nazioni (insieme all’Australia) più restie al cambiamento della Davis, e più critiche dopo la svolta del 2019.
    Sono pochissimi i dirigenti sportivi tedeschi a capo di federazioni internazionali olimpiche. Attualmente solo Klaus Schormann (pentathlon moderno) e Thomas Konietzko (canoa) occupano posizioni di vertice. Thomas Weikert ha rinunciato alla carica di presidente della federazione internazionale di tennis tavolo alla fine del 2021 ed è passato a capo della Confederazione tedesca degli sport olimpici (DOSB). LEGGI TUTTO

  • in

    Lo sfogo di Fulvio Fognini dopo la sconfitta in semifinale di Davis

    Simone Bolelli e Fabio Fognini doppio vincente alle Finals 2022

    Su Instagram parla Fulvio Fognini, padre di Fabio.Il padre di uno dei migliori giocatori italiani degli ultimi 40 anni ha esternato il suo dispiacere per non essere riusciti ad alzare la Coppa Davis 46 anni dopo il successo in Cile.Ricordiamo che rimane, per il momento, l’unica vittoria italiana in Davis. LEGGI TUTTO