More stories

  • in

    Carlos Bernardes ha avuto un infarto, è in miglioramento

    Il momento del ricovero di Carlos Bernardes

    Il famoso giudice di sedia Carlos Bernardes ha avuto un infarto a Melbourne, ma fortunatamente è in buone condizioni e il decorso sembra positivo. Lo afferma il collega Ricardo Reis al portale TenisBrasil.
    “Carlos ha avuto un infarto l’altra mattina” dichiara Reis, “alloggiamo nello stesso hotel, tanto che quando ho visto dalla finestra un’ambulanza che aveva parcheggiato gli ho persino mandato una foto dicendogli ‘qualcuno si è sentito male’. Mi ha risposto: ‘Sono stato io a chiamare, sento molto dolore, soprattutto al petto’. Per fortuna ha chiamato i soccorsi molto velocemente e l’ambulanza è arrivata subito”. Come riportato in precedenza, Bernardes è stato soccorso dai paramedici, che l’hanno stabilizzato e trasportato immediatamente all’ospedale. Ma visto che nessuno indossava tute protettive, si è subito intuito che il problema non fosse il Covid-19.

    “Ha avuto un attacco di cuore, le sue vene erano ostruite” continua Reis. “Ha trascorso diverse ore in ospedale a prendere farmaci specifici. Abbiamo parlato sia ieri mattina che nel pomeriggio, mi ha rassicurato. Stamattina non sono ancora riuscito a parlarci, ma via messaggio mi ha assicurato che si sente bene e continua ad assumere farmaci. Stanno valutando se mettergli uno stent, ma probabilmente non sarà necessario. Sono riusciti a sbloccare l’ostruzione delle vene e la situazione pare sotto controllo”.
    Per fortuna quindi il quadro clinico di Bernardes è in netto miglioramento. Non sappiamo se riuscirà a lavorare agli Australian Open, ma auguriamo il meglio al “mitico Bernardo”.

    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    ATP Cup 2021: Sorteggiati i gruppi. l’Italia con Austria e Francia

    Matteo Berrettini ITA, 1996.04.12

    Sorteggiati questa notte i gironi dell’edizione 2021 dell’ATP Cup.L’Italia, affidata a Vincenzo Santopadre, schiera Matteo Berrettini, Fabio Fognini, Simone Bolelli e Andrea Vavassori. Gli azzurri sono inseriti nel gruppo C con l’Austria di Dominic Thiem e la Francia di Gael Monfils.
    La Spagna di Nadal, la Serbia di Djokovic con Germania e Canada. Sono 12 le squadre al via: in gara 14 dei primi 15 tennisti del ranking.Il via dal 1° al 5 febbraio.
    Gruppo ASerbia 🇷🇸Germania 🇩🇪Canada 🇨🇦
    Gruppo BSpagna 🇪🇸Grecia 🇬🇷Australia 🇦🇺
    Gruppo CAustria 🇦🇹Italia 🇮🇹Francia 🇫🇷
    Gruppo DRussia 🇷🇺Argentina 🇦🇷Giappone 🇯🇵

    SEMIFINALI1 ° GRUPPO A vs. 1 ° GRUPPO D1 ° GRUPPO B vs. 1 ° GRUPPO C
    GRUPPO ASerbia: Novak Djokovic, Dusan Lajovic, Filip Krajinovic, Nikola Cacic (capitano: Viktor Troicki)
    Germania: Alexander Zverev, Jan-Lennard Struff, Kevin Krawietz, Andreas Mies (capitano: Mischa Zverev)
    Canada: Denis Shapovalov, Milos Raonic, Peter Polansky, Steven Diez (capitano: Peter Polansky)
    GRUPPO BSpagna: Rafael Nadal, Roberto Bautista Agut, Marcel Granollers, Pablo Carreno Busta (capitano: Pepe Vendrell)
    Grecia: Stefanos Tsitsipas, Michail Pervolarakis, Markos Kalovelonis, Petros Tsitsipas (capitano: Apostolos Tsitsipas)
    Australia: Alex de Minaur, John Millman, John Peers, Luke Saville (capitano: Lleyton Hewitt)
    GRUPPO CITALIA: Matteo Berrettini, Fabio Fognini, Simone Bolelli, Andrea Vavassori (capitano: Vincenzo Santopadre)
    Austria: Dominic Thiem, Dennis Novak, Philipp Oswald, Tristan-Samuel Weissborn (capitano: Wolfgang Thiem)
    Francia: Gael Monfils, Benoit Paire, Nicolas Mahut, Edouard Roger-Vasselin (capitano: Richard Ruckelshausen)
    GRUPPO DRussia: Daniil Medvedev, Andrey Rublev, Aslan Karatsev, Evgeny Dosnkoy (capitano: Evgeny Donskoy)
    Argentina: Diego Schwartzman, Guido Pella, Horacio Zeballos, Maximo Gonzalez (capitano: Diego Schwartzman)
    Giappone: Kei Nishikori, Yoshihito Nishioka, Ben McLachlan, Toshihide Matsui (capitano: Max Mirnyi) LEGGI TUTTO

