More stories

  • in

    MotoGp: Gresini stabile e senza febbre

    BOLOGNA – Le condizioni di Fausto Gresini tengono ancora tutti con il fiato sospeso ed è per questo che a tranquillizzare un po’ gli animi ci pensa il figlio Lorenzo attraverso un post sul suo profilo Facebook.

    Situazione stabile
    Il figlio dell’ex pilota, ricoverato all’Ospedale di Bologna dallo scorso 30 dicembre dopo la positività al Coronavirus, ha mandato un messaggio di speranza: “Babbo è stabile anche stasera, ben ventilato e senza febbre. Seguiranno altri aggiornamenti”. Il post ritrae un Lorenzo bambino, in sella a una mini moto con il papà Fausto che lo sorregge. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp: ancora gravi le condizioni di Gresini

    BOLOGNA – Le condizioni di salute di Fausto Gresini, dopo la positività al Covid-19 e il conseguente ricovero dallo scorso 30 dicembre presso il reparto di terapia intensiva dell’ospedale Maggiore Carlo Alberto Pizzardi di Bologna, restano critiche.

    Situazione delicata
    A chiarire la situazione è il del dottor Nicola Cilloni nel bollettino medico diramato oggi dallo stesso Gresini Racing Team: “Le condizioni generali di Fausto sono purtroppo ancora gravi” le parole del medico. “I polmoni colpiti duramente dalla malattia e da una sovrapposta infezione riescono a dare ossigeno al sangue solo ed aiutati dalla macchina per la ventilazione meccanica. È ancora necessario mantenere addormentato quasi sempre Fausto per permettere al ventilatore meccanico di funzionare correttamente. Quando periodicamente viene svegliato, è cosciente e combattivo”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Marc Marquez “pedala” verso il rientro: è in sella ad una cyclette

    ROMA – Ancora buone notizie per Marc Marquez. Il segnale positivo è rappresentato dall’immagine che il pilota della Honda ha pubblicato sul proprio profilo Instagram. Tutore ben saldo al braccio, ma in sella alla cyclette.

    Marquez “pedala”
    “Primo giorno di pedalate indoor” scrive Marquez nel post, dopo ben 48 giorni di fermo dall’ultima operazione all’omero destro. La novità arriva pochi giorni dopo la nota del team che riguardava l’evoluzione clinica positiva sulla salute dello spagnolo. Certo è che per ipotizzare una data di rientro ancora è presto. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp: accordo tra Ducati e Dorna fino al 2026

    BORGO PANIGALE – La Ducati sarà protagonista in MotoGP almeno per altre cinque stagioni. La scuderia di Borgo Panigale e la Dorna hanno infatti firmato un accordo per la permanenza, nella classe regina, della Rossa a due ruote fino al 2026.

    Corse fondamentali per Ducati
    La Ducati, sin dal suo esordio nel 2003, ha confermato il suo ruolo da protagonista, vincendo il primo GP dopo sei corse, con Loris Capirossi, e poi centrando i titoli mondiali costruttori e piloti nel 2007 con Casey Stoner. Nella passata stagione è arrivato il secondo titolo iridato tra i team: “Le corse sono da sempre una parte veramente fondamentale della marca Ducati” afferma Claudio Domenicali, CEO di Ducati Motor Holding, in una nota del team. “E lo rimarranno anche nel futuro. Rappresentano un modo per alimentare la passione e il tifo dei Ducatisti di tutto il mondo. Ma anche un laboratorio di ricerca avanzata, la palestra dove facciamo crescere i giovani ingegneri. Questo rinnovato accordo è una conferma che la pista e le moto ad alte prestazioni rimangono per Ducati un elemento centrale”.
    Una conferma importante per tutto il Motomondiale quello della scuderia di Borgo Panigale come sottolinea anche Carmelo Ezpeleta affermando che Dorna Sports sia “orgogliosa di poter continuare la sua partnership con Ducati. E ringrazia l’azienda italiana per aver confermato la fiducia nel campionato. Siamo onorati di aver potuto accompagnare Ducati nel suo percorso ricco di successi. Non vediamo l’ora di condividere insieme questo nuovo capitolo della sua storia, con due promesse come Jack Miller e Pecco Bagnaia. Il potenziale e il talento di questi due giovani piloti sarà sicuramente uno degli aspetti più interessanti del Mondiale MotoGP 2021”.
    Gigi Dall’Igna, Direttore Generale di Ducati Corse, ha così commentato il prolungamento dell’accordo con il Circus a due ruote: “Negli ultimi anni la Desmosedici GP ha dimostrato di essere una delle moto più competitive in griglia. Il titolo costruttori 2020 ne è un’ulteriore dimostrazione. Anche se quest’anno il regolamento non permetterà grandi sviluppi tecnici, affronteremo la stagione 2021 con la stessa passione e dedizione. L’obiettivo è lottare per il titolo MotoGP con i nostri piloti e preparare le basi per il nostro impegno futuro nel Campionato”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Oliveira: “KTM ha un gran potenziale ma serve tempo”

    ALMADA – “La KTM ha un potenziale enorme che ha bisogno di più tempo degli altri per poter essere espresso al meglio”. Miguel Oliveira dopo la straordinaria stagione in MotoGP che lo ha visto conquistare due vittorie punta ad alzare ancora l’asticella visto che passerà dal team Tech3 a quello Factory al fianco di Brad Binder.

    Test non fondamentali
    Il pilota portoghese ha contribuito insieme ai suoi compagni, grazie ai risultati ottenuti, a far sì che la KTM fosse equiparata ai top team perdendo così la possibilità di test supplementari: “I test sono buoni ma non fondamentali come un intenso weekend di gara” le parole di Oliveira. Lo scorso anno, la KTM è andata spesso meglio nella seconda gara sullo stesso circuito: “Questo è vero perché il nostro pacchetto richiede un po’ più di tempo per essere al top ma l’esperienza su vari circuiti nel corso della stagione agevolerà questo processo” conclude il portoghese. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Pol Espargaró: “Indossare i colori della HRC è straordinario”

    GRANOLLERS – “Indossare questi colori è qualcosa di straordinario. Da anni vedo i migliori piloti del mondo vincere titoli e gare con la HRC. Qui è dove ogni pilota sogna di arrivare e di avere successo”. Non nasconde la propria emozione Pol Espargaró nella sua prima intervista ufficiale da pilota della Honda HRC in MotoGP.

    Colori speciali
    Il pilota spagnolo, attraverso il sito ufficiale della casa nipponica, racconta le sue emozioni e aspettative per il mondiale 2021: “Sin da quando corro, questo team era praticamente sul podio in ogni gara, indipendentemente dalla categoria” le parole di Espargaró. “Vedere questi colori accanto al tuo numero è sorprendente. È qualcosa di speciale. Ho sempre avuto chiaro dove volevo arrivare: essere nella squadra migliore del mondo, con la moto migliore e accanto al pilota più forte. Arrivo al Repsol Honda Team nel momento migliore della mia carriera: sono al posto giusto nel momento giusto”.
    Il pilota spagnolo è già focalizzato in ottica mondiale: “L’obiettivo principale della stagione non può essere che salire sul podio e cercare di vincere gare, o addirittura anche il titolo. Dobbiamo migliorare i nostri risultati della passata stagione. Il primo anno non sarà facile ma non sono venuto qui per essere tra i primi sei del campionato, sono qui per diventare Campione del Mondo in MotoGP”.
    Dividere il box con Marquez
    Il primo test regalerà subito emozioni uniche: “Sarò nervoso, questo è certo. Ma non vedo l’ora di salire per la prima volta sulla RC213V perché sarà un momento che ricorderò per il resto della mia vita” confida il pilota iberico.
    Insieme a lui, nel box, ci sarà il connazionale Marc Marquez: “Essere nello stesso team di Marc è un altro dei motivi che mi hanno spinto a voler venire qui. Abbiamo lottato per anni nelle categorie minori e mi sono sempre divertito tanto: quando gareggi contro uno dei più grandi piloti del mondo tendi a migliorare molto più velocemente. Insomma ci sono tutti gli elementi giusti per affermare che sto realizzando il mio sogno” conclude Espargaró. LEGGI TUTTO