More stories

  • in

    Play Off 5° posto: Milano conquista il pass per la finale. 3-1 a Verona

    SEMIFINALE – PLAY OFF 5° POSTOAllianz Milano – NBV Verona 3-1 (22-25, 25-20, 25-20, 25-20)Allianz Milano: Sbertoli 6, Basic 11, Kozamernik 10, Patry 16, Urnaut 16, Piano 7, Staforini (L), Daldello 0, Pesaresi (L), Maar 2, Meschiari 0. N.E. Weber, Ishikawa, Mosca. All. Piazza.NBV Verona: Spirito 0, Magalini 12, Aguenier 9, Jensen 20, Asparuhov 16, Zingel 6, Donati (L), Bonami (L), Peslac 0. N.E. Kaziyski, Zanotti, Caneschi. All. Stoytchev.ARBITRI: Luciani, Frapiccini.NOTE – durata set: 29′, 26′, 27′, 26′; tot: 108′.
    MILANO – È l’Allianz Powervolley Milano la seconda finalista dei playoff 5° posto. La squadra di coach Piazza raggiunge Modena (che ha battuto Piacenza per 3-0) nell’ultimo atto del torneo che assegna un posto in Europa in Challenge Cup nella prossima stagione. Dopo il passo falso della scorsa settimana, i meneghini si riscattano immediatamente e trovano il successo su l’NBV Verona, battuta con il punteggio di 3-1. Un match non privo di suspense quello che si è disputato al Centro FIPAV Pavesi, chiuso in 4 set in 1 ora e 48 minuti di gioco con i parziali 22-25, 25-20, 25-20, 25-20. Milano trova nella concretezza d’attacco e nella fase break armi fondamentali per la conquista della finalissima, in programma domenica 25 aprile all’Allianz Cloud.
    I meneghini hanno giocato con grande intensità, riversando energia e qualità sul taraflex del Centro Pavesi, su cui ha brillato in particolar modo la prestazione di Riccardo Sbertoli. Egregia la regia del palleggiatore meneghino, che si prende il titolo di MVP, mandando in doppia cifra quattro giocatori (Patry ed Urnaut con 16 punti, 11 per Basic e 10 per Kozamernik). È stato un match dettato dall’equilibrio, ma è il team guidato da coach Piazza a primeggiare in quasi tutti i fondamentali, mettendo in grossa difficoltà Verona soprattutto nei momenti cruciali, sapendo gestire con sapienza il ritmo del gioco per lunghi tratti della partita e, di fatto, riscattando definitivamente il brutto k.o. di sette giorni fa subito proprio per mano de i veneti.
    Riccardo Sbertoli, MVP del match
    SESTETTI – Milano, c’è Basic in coppia di posto 4 con Urnaut, poi è Sbertoli-Patry in diagonale di posto 2, Kozamernik e Piano al centro con Pesaresi libero.  Verona in campo con Spirito-Jensen, Aguenier-Zingel e Magalini-Asparuhov, con Bonami libero
    LA PARTITA – Partenza favorevole a Verona che mura Urnaut e l’ace di Asparuhov per il 2-6, che porta al primo time out di coach Piazza. Kozamernik inchioda a terra un imperioso primo tempo (5-9), con il muro a due Patry-Kozamernik che riavvicina Milano (7-10). Milano non molla e la diagonale di Urnaut vale l’8-10, seguita dall’invasione di Asparuhov che porta il parziale sul 9-10. Anoora un muro per Milano: Kozamernik blocca Jensen per il 10 pari, con il danese che attacca sull’asta consegnando il vantaggio ai padroni di casa (11-10). Primo +2 nel set per Milano: Patry dai 9 metri bombarda per il 14-12. Si riporta subito avanti Verona, sfruttando l’errore in primo tempo di Piano (14-15), con Patry che non sbaglia in diagonale siglando il 15-16. Patry trova un tocco liftato per il 18-19, ma l’ace di Jensen porta sul 19-22 Verona. Patry chiude il break (21-22), ma è ancora un ace, questa volta di Asparuhov, a portare il parziale sul 21-24. Magalini trova il mani out del 22-25.
    Patry rimedia subito all’errore e trova la diagonale del 4-5, poi è l’ace di Sbertoli a rimettere il punteggio in parità (6-6). Ancora Milano che sfrutta prima l’attacco out di Magalini e poi è Patry a sfondare per l’8-6. Ancora Sbertoli che trova una serie incredibile dai 9 metri per il 10-6, con un altro ace che arriva con Kozamernik (13-9). Pipe di Basic in rigiocata (14-9), poi muro vincente per Piano (15-9). Urnaut sfonda il muro e respinge l’offensiva veronese (16-12), ma è proprio l’attacco out dello sloveno a portare Verona sul -3 (17-14). Sbertoli si improvvisa attaccante e trova il mani out del 19-15, poi il regista illumina per Kozamernik che non sbaglia sotto rete (21-17). Doppio Urnaut ed il punteggio diventa 23-18, poi è ancora lo sloveno a mettere la parola fine sul parziale (25-20).
    Ace di Patry (3-1), seguito da un altro ace di Piano (6-3). Alla festa dai 9 metri del set si unisce anche Sbertoli che trova l’ace dell’8-4, con la pipe di Basic che porta il vantaggio di Milano sul +5 (10-5). Mani out Patry (12-18), seguito dall’errore in primo tempo di Zingel. Muro Milano (15-10), poi Basic passa in mezzo al muro per il 17-11. Kozamernik è una sentenza al centro della rete (due punti consecutivi per il 20 -12), ma Verona rimonta fino al 20-18, sfruttando le imprecisioni dei padroni di casa. Maar toglie le castagne dal fuoco (21-18), trovando anche lo smash del 22-18. Kozamernik a segno in primo tempo (23-19), poi è attacco mancino per Urnaut (24-19). Piano chiude i giochi in primo tempo per il 25-20Subito Urnaut in diagonale per il 3-2, ma è Verona a trovare il primo +2 (5-7) con la diagonale vincente di Jensen. Subito parità per Milano con il muro di Patry (7-7), con cambio palla fluido tra le due squadre: alla diagonale di Jensen, risponde la pipe di Basic (11-11). Super ace di Urnaut (12-11) che trova l’incrocio delle linee, con il break firmato Patry da seconda linea (14-12). Sbertoli si supera a muro (15-12), con Piano che alza un muro enorme per il 19-15. Piano chiude un meraviglioso scambio (22-16), con Meschiari in campo per Basic sul 23-17. Sull’errore di Verona, il match si chiude 25-20.
    Patry, opposto di Milano
    HANNO DETTO
    Il commento finale è affidato alle parole di Matteo Meschiari, inserito nel finale da coach Piazza e ad un passo dal siglare il match point: “Quando sono entrato ero un po’ incredulo: è successo tutto molto velocemente, non me l’aspettavo e una volta in campo ho dovuto guardare da un’altra prospettiva la palla. Peccato per la difesa dell’avversario perché speravo di fare almeno l’ultimo punto, ma è stato bravissimo lui, quindi complimenti. Ho avuto un momento di difficoltà, ma i miei compagni sono sempre stati lì a incoraggiarmi, supportarmi e darmi consiglio quindi è stato un ingresso facilitato. Oggi abbiamo disputato una bella partita, soprattutto perché l’ultima volta che abbiamo giocato contro Verona abbiamo subìto una brutta sconfitta con parziali anche abbastanza severi. Oggi ci siamo rifatti con un avversario molto forte. Adesso siamo in finale e la testa va a Modena, che ha vinto con Piacenza: il nostro obiettivo è giocare al meglio per conquistare l’accesso in Europa”.
    Radostin Stoytchev, allenatore di Verona: “Nel primo set siamo andati molto bene perchè la squadra è rimasta lucida, purtroppo invece nel secondo set su una situazione in cui avremmo avuto la possibilità di pareggiare non siamo riusciti a sfruttare la situazione e invece abbiamo preso un ace che ci ha stroncato. Nel terzo e quarto set abbiamo sofferto il cambio palla e con qualche errore di troppo in battuta, specialmente quelle al salto. Milano ha vinto meritatamente la partita, esprimendo un ottimo livello di gioco che è nelle loro corde da tutta la stagione: complimenti a loro. Il bilancio dei giovani? Sono molto soddisfatto tu tutti i ragazzi, specialmente di Magalini e Jensen” LEGGI TUTTO

  • in

    Milano batte Verona e vola in finale playoff 5° posto

    L’Allianz Powervolley non sbaglia la semifinale (3-1 agli scaligeri): in finale sarà sfida con Modena.
    IN SINTESI: Sarà Milano-Modena la finale dei playoff 5° posto, con la squadra di coach Piazza che raggiunge gli emiliani nell’ultimo atto del torneo che assegna un posto in CEV Challenge Cup nel prossimo anno. L’Allianz Powervolley batte infatti nella semifinale in gara unica Verona con il punteggio finale di 3-1 (25-22, 25-20, 25-20, 25-20) e vola in finalissima trascinata da un grande Sbertoli, MVP del match, autore di una prova maiuscola in regia. Piano e compagni riscattano così la sconfitta subita proprio per mano dei veneti di 7 giorni fa e lo fanno con una prova corale che non lascia scampo agli avversari. L’ultima gara della stagione si giocherà così domenica 25 (h 18, diretta Raisport sul canale 58) all’Allianz Cloud contro Modena. Il commento finale è affidato affidato alle parole di Matteo Meschiari, inserito nel finale da coach Piazza e ad un passo dal siglare il match point: «Oggi abbiamo disputato una bella partita, soprattutto perché l’ultima volta che abbiamo giocato contro Verona abbiamo subìto una brutta sconfitta con parziali anche abbastanza severi. Oggi ci siamo rifatti con un avversario molto forte. Ad un passo dall’ultimo punto? Si, ma l’avversario ha fatto una grande difesa. È successo tutto molto velocemente e non me l’aspettavo».
    MILANO – È l’Allianz Powervolley Milano la seconda finalista dei playoff 5° posto. La squadra di coach Piazza raggiunge Modena (che ha battuto Piacenza per 3-0) nell’ultimo atto del torneo che assegna un posto in Europa in CEV Challenge Cup nella prossima stagione. Dopo il passo falso della scorsa settimana, i meneghini si riscattano immediatamente e trovano il successo su l’NBV Verona, battuta con il punteggio di 3-1. Un match non privo di suspense quello che si è disputato al Centro FIPAV Pavesi, chiuso in 4 set in 1 ora e 48 minuti di gioco con i parziali 22-25, 25-20, 25-20, 25-20. Milano trova nella concretezza d’attacco e nella fase break armi fondamentali per la conquista della finalissima, in programma domenica 25 aprile all’Allianz Cloud.
    Coach Piazza e i suoi ragazzi si meritano e guadagnano un posto in finale nei Playoff 5° posto. I meneghini hanno giocato con grande intensità, riversando energia e qualità sul taraflex del Centro Pavesi, su cui ha brillato in particolar modo la prestazione di Riccardo Sbertoli. Egregia la regia del palleggiatore meneghino, che si prende il titolo di MVP, mandando in doppia cifra quattro giocatori (Patry ed Urnaut con 16 punti, 11 per Basic e 10 per Kozamernik). È stato un match dettato dall’equilibrio, ma è il team guidato da coach Piazza a primeggiare in quasi tutti i fondamentali, mettendo in grossa difficoltà Verona soprattutto nei momenti cruciali, sapendo gestire con sapienza il ritmo del gioco per lunghi tratti della partita e, di fatto, riscattando definitivamente il brutto k.o. di sette giorni fa subito proprio per mano de i veneti.
    Il commento finale è affidato alle parole di Matteo Meschiari, inserito nel finale da coach Piazza e ad un passo dal siglare il match point: «Quando sono entrato ero un po’ incredulo: è successo tutto molto velocemente, non me l’aspettavo e una volta in campo ho dovuto guardare da un’altra prospettiva la palla. Peccato per la difesa dell’avversario perché speravo di fare almeno l’ultimo punto, ma è stato bravissimo lui, quindi complimenti. Ho avuto un momento di difficoltà, ma i miei compagni sono sempre stati lì a incoraggiarmi, supportarmi e darmi consiglio quindi è stato un ingresso facilitato. Oggi abbiamo disputato una bella partita, soprattutto perché l’ultima volta che abbiamo giocato contro Verona abbiamo subìto una brutta sconfitta con parziali anche abbastanza severi. Oggi ci siamo rifatti con un avversario molto forte. Adesso siamo in finale e la testa va a Modena, che ha vinto con Piacenza: il nostro obiettivo è giocare al meglio per conquistare l’accesso in Europa». Prossimo appuntamento domenica 25 aprile alle 18.00 all’Allianz Cloud contro Modena per la finale che mette in palio un posto in Europa (match in diretta su Raisport, canale 58 del digitale terrestre).
    CRONACA
    Primo set: C’è Basic in coppia di posto 4 con Urnaut, poi è Sbertoli-Patry in diagonale di posto 2, Kozamernik e Piano al centro con Pesaresi libero. Partenza favorevole a Verona che mura Urnaut e l’ace di Asparuhov per il 2-6, che porta al primo time out di coach Piazza. Kozamernik inchioda a terra un imperioso primo tempo (5-9), con il muro a due Patry-Kozamernik che riavvicina Milano (7-10). Milano non molla e la diagonale di Urnaut vale l’8-10, seguita dall’invasione di Asparuhov che porta il parziale sul 9-10. Anoora un muro per Milano: Kozamernik blocca Jensen per il 10 pari, con il danese che attacca sull’asta consegnando il vantaggio ai padroni di casa (11-10). Primo +2 nel set per Milano: Patry dai 9 metri bombarda per il 14-12. Si riporta subito avanti Verona, sfruttando l’errore in primo tempo di Piano (14-15), con Patry che non sbaglia in diagonale siglando il 15-16. Patry trova un tocco liftato per il 18-19, ma l’ace di Jensen porta sul 19-22 Verona. Patry chiude il break (21-22), ma è ancora un ace, questa volta di Asparuhov, a portare il parziale sul 21-24. Magalini trova il mani out del 22-25.
    Secondo set:Patry rimedia subito all’errore e trova la diagonale del 4-5, poi è l’ace di Sbertoli a rimettere il punteggio in parità (6-6). Ancora Milano che sfrutta prima l’attacco out di Magalini e poi è Patry a sfondare per l’8-6. Ancora Sbertoli che trova una serie incredibile dai 9 metri per il 10-6, con un altro ace che arriva con Kozamernik (13-9). Pipe di Basic in rigiocata (14-9), poi muro vincente per Piano (15-9). Urnaut sfonda il muro e respinge l’offensiva veronese (16-12), ma è proprio l’attacco out dello sloveno a portare Verona sul -3 (17-14). Sbertoli si improvvisa attaccante e trova il mani out del 19-15, poi il regista illumina per Kozamernik che non sbaglia sotto rete (21-17). Doppio Urnaut ed il punteggio diventa 23-18, poi è ancora lo sloveno a mettere la parola fine sul parziale (25-20).
    Terzo set:Ace di Patry (3-1), seguito da un altro ace di Piano (6-3). Alla festa dai 9 metri del set si unisce anche Sbertoli che trova l’ace dell’8-4, con la pipe di Basic che porta il vantaggio di Milano sul +5 (10-5). Mani out Patry (12-18), seguito dall’errore in primo tempo di Zingel. Muro Milano (15-10), poi Basic passa in mezzo al muro per il 17-11. Kozamernik è una sentenza al centro della rete (due punti consecutivi per il 20 -12), ma Verona rimonta fino al 20-18, sfruttando le imprecisioni dei padroni di casa. Maar toglie le castagne dal fuoco (21-18), trovando anche lo smash del 22-18. Kozamernik a segno in primo tempo (23-19), poi è attacco mancino per Urnaut (24-19). Piano chiude i giochi in primo tempo per il 25-20.
    Quarto set:Subito Urnaut in diagonale per il 3-2, ma è Verona a trovare il primo +2 (5-7) con la diagonale vincente di Jensen. Subito parità per Milano con il muro di Patry (7-7), con cambio palla fluido tra le due squadre: alla diagonale di Jensen, risponde la pipe di Basic (11-11). Super ace di Urnaut (12-11) che trova l’incrocio delle linee, con il break firmato Patry da seconda linea (14-12). Sbertoli si supera a muro (15-12), con Piano che alza un muro enorme per il 19-15. Piano chiude un meraviglioso scambio (22-16), con Meschiari in campo per Basic sul 23-17. Sull’errore di Verona, il match si chiude 25-20.
    TABELLINO
    ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO –  NBV VERONA: 3-1 (22-25, 25-20, 25-20, 25-20)
    Allianz Powervolley Milano: Basic 11, Kozamernik 10, Daldello 0, Sbertoli 6, Maar 2, Patry 16, Meschiari 0, Piano 6, Urnaut 16, Pesaresi (L). N.e.: Staforini (L), Weber, Mosca, Ishikawa. All. Roberto Piazza.
    NBV Verona: Magalini 12, Peslac 0, Aguenier 9, Asparuhov 16, Zingel 7, Jensen 20, Spirito 0, Donati (L), Bonami (L). N.e.: Kaziyski, Caneschi, Zanotti. All. Rado Stoytchev.
    NOTE 
    Durata set: 29’, 26’, 27’, 26’. Durata totale: 1h e 48’.
    Allianz Powervolley Milano: battute vincenti 7, battute sbagliate 14, muri 12, attacco 50%, 40% (20% perfette) in ricezione.
    NBV Verona: battute vincenti 3, battute sbagliate 11, muri 10, attacco 45%, 53% (30% perfette) in ricezione.
    Arbitri: Luciani – Frappicini. Terzo Arbitro: Manzoni.
    Impianto: Centro FIPAV Pavesi di Milano
    MVP: Sbertoli LEGGI TUTTO

  • in

    Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza sfuma il sogno finale nei Play Off 5° Posto

    Sfuma a un passo dal traguardo la finale per Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza che esce sconfitta contro Leo Shoes Modena per 0-3. La formazione modenese approda così alla finale Play Off 5° Posto di SuperLega Credem Banca che si disputerà domenica 25 aprile.
    Per i biancorossi svanisce sul più bello il sogno di provare a giocarsi un posto nella prossima Challenge Cup e sono costretti a salutare la competizione e a chiudere così la propria stagione. Una partita complicata per Clevenot e compagni che faticano a contenere le giocate degli ospiti, trascinati dai colpi di Buchegger (16 punti e titolo di Mvp) e Petric (10 punti). I ragazzi di coach Lorenzo Bernardi non riescono a trovare la reazione decisiva per provare a girare l’inerzia della partita; il solo Antonov chiude in doppia cifra (10 punti) mentre Tondo conferma buone percentuali in attacco (70% in attacco).
    A inizio gara Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza schiera sul taraflex Baranowicz al palleggio, Finger opposto, Tondo e Mousavi al centro, Clevenot e Antonov come schiacciatori e Scanferla libero.
    In avvio buona partenza dei biancorossi che sfruttano al meglio la battuta di Clevenot, bravo a creare subito qualche problema tra i modenese (2-0). La reazione degli ospiti non si fa attendere e i gialli attuano il sorpasso (4-5); Piacenza rimane attaccata agli avversari e mette la freccia per un contro-sorpasso con l’ace di capitan Clevenot (11-9). I ragazzi di coach Giani non perdono la calma: trovano la parità con il muro su Mousavi e allungano con l’ace di Mazzone (14-16). I piacentini faticano a ricostruire mentre gli avversari scappano via. L’errore in battuta di Izzo chiude il parziale (21-25).
    Il secondo set si apre con il bel muro di Mousavi che porta Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza sul 3-1, Modena però risponde e trova il sorpasso 3-4. I biancorossi pareggiano con Finger e compiono il sorpasso con Clevenot (6-5) ma commettono poi qualche errore di troppo, che permette a Christenson e compagni di passare avanti. Coach Bernardi chiama time out (11-14) e manda in campo Candellaro per Mousavi; Piacenza fatica a ripartire mentre i modenesi viaggiano tranquilli verso la conquista del set. (16-25).
    Meglio Leo Shoes Modena ad inizio della terza frazione di gioco (1-3): i padroni di casa faticano ma si riportano sotto con Clevenot; sempre con il capitano e Baranowicz arriva un allungo per Piacenza (9-7). Gli ospiti reagiscono e riescono nell’aggancio, complice un attacco out di Finger (12-12). Modena passa avanti (18-20) con Petric; i ragazzi di coach Bernardi provano a non far scappare gli avversari ma nel finale è Rinaldi a mettere a terra il punto della vittoria che vale la finale per i gialli (21-25).
    È coach Bernardi a fine gara a commentare il match disputato al PalaBanca di Piacenza:
    “I ragazzi avrebbero meritato l’opportunità di giocarsi la finale di domenica, mi spiace per non aver raggiunto quel traguardo. Nell’ultimo mese abbiamo avuto un numero ridotto di giocatori disponibili e qualcosa abbiamo pagato. Purtroppo abbiamo commesso qualche errore e qualche imprecisione che ci portiamo avanti da partite precedenti”.
    Gas Sales Bluenergy Piacenza – Leo Shoes Modena 0-3 (21-25, 16-25, 21-25)Gas Sales Bluenergy Piacenza: Baranowicz 1, Clevenot 9, Tondo 8, Finger 9, Antonov 10, Mousavi 3, Fanuli (L), Scanferla (L), Izzo 0, Candellaro 0. N.E. Botto. All. Bernardi.Leo Shoes Modena: Christenson 5, Rinaldi 9, Bossi 2, Buchegger 16, Petric 10, Mazzone 7, Sanguinetti (L), Porro 0, Grebennikov (L), Stankovic 0, Gollini 0. N.E. Vettori, Estrada Mazorra, Karlitzek. All. Giani.ARBITRI: Curto, Pozzato.NOTE – durata set: 30′, 27′, 30′; tot: 87′.MVP: Buchegger LEGGI TUTTO

  • in

    Play Off 5° posto. Modena vince il derby in semifinale. 3-0 a Piacenza

    SEMIFINALE PLAY OFF 5° POSTOGas Sales Bluenergy Piacenza – Leo Shoes Modena 0-3 (21-25, 16-25, 21-25)Gas Sales Bluenergy Piacenza: Baranowicz 1, Clevenot 9, Tondo 8, Finger 9, Antonov 10, Mousavi 3, Fanuli (L), Scanferla (L), Izzo 0, Candellaro 0. N.E. Botto. All. Bernardi.Leo Shoes Modena: Christenson 5, Rinaldi 9, Bossi 2, Buchegger 16, Petric 10, Mazzone 7, Sanguinetti (L), Porro 0, Grebennikov (L), Stankovic 0, Gollini 0. N.E. Vettori, Estrada Mazorra, Karlitzek. All. Giani.ARBITRI: Curto, Pozzato.NOTE – durata set: 30′, 27′, 30′; tot: 87′.
    PIACENZA – Si chiude qui la stagione della Gas Sales Piacenza che in semifinale si vede superata in casa, con un netto 0-3, da una Leo Shoes Modena che ha disputato questo torneo in un crescendo che ha via via smentito sul campo alle sensazioni iniziali che avevano fatto pensare ad un mancato interesse gialloblù nella corsa alla partecipazione 2021/22 alla terza coppa continentale. Nella semifinale in gara unica di oggi si son posti all’attenzione due giocatori che radio mercato mette già come partenti, l’opposto austriaco Buchegger e lo schiacciatore serbo Petric con 15 e 11 punti realizzati con un attacco al 68% e 61%.La Gas Sales con soli 10 uomini in organico – senza Russell, Grozer e Polo, non ha saputo sfruttare un dato percentuale di ricezione migliore di quello emiliano in fase di costruzione realizzativa in attacco. A livello individuale spiccano i 10 punti di Antonov (45%), ma soprattutto i 9 di Tondo che ha attaccato al 70% e piazzato due muri.Modena domenica 25 aprile sarà quindi in finale sul campo della vincente di Milano-Verona, in corso.
    In aggiornamento LEGGI TUTTO

  • in

    La Lube si porta avanti 2-1

    Mercoledì 21 aprile 2021Finale Play Off Scudetto: a Perugia vince la Lube, avanti 2-1Play Off Promozione Serie A2: giocate Gara 1 di SemifinalePlay Off Promozione Serie A3: chiusi gli Ottavi, ecco le squadre ai Quarti
    Play Off SuperLega Credem Banca La Cucine Lube non concede un set a Sir Safety Conad e si porta in vantaggio 2-1 nella serie
    Risultato Gara 3 Play Off Scudetto SuperLega Credem BancaSir Safety Conad Perugia – Cucine Lube Civitanova 0-3 (20-25, 18-25, 14-25)
    Sir Safety Conad Perugia – Cucine Lube Civitanova 0-3 (20-25, 18-25, 14-25) – Sir Safety Conad Perugia: Travica 0, Leon Venero 12, Russo 3, Atanasijevic 12, Plotnytskyi 8, Solé 4, Biglino (L), Colaci (L), Ter Horst 0, Ricci 0, Vernon-Evans 0. N.E. Zimmermann, Muzaj, Piccinelli. All. Fontana.Cucine Lube Civitanova: De Cecco 1, Juantorena 10, Simon 9, Rychlicki 8, Leal 15, Anzani 6, Larizza (L), Balaso (L), Hadrava 0, Kovar 0. N.E. Yant Herrera, Diamantini, Falaschi, Marchisio. All. Blengini. ARBITRI: Rapisarda, Lot. NOTE – durata set: 25′, 29′, 27′; tot: 81′.
    Netta vittoria della Cucine Lube Civitanova in gara 3 di Finale Play Off. La formazione di Blengini detta legge al PalaBarton sconfiggendo in tre set la Sir Safety Conad Perugia in un match sempre condotto dagli ospiti fin dalle prime battute di gioco. I numeri evidenziano la prestazione di Civitanova che attacca con il 61% di squadra, batte a mille all’ora (7 ace), mura meglio (5 punti diretti nel fondamentale) e soprattutto non sbaglia nulla (appena 13 gli errori diretti di cui 11 al servizio). Tutto il contrario nella metà campo della squadra di Fontana. Tralasciando le varie percentuali, pesano in negativo il saldo errori al servizio/ace (12 battute sbagliate, un solo punto diretto), lo zero nella casella dei muri vincenti e soprattutto i 26 errori gratuiti in tre set, un’enormità sempre e soprattutto contro un avversario come la Lube. È Leal l’Mvp del match. Il caraibico è devastante in attacco (71%) ed al servizio (3 ace) e termina con 15 punti a referto. Doppia cifra in casa Lube anche per Juantorena, 9 per Simon con il 78% sotto rete. In casa Sir 12 a testa per Atanasijevic e Leon, il migliore è Plotnytskyi che ne mette 8 con l’80% in attacco. Sabato a Civitanova gara 4. La Lube gioca per chiudere il discorso Scudetto, la Sir per tenere viva la corsa al tricolore.
    MVP: Leal
    Aleksandar Atanasijevic (Sir Safety Conad Perugia): “Penso che loro sono stati molto bravi a metterci in difficoltà. Hanno battuto benissimo ed hanno tenuto benissimo quando il servizio entrava a noi. I Play Off sono questi, c’è la vittoria e c’è la sconfitta. Adesso dobbiamo ricaricarci e pensare a sabato, dovremo dare tutto perché non c’è domani”.
    Yoandy Leal (Cucine Lube Civitanova): “Siamo felici per essere riusciti a entrare in campo con una mentalità differente rispetto a gara 2. Abbiamo giocato una pallavolo di altissimo livello. Ora dobbiamo riposarci, tornare in campo sabato e provare a ripeterci per chiudere la serie ed evitare la quinta gara. Volevamo riscattare gli errori dell’ultimo match e abbiamo interpretato bene il match e anche nel prossimo incontro dovremo fare altrettanto”.
    Risultato Gara 1Sir Safety Conad Perugia – Cucine Lube Civitanova 1-3 (23-25, 25-22, 20-25, 20-25)Risultato Gara 2Cucine Lube Civitanova – Sir Safety Conad Perugia 2-3 (25-21, 21-25, 25-27, 25-23, 12-15)
    A questo link è possibile consultare il tabellone Play Off SuperLega Credem Bancahttps://www.legavolley.it/risultati/?Anno=2020&IdCampionato=836
    A questo link è possibile consultare la cartella stampahttps://www.legavolley.it/eventi/superlega-credem-banca-2020-2021/
    Prossimo turnoGara 4 Finali Play Off Scudetto SuperLega Credem BancaSabato 24 aprile 2021, ore 18.00Cucine Lube Civitanova – Sir Safety Conad PerugiaDiretta RAI SportCommento di Maurizio Colantoni, Andrea Lucchetta e Fabio Vullo
    Gara 5 eventuale Finali Play Off Scudetto SuperLega Credem BancaMartedì 27 aprile 2021, ore 20.30Sir Safety Conad Perugia – Cucine Lube Civitanova

    Play Off Promozione Serie A2 Credem Banca Brescia e Taranto in vantaggio dopo Gara 1 di Semifinale
    Avvincente doppio tie break in avvio della Semifinale del Play Off Promozione Credem Banca: la corsa per la SuperLega inizia con Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia vincente sul campo di Emma Villas Aubay Siena, mentre Prisma Taranto batte in casa al quinto parziale BAM Acqua S.Bernardo Cuneo.Gara 2 domenica a campi invertiti.
    Risultati Gara 1 Semifinali Play Off Promozione Serie A2 Credem BancaEmma Villas Aubay Siena-Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia 2-3 (25-21, 23-25, 21-25, 25-21, 13-15)Prisma Taranto-BAM Acqua S.Bernardo Cuneo 3-2 (25-20, 25-17, 22-25, 17-25, 15-13)
    Prisma Taranto – BAM Acqua S.Bernardo Cuneo 3-2 (25-20, 25-17, 22-25, 17-25, 15-13) – Prisma Taranto: Coscione 4, Fiore 11, Di Martino 6, Padura Diaz 25, Gironi 16, Alletti 11, Cascio (L), Hoffer (L), Cottarelli 0, Cominetti 0, Goi (L), Parodi 1. N.E. Persoglia. All. Di Pinto. BAM Acqua S.Bernardo Cuneo: Pistolesi 4, Tiozzo 17, Sighinolfi 9, Pereira Da Silva 15, Preti 6, Bonola 10, Bisotto (L), Chiapello (L), Catania (L), Galaverna 11. N.E. Gonzi, D’Amato, Rainero. All. Serniotti. ARBITRI: De Simeis, Palumbo. NOTE – durata set: 26′, 24′, 31′, 27′, 22′; tot: 130′.
    Emma Villas Aubay Siena – Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia 2-3 (25-21, 23-25, 21-25, 25-21, 13-15) – Emma Villas Aubay Siena: Fabroni 1, Massari 16, Zamagni 7, Romanò 27, Yudin 17, Barone 10, Crivellari (L), Fantauzzo 0, Fusco (L), Panciocco 0. N.E. Della Volpe, Ciulli, Truocchio. All. Spanakis. Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia: Tiberti 2, Galliani 14, Candeli 11, Bisi 19, Cisolla 15, Esposito 16, Tonoli (L), Tasholli 0, Cogliati 0, Franzoni (L), Bergoli 0. N.E. Orlando Boscardini, Crosatti, Ghirardi. All. Zambonardi. ARBITRI: Merli, Grassia. NOTE – durata set: 26′, 28′, 28′, 28′, 20′; tot: 130′.
    Prossimo turnoGara 2 Semifinali Play Off A2 Credem BancaDomenica 25 Aprile 2021, ore 18.00Gruppo Consoli Centrale del Latte Brescia – Emma Villas Aubay SienaDiretta YouTubeBAM Acqua S.Bernardo Cuneo – Prisma TarantoDiretta YouTube
    Gara 3 Semifinali Play Off A2 Credem BancaDomenica 2 maggio 2021, orari da definireEmma Villas Aubay Siena – Gruppo Consoli Centrale del Latte BresciaDiretta YouTubePrisma Taranto – BAM Acqua S.Bernardo CuneoDiretta YouTube
    Eventuale Gara 4 Semifinali Play Off A2 Credem BancaMercoledì 5 maggio 2021, orari da definireGruppo Consoli Centrale del Latte Brescia – Emma Villas Aubay SienaDiretta YouTubeBAM Acqua S.Bernardo Cuneo – Prisma TarantoDiretta YouTube
    Eventuale Gara 5 Semifinali Play Off A2 Credem BancaDomenica 9 maggio 2021, orari da definireEmma Villas Aubay Siena-Gruppo Consoli Centrale del Latte BresciaDiretta YouTubePrisma Taranto-BAM Acqua S.Bernardo CuneoDiretta YouTube
    A questo link è possibile vedere il tabellone dei Play Off Promozione Serie A2 Credem Banca https://www.legavolley.it/risultati/?Anno=2020&IdCampionato=834
    Play Off Promozione Serie A3 Credem BancaSi chiudono gli Ottavi, domenica in campo per i Quarti
    Risultati Gara 3 Ottavi di Finale Play Off A3 Credem Banca – Girone BiancoHRK Motta di Livenza – ViViBanca Torino 3-1 (18-25, 25-23, 25-23, 25-16)Gamma Chimica Brugherio – Vigilar Fano 3-0 (25-21, 25-19, 26-24)Risultati Gara 3 Ottavi di Finale Play Off A3 Credem Banca – Girone BluVidex Grottazzolina – Pallavolo Franco Tigano Palmi 3-1 (25-16, 25-15, 20-25, 25-16)Efficienza Energia Galatina – Aurispa Libellula Lecce 2-3 (25-19, 25-18, 25-27, 9-25, 11-15)Abba Pineto – Normanna Aversa Academy 3-0 (25-12, 25-14, 25-16)
    Con i risultati di oggi termina la competizione a due gironi in Serie A3 Credem Banca, giunta agli Ottavi Play Off. Le vincenti si uniscono ora in un unico tabellone che prevede Quarti e Semifinali al meglio delle 3 gare. Le due squadre vincitrici le Semifinali saranno promosse in Serie A2.
    HRK Motta di Livenza batte ViViBanca Torino e trova l’abbinamento con Abba Pineto, che ha chiuso i giochi con Normanna Aversa Academy.
    Gamma Chimica Brugherio piega in casa la Vigilar Fano per 3-0 e raggiungerà domenica il campo di Grottazzolina, dopo che la Videx (leader del Girone Blu) con un 3-1 in Gara 3 ha chiuso il campionato della Pallavolo Franco Tigano Palmi.
    Efficienza Energia Galatina, seconda in Regular Season e a lungo protagonista del Girone Blu, scivola in casa al quinto set e spalanca la strada ad Aurispa Libellula Lecce, eroica underdog partita ultima dai Sedicesimi. Si invertono quindi le sedi gara previste nella sfida Blu contro Bianchi: la già qualificata Med Store Macerata (terza Bianca in classifica) parte col favore di campo contro Lecce (10a Blu).
    La prossima quarta sfida era già stata definita dalle Gare 2, con Delta Group Rico Carni Porti Viro in lizza con Maury’s Com Cavi Tuscania.
    I tabelliniHRK Motta di Livenza – ViViBanca Torino 3-1 (18-25, 25-23, 25-23, 25-16) – HRK Motta di Livenza: Alberini 4, Mian 2, Arienti 4, Gamba 34, Saibene 2, Luisetto 5, Nardo (L), De Marchi 6, Battista (L), Scaltriti 10. N.E. Tonello, Pinali, Basso. All. Lorizio. ViViBanca Torino: Filippi 3, Gasparini 16, Mazzone 6, Gerbino 14, Richeri 12, Maletto 5, Valente (L), Genovesio 0, Oberto 0, Martina (L), Romagnano 0. N.E. Matta, Piasso. All. Simeon. ARBITRI: Serafin, Licchelli. NOTE – durata set: 26′, 33′, 29′, 28′; tot: 116′.
    Gamma Chimica Brugherio – Vigilar Fano 3-0 (25-21, 25-19, 26-24) – Gamma Chimica Brugherio: Santambrogio 2, Gozzo 12, Fumero 6, Nielsen 19, Teja 11, Frattini 3, Todorovic (L), Raffa (L), Biffi T. 0, Biffi J. 0, Piazza 0. N.E. Innocenzi, Salvador, Compagnoni. All. Durand. Vigilar Fano: Cecato 1, Ruiz 8, Ferraro 5, Lucconi 17, Tallone 7, Bartolucci 3, Silvestrelli 0, Cesarini (L), Ferro 0. N.E. Ulisse, Gori, Roberti. All. Pascucci. ARBITRI: Scotti, Marconi. NOTE – durata set: 25′, 22′, 28′; tot: 75′.
    Videx Grottazzolina – Pallavolo Franco Tigano Palmi 3-1 (25-16, 25-15, 20-25, 25-16) – Videx Grottazzolina: Marchiani 0, Vecchi 18, Romagnoli 12, Calarco 21, Starace 10, Cubito 6, Brandi (L), Romiti (L), Reyes Leon 1. N.E. Viciedo Palacios, Di Bonaventura, Gaspari, Pison. All. Ortenzi. Pallavolo Franco Tigano Palmi: Parisi 3, Boscaini 10, Remo 0, Limberger Neto 1, Zappoli Guarienti 12, Porcello 7, Di Carlo (L), Amato 0, Carbone (L), Laganà 14, Concolino 4. N.E. Morelli, Roberts. All. Polimeni. ARBITRI: Salvati, Oranelli. NOTE – durata set: 21′, 21′, 23′, 22′; tot: 87′.
    Efficienza Energia Galatina – Aurispa Libellula Lecce 2-3 (25-19, 25-18, 25-27, 9-25, 11-15) – Efficienza Energia Galatina: Parisi 2, Lotito 15, Antonaci 15, Giannotti 26, Maiorana 9, Musardo 6, Apollonio (L), Torchia (L), Lentini 0, Pepe 0, Gallo 0, Buracci 1. N.E. Elia, Conoci. All. Stomeo. Aurispa Libellula Lecce: Longo 1, Disabato 18, Agrusti 12, Stabrawa 31, Capelli 15, Rau 10, Catena (L), Ciardo 0, Lisi 0, Poli 0. N.E. Laganà, Morciano. All. Denora. ARBITRI: Morgillo, Pasciari. NOTE – durata set: 27′, 33′, 36′, 21′, 19′; tot: 136′.
    Abba Pineto – Normanna Aversa Academy 3-0 (25-12, 25-14, 25-16) – Abba Pineto: Partenio 4, Cattaneo 8, Orazi 7, Morelli 13, Held 18, Trillini 11, Giaffreda (L), Cappio (L). N.E. Zornetta, Lalloni, Catone, Meleddu, Marcotullio. All. Rosichini. Normanna Aversa Academy: Alfieri 0, Darmois 6, Bonina 3, Cester 9, Sacripanti 6, Fortes 5, Mignone (L), Di Meo (L), Calitri (L), Mille 0, Diana 0, Conte 0. N.E. Simonelli, Bongiorno, Ricco. All. Tomasello. ARBITRI: Feriozzi, Dell’Orso. NOTE – durata set: 19′, 20′, 25′; tot: 64′.
    Risultati Gara 2 Ottavi di Finale Play Off A3 Credem Banca – Girone BiancoViViBanca Torino – HRK Motta di Livenza 3-0 (25-17, 25-19, 25-13)Vigilar Fano – Gamma Chimica Brugherio 3-2 (16-25, 19-25, 25-20, 25-21, 15-9)Sol Lucernari Montecchio Maggiore – Delta Group Rico Carni Porto Viro 1-3 (22-25, 25-20, 20-25, 21-25)Sa.Ma. Portomaggiore – Med Store Macerata 0-3 (26-28, 18-25, 24-26)
    Risultati Gara 2 Ottavi di Finale Play Off A3 Credem Banca – Girone BluNormanna Aversa Academy – Abba Pineto 3-1 (25-17, 25-21, 21-25, 25-22)Avimecc Modica – Maury’s Com Cavi Tuscania 1-3 (25-19, 17-25, 22-25, 21-25)Aurispa Libellula Lecce – Efficienza Energia Galatina 3-0 (25-20, 25-23, 25-15)Pallavolo Franco Tigano Palmi – Videx Grottazzolina 1-3 (27-29, 17-25, 25-20, 25-27)
    Risultati Gara 1 Ottavi di Finale Play Off A3 Credem Banca – Girone BiancoHRK Motta di Livenza – ViViBanca Torino 3-2 (21-25, 25-17, 25-19, 22-25, 15-11)Gamma Chimica Brugherio – Vigilar Fano 3-1 (25-20, 17-25, 25-19, 25-21)Delta Group Rico Carni Porto Viro – Sol Lucernari Montecchio Maggiore 3-0 (25-21, 25-15, 25-12)Med Store Macerata – Sa.Ma. Portomaggiore 3-0 (25-23, 25-16, 25-19)
    Risultati Gara 1 Ottavi di Finale Play Off A3 Credem Banca – Girone Blu:Maury’s Com Cavi Tuscania – Avimecc Modica 3-1 (25-20, 21-25, 25-20, 25-17)Abba Pineto – Normanna Aversa Academy 3-0 (25-15, 25-22, 25-17)Videx Grottazzolina – Pallavolo Franco Tigano Palmi 1-3 (21-25, 23-25, 25-20, 26-28)Efficienza Energia Galatina – Aurispa Libellula Lecce 3-0 (25-18, 25-18, 25-21)
    A questo link è possibile consultare il tabellone Play Off Serie A3 Credem Banca – Girone Bianco:www.legavolley.it/risultati/?Anno=2020&IdCampionato=839A questo link è possibile consultare il tabellone Play Off Serie A3 Credem Banca – Girone Blu:www.legavolley.it/risultati/?Anno=2020&IdCampionato=840
    Prossime gareGara 1 Quarti di Finale Play Off A3 Credem Banca Domenica 25 aprile, orari da definireHRK Motta di Livenza – Abba PinetoMed Store Macerata – Aurispa Libellula LecceVidex Grottazzolina – Gamma Chimica BrugherioDelta Group Rico Carni Porto Viro – Maury’s Com Cavi Tuscania
    Tutte le gare in diretta su Legavolley.tv
    Gara 2 Quarti di Finale Play Off A3 Credem Banca Domenica 2 maggio, orari da definireAbba Pineto – HRK Motta di LivenzaAurispa Libellula Lecce – Med Store MacerataGamma Chimica Brugherio – Videx GrottazzolinaMaury’s Com Cavi Tuscania – Delta Group Rico Carni Porto Viro
    Gara 3 Quarti di Finale Play Off A3 Credem Banca Mercoledì 5 maggio, orari da definireHRK Motta di Livenza – Abba PinetoMed Store Macerata – Aurispa Libellula LecceVidex Grottazzolina – Gamma Chimica BrugherioDelta Group Rico Carni Porto Viro – Maury’s Com Cavi Tuscania
    A questo link è possibile consultare il tabellone Play Off Serie A3 Credem Banca – Quarti e Semifinali (le due vincenti le Semifinali salgono in Serie A2):https://www.legavolley.it/risultati/?Anno=2020&IdCampionato=841 LEGGI TUTTO

  • in

    Flop bianconero. La Lube domina gara 3

    Prova di forza della formazione di Blengini che chiude in tre set il terzo atto della serie di finale scudetto. I Block Devils sono troppo fallosi e poco incisivi. Sabato a Civitanova gara 4 con le spalle al muro, serve una vittoria per restare vivi

    Cade pesantemente in gara 3 la Sir Safety Conad Perugia.I Block Devils cedono in tre set ad una eccellente Cucine Lube Civitanova restando in partita solo nella prima parte del primo set ed ora si trovano nuovamente sotto nella serie che assegna lo scudetto.Prova incolore di Perugia che non trova mai il bandolo della matassa. Tralasciando le varie percentuali, pesano in negativo il saldo errori al servizio/ace (12 battute sbagliate, un solo punto diretto), lo zero nella casella dei muri vincenti e soprattutto i 26 errori gratuiti in tre set, un’enormità sempre e soprattutto contro un avversario come la Lube.Serata difficile per gli uomini di Fontana anche perché, dall’altra parte della rete, c’è stata una squadra che ha girato a mille in attacco (61% di squadra), al servizio (7 ace) ed a muro (5 punti diretti nel fondamentale), sbagliando praticamente nulla (appena 13 gli errori diretti di cui 11 al servizio) e trovando in uno scatenato Leal il match winner.In casa Sir 12 punti a testa per Atanasijevic e Leon, il migliore in attacco come percentuali è Plotnytskyi che ne mette 8 con l’80% in attacco.La sconfitta, come detto, è pesante. Ma (e questa è davvero l’unica nota da salvare della serata) non decisiva. Perugia deve ricaricare energie e morale in questi tre giorni che la separano da gara 4 in programma sabato a Civitanova. I Block Devils saranno spalle al muro, l’unica strada per allungare la serie alla bella sarà quella di tornare dall’Eurosuole Forum con una vittoria.
    IL MATCH
    Formazione di gara 2 per Fontana. Out la pipe di Leon, vantaggio Civitanova (3-4). Muro di Simon (5-7). Ace di Juantorena (6-9). Maniout di Leon, Perugia accorcia (8-9). Ancora Leon in contrattacco e parità (10-10). Incomprensione tra Travica e Plotnytskyi (10-12). Altro errore in attacco dei padroni di casa (12-15). Plotnytskyi e poi ace di Atanasijevic (14-15). In rete Solè (14-17). Muro di Juantorena, la Lube scappa via (18-22). Pipe di Leal, set point Civitanova (20-24). Chiude subito il muro di Simon (20-25).Parta a razzo la Lube nel secondo set con Leal scatenato in attacco ed al servizio con tre ace consecutivi (3-9). Ancora Leal in pipe, poi ace di De Cecco (5-13). Contrattacco di Leon (7-13). Perugia sistema la fase di primo attacco, ma non riesce a ricucire (14-20). Juantorena porta i suoi al set point (18-24). Out Solè, la Lube raddoppia (18-25).Avvio equilibrato nel secondo set (6-6). Ace di Juantorena (6-8). Leal in contrattacco (7-10). Invasione aerea di De Cecco (9-10). Altri due per Leal (9-13). Muro di Simon, poi contrattacco di Leal (12-18). Perugia commette errori in serie (13-21). Leal chiude la diagonale (13-23). Il match è segnato, chiude Anzani (14-25).
    I COMMENTI
    Aleksandar Atanasijevic (Sir Safety Conad Perugia): “Penso che loro sono stati molto bravi a metterci in difficoltà. Hanno battuto benissimo ed hanno tenuto benissimo quando il servizio entrava a noi. I playoff sono questi, c’è la vittoria e c’è la sconfitta. Adesso dobbiamo ricaricarci e pensare a sabato, dovremo dare tutto perché non c’è domani”.
    IL TABELLINO
    SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 0-3Parziali: 20-25, 18-25, 14-25SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Travica, Atanasijevic 12, Russo 3, Solè 4, Leon 12, Plotnytskyi 8, Colaci (libero), Ricci, Ter Horst, Vernon-Evans. N.e.: Zimmermann, Muzaj, Piccinelli, Biglino (libero). All. Fontana, vice all. Cadeddu.CUCINE LUBE CIVITANOVA: De Cecco 1, Rychlicki 8, Simon 9, Anzani 6, Leal 15, Juantorena 10, Balaso (libero), Kovar, Hadrava. N.e.: Marchisio, Falaschi, Larizza (libero), Diamantini, Yant Herrera. All. Blengini, vice all. Massaccesi.Arbitri: Daniele Rapisarda – Dominga LotLE CIFRE – PERUGIA: 12 b.s., 1 ace, 51% ric. pos., 17% ric. prf., 52% att., 0 muri. CIVITANOVA: 11 b.s., 7 ace, 44% ric. pos., 22% ric. prf., 61% att., 5 muri.
    UFFICIO STAMPA SIR SAFETY CONAD PERUGIA LEGGI TUTTO

  • in

    Play Off/Finale Gara3. Civitanova domina 0-3 e torna avanti nella serie. 26 errori per Perugia, Leal MVP

    FINALE SCUDETTO – GARA 3Sir Safety Conad Perugia – Cucine Lube Civitanova 0-3 (20-25, 18-25, 14-25)Sir Safety Conad Perugia: Travica 0, Leon Venero 12, Russo 3, Atanasijevic 12, Plotnytskyi 8, Solé 4, Biglino (L), Colaci (L), Ter Horst 0, Ricci 0, Vernon-Evans 0. N.E. Zimmermann, Muzaj, Piccinelli. All. Fontana.Cucine Lube Civitanova: De Cecco 1, Juantorena 10, Simon 9, Rychlicki 8, Leal 15, Anzani 6, Larizza (L), Balaso (L), Hadrava 0, Kovar 0. N.E. Yant Herrera, Diamantini, Falaschi, Marchisio. All. Blengini.ARBITRI: Rapisarda, Lot.NOTE – durata set: 25′, 29′, 27′; tot: 81′.
    PERUGIA – Il fattore campo continua ad essere annullato nella Finale Scudetto. La Lube Civitanova espugna ancora il PalaBarton, al termine di 81 minuti dominati, contro una Sir Safety Perugia troppo brutta per essere vera. Mvp Leal, a tratti inarrestabile (71%) e determinante al servizio, sia nei punti diretti che per costruire la fase break. Tra i Block Devils significativo che il migliore sia proprio Atanasijevic, 12 punti come Leon ma con una percentuale migliore in attacco (58%). La serie tornerà a Civitanova sabato 24 aprile, ed i cucinieri avranno la prima possibilità di chiudere i conti con il tricolore.
    PIU’ E I MENO – Civitanova fa meglio in attacco (52% a 61%) e nelle ricezioni perfette (17% a 22%). Oltre a Leal, Leon ed Atanasijevic, in doppia cifra anche Juantorena (64%). 7 punti per i centrali di Perugia, 15 per quelli della Lube. 26 errori diretti per i perugini contro i 13 dei marchigiani. La differenza è stata soprattutto qui.
    LA CHIAVE – Perugia molla gli ormeggi proprio nei fondamentali che le permettono spesso di fare la differenza: il servizio (1 a 7 gli ace) ed a muro (nessuno contro i 5 dei marchigiani). Difesa e contrattacco (59%) asfissiante per la Lube, con De Cecco che vince nettamente la sfida in regia con Travica.
    SESTETTI – Fontana si affida a Travica-Atanasijevic diagonale di posto due, Russo e Solé centrali, Leon e Plotnytskyi in banda e Colaci a guidare la seconda linea. Blengini risponde con De Cecco in regia e Rychlicki opposto, Anzani-Simon al centro, Leal e Juantorena a schiacciare e ricevere e Balaso libero.
    LA PARTITA – Il muro di Simon (5-7) e l’ace di Juantorena (6-9) spezzano l’equilibrio iniziale; Leon (due palloni su otto a terra), impatta (10-10), ma non basta ai Block Devils per imboccare la strada giusta. Perugia sbaglia troppo (10 errori, 7 in battuta), e la Lube scappa ancora (12-15); la Sir non riesce più a ricucire lo strappo, e nel finale i muri di Anzani (17-20), Juantorena (18-22) e Rychlicki chiudono la pratica.
    Alla ripresa, quattro colpi di Leal (tre ace consecutivi) scavano il solco (3-9); Civitanova attacca bene (65%), la Sir invece si perde in ricezione (ace di De Cecco, 5-13). Il margine resta pressoché invariato per tutta la frazione (13-20), Atanasijevic (5 punti, 71%) riduce leggermente il gap (17-22), senza però modificare l’inerzia; l’errore di Solé vale il raddoppio.
    Botta e risposta in avvio di terzo set, poi l’ace di Juantorena (6-8) e l’affondo di Leal (7-10) spingono ancora gli ospiti. Ricci subentra a Russo, ma la musica non cambia (12-18); Perugia stacca definitivamente la spina (13-22) e l’ultimo colpo della coppia di ex De Cecco-Anzani manda in ghiaccio la partita. LEGGI TUTTO

  • in

    Play Off/Finale Gara3. I commenti di Atanasijevic, Leal, Blengini, Balaso, Rychlicki, De Cecco

    PERUGIA – Le parole dei protagonisti di gara 3 di finale scudetto.
    Aleksandar Atanasijevic, opposto della Sir Safety Conad Perugia: “Penso che loro sono stati molto bravi a metterci in difficoltà. Hanno battuto benissimo ed hanno tenuto benissimo quando il servizio entrava a noi. I playoff sono questi, c’è la vittoria e c’è la sconfitta. Adesso dobbiamo ricaricarci e pensare a sabato, dovremo dare tutto perché non c’è domani”.
    Yoandy Leal, MVP, schiacciatore della Cucine Lube Civitanova: “Siamo felici per essere riusciti a entrare in campo con una mentalità differente rispetto a gara 2. Abbiamo giocato una pallavolo di altissimo livello. Ora dobbiamo riposarci, tornare in campo sabato e provare a ripeterci per chiudere la serie ed evitare la quinta gara. Volevamo riscattare gli errori dell’ultimo match e abbiamo interpretato bene il match e anche nel prossimo incontro dovremo fare altrettanto”.
    Gianlorenzo Blengini, allenatore della Cucine Lube Civitanova: “La voglia di riscatto quando perdi c’è sempre, soprattutto da parte di grandi giocatori che sanno di poter fare buone cose. Rispettiamo l’avversario, Perugia è una squadra tosta, tenace, agguerrita e di qualità. Sapevamo di dover offrire una pallavolo diversa da quella mostrata in Gara 2. Non si può scegliere di riuscirci, ma si può dare il massimo. Stasera lo abbiamo fatto. Siamo riusciti a dare più continuità alla ricezione e di conseguenza anche al nostro cambio palla. Quella di oggi è stata una grande sfida, ma è solo una partita. In una Finale Scudetto bisogna restare agganciati, resettare e stringere i denti, sia quando si è sopra e gli avversari cercano di recuperare, sia quando si è in svantaggio e si deve rimontare. Se non si riesce, bisogna riprovarci nel set dopo. La Finale Scudetto è dura, perché si affrontano due grandi squadre: soffrire e resistere è normale, questo non deve essere il motivo di un cambio di atteggiamento o di una perdita di fiducia”.
    Fabio Balaso libero della Cucine Lube Civitanova: “È stata una bella gara per noi: un risultato netto ottenuto giocando bene in tutti i fondamentali. Perugia in Gara 4 tenterà il tutto per tutto, dovremo resistere nei momenti difficili. Ce ne saranno che sicuramente. Gara 2? Abbiamo giocato con alti e bassi facendo fatica, per poco non siamo riusciti a portare a casa il match. Adesso pensiamo a Gara 4 che è la cosa più importante”.
    Kamil Rychlicki opposto Cucine Lube Civitanova: “Una serata molto bella per noi e per i tifosi, ma dobbiamo restare razionali, perché ancora non abbiamo nulla in mano. Il fattore campo? Di solito è più dura in trasferta, ora però vogliamo vincere in casa. Oggi tutto è andato bene, in particolare la battuta, che di solito è il punto di forza di Perugia”.
    Luciano De Cecco (regista della Cucine Lube Civitanova): “Perugia aveva mostrato i muscoli in Gara 2, oggi siamo stati noi a farlo. Mettere il giusto atteggiamento in campo ci dà consapevolezza ed è un’altra cosa. Per giocare queste sfide bisogna sempre avere un livello alto. In Gara 2 non abbiamo giocato come volevamo, ma eravamo lì. Gara 4? Non ci penso troppo, mi godo la vittoria odierna. Poi penseremo alla prossima partita”. LEGGI TUTTO