  • in

    ATP Cup 2021: Questa notte alle 2 italiane il sorteggio. Presente anche l’Italia che sarà in seconda fascia

    ATP Cup 2021: Questa notte alle 2 italiane il sorteggio. Presente anche l’Italia che sarà in seconda fascia

    Il sorteggio per l’edizione 2021 dell”ATP Cup si terrà domani, venerdì 22 gennaio alle 12:00 pm di Melbourne le 02 di notte in Italia.
    Si potrà guardare il sorteggio sulla pagina Facebook dell’ATP Cup.
    Saranno formati quattro gruppi composti da tre nazionali ciascuno per la fase a gironi.
    Prima FasciaAustria (capitano Wolfgang Thiem)Russia (Evgeny Donskoy)Serbia (Viktor Troicki)Spagna (Pepe Vendrell)
    Seconda FasciaArgentina (capitano Diego Schwartzman)Germania (Mischa Zverev)Grecia (Apostolos Tsitsipas)Italia (Vincenzo Santopadre)

    Terza FasciaAustralia (capitano Lleyton Hewitt)Canada (Peter Polansky)Francia (Richard Ruckelhausen)Giappone (Max Mirnyi)
    Italia – Matteo Berrettini, Fabio Fognini, Simone Bolelli e Andrea VavassoriSerbia – Novak Djokovic, Dusan Lajovic, Filip Krajinovic e Nikola CacicSpagna – Rafael Nadal, Roberto Bautista Agut, Marcel Granollers e Pablo Carreno BustaAustria – Dominic Thiem, Dennis Novak, Philipp Oswald e Tristan-Samuel WeissbornRussia – Daniil Medvedev, Andrey Rublev, Aslan Karatsev e Evgeny DonskoyGrecia – Stefanos Tsitsipas, Michail Pervolarakis, Markos Kalovelonis e Petros TsitsipasGermania – Alexander Zverev, Jan-Lennard Struff, Kevin Krawietz e Andreas MiesArgentina – Diego Schwartzman, Guido Pella, Horacio Zeballos e Maximo GonzálezItalia – Matteo Berrettini, Fabio Fognini, Simone Bolelli e Andrea VavassoriGiappone – Kei Nishikori, Yoshihito Nishioka, Ben McLachlan e Toshihide MatsuiFrancia – Gael Monfils, Benoit Paire, Nicolas Mahut e Edouard Roger-VasselinCanada – Denis Shapovalov, Milos Raonic, Peter Polansky e Steven DiezAustralia – Alex de Minaur, John Millman, John Peers e Luke Saville LEGGI TUTTO

  • in

    Medvedev, il tattico: “Ho bisogno di un tennis difensivo, ma non solo, l’importante è saper cambiare” (di Marco Mazzoni)

    Daniil Medvedev, vincitore del Masters 2020

    Daniil Medvedev è uno dei tennisti più attesi del 2021. Il russo ha chiuso il travagliato 2020 col “botto”, vittoria a Bercy e soprattutto alle ATP Finals, dove ha sbaragliato la concorrenza vincendo tutti gli incontri e sconfiggendo nel torneo Djokovic, Nadal e Thiem, i primi tre al mondo. Una dimostrazione di forza che gli è servita moltissimo a ritrovare fiducia dopo una stagione non così buona. Infatti fino agli ultimi due tornei dell’anno (Bercy e Masters) Daniil non era riuscito nemmeno a raggiungere una finale. Agli Australian Open era stato battuto negli ottavi da Wawrinka, quindi pochissima strada negli indoor europei. Nell’estate americana, quella della ripartenza, la semifinale a New York, sconfitto in tre set da Thiem, senza mai dare l’impressione di poter ribaltare l’incontro. Poi due uscite immediate sulla terra in Europa (incluso Roland Garros) e quindi secondo turno a San Pietroburgo, nella sua Russia e in condizioni indoor, dove il suo tennis si esalta.
    Spesso nervoso, poco efficace con la prima, Daniil non dava l’impressione di riuscire ad alzare il livello nei momenti di difficoltà, proprio dove invece aveva impressionato nel 2019. Lo conferma lo stesso giocatore in una intervista rilasciata al sito dell’ATP, in cui ha parlato della svolta a fine 2020. Ne riportiamo alcuni passaggi tra i più interessanti, insieme ad alcune considerazioni.
    “Sicuramente ho avuto dei problemi, specialmente quando non stavo giocando bene”, ha confessato Medvedev. “A volte finisco per perdere la pazienza. Non avevo raggiunto una finale nell’anno… e questo sotto tensione ti viene in mente e non aiuta”.
    “Il tennis non è uno sport facile. È difficile spiegare alcune cose che accadono … Quando sei a terra, devi trovare il modo migliore per alzarti velocemente. C’erano aspettative, io volevo solo dimostrare che sono capace di giocare un buon tennis e battere i ragazzi più bravi”.
    Ricorda con grande soddisfazione la vittoria contro Nadal alle Finals. Un match che aveva praticamente perso, con Rafa a servire per il match nel secondo set. “Quando Rafa stava servendo per la partita, una parte della mia mente stava già pensando …Va bene, tra pochi minuti uscirò da questo campo. È un vero peccato, ero in ottima forma. Mi sentivo come se non stessi giocando peggio di lui. Ho subito un break  nel secondo set, quindi sapevo che quel game era la mia ultima possibilità, ho dovuto dare tutto. Sapevo che avrebbe sentito la pressione come qualsiasi altro giocatore che sta servendo per la partita, e ne ho approfittato riuscendo a trovare delle ottime risposte. Mi sono ritrovato 5 pari, ed ora sì che la pressione era tutta su di lui, perché aveva sprecato la possibilità di chiudere la partita. Da lì in poi ho giocato sempre meglio. Questo è solo un piccolo esempio di cose che ti vengono in mente, che ti fanno concentrare sull’obiettivo e possono girare una partita praticamente persa”.

    Il non festeggiare platealmente dopo una vittoria, anche se importante, è stata una scelta ben precisa: “L’anno scorso ho deciso che sarebbe stato il mio marchio di fabbrica. A molte persone piace, ad altre no, ma è così che preferisco. Quando vinci grandi tornei o anche una bella partita contro grandi avversari e non festeggi, hai effettivamente l’opportunità di guardarti intorno e sentire tutta l’energia che sta circolando. Come artista, come giocatore di tennis, puoi sentire tutto se ci pensi, ed è bellissimo gustarsi tutto questo“.
    L’ultimo focus è relativo al suo tennis. Daniil è un tennista “tattico” nel mero senso del termine: la sua tecnica di gioco – assai personale – è del tutto funzionale al suo piano tattico. Non ci sono molti altri tennisti (anzi, non se ne vedeva da anni!) capaci di “sgonfiare” la palla con ritmi così bassi, comandare lo scambio verso angoli, rotazioni e velocità a lui congeniali e quindi strappare all’improvviso con un’accelerazione fulminante, di diritto o di rovescio, totalmente improvvisa e difficile da leggere. Abbinando quest’abilità difensiva e di contrattacco al suo servizio poderoso e alla qualità notevole anche in risposta, ecco un tennista a dir poco ostico da battere. Per tutti. Uno che non riesci sfondare, che ti fa perdere ritmo (tattica ideale contro la maggior parte degli avversari), che ti fa impazzire perché non capisci che diavolo sta per fare. Un giocatore a suo modo affascinante, perché diverso e capace di regalare grande spettacolo. Eppure alcuni gli rimproverano di essere un difensore… Interessante la sua risposta: “Il mio gioco? Se devo stare sulla difensiva, rimarrò sulla difensiva. Ma di solito contro i primi 10 giocatori restare solo in difesa non funzionerà, quindi devo cambiare tattica. Ovviamente quando mi sento bene, mi piace colpire la palla forte, soprattutto con il diritto. Ma nemmeno tirare solo forte funziona. Alle Finals ho ottenuto più punti vincenti di ogni avversario in tutte le partite che ho giocato, e che ho vinto, il che è fantastico. È la dimostrazione che il mio gioco funziona. Sono felice che le piccole cose su cui abbiamo lavorato con il mio allenatore abbiano funzionato in un contesto così importante”.
    Medvedev è indubbiamente un tennista che divide. Puoi amarne il gioco tattico, vario e bizzarro, oppure odiarne quel gesto scomposto che fa inorridire i “puristi”, come il suo sguardo spesso sprezzante. Di sicuro Daniil non lascia indifferenti. Ogni suo match contro un top player è un bel contrasto di stile perché nessuno gioca come lui. Ricordo il mio primo contatto dal vivo: Milano, NextGen Finals 2017. Mentre tutti erano (giustamente) ammaliati dalla spettacolare irruenza tecnica di Shapovalov, dalla consistenza di Chung e dalla furia di Rublev in accelerazione, personalmente rimasi stupefatto dal potenziale di Medvedev, passato quasi inosservato ai più. Daniil ancora non sapeva stare in campo, caotico in tutti i sensi, ma riusciva a passare con totale nonchalance da palle “spaccate” per violenza pura a scambi lenti, lavorati, “rognosissimi” grazie ad un tocco sopraffino. La palla gli usciva dalle corde in modo spettacolare, non ne leggevi la direzione. Se mette ordine nel suo gioco e nella sua testa, sarà il più forte di tutti questi giovani, pensai. Il campo sta dimostrando proprio questo: Daniil è riuscito a dare un senso al proprio talento costruendosi un gioco unico e vincente.
    Vedremo se agli Australian Open sarà da corsa per il titolo. Nelle sue quattro partecipazioni non ha mai superato gli ottavi.
    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    A Marzo il ritorno in campo di Roger Federer. Lo svizzero dovrebbe essere in campo a Doha e Dubai

    Roger Federer, classe 1981 e n.5 ATP

    Roger Federer, 39 anni, si prepara a tornare in campo un anno dopo dal suo ultimo incontro.Lo svizzero, che ha giocato una storica partita di esibizione con Rafael Nadal nel febbraio 2020 in Sudafrica, non ha più gareggiato nel circuito dopo le semifinali degli Australian Open contro Novak Djokovic e il suo ritorno avverrà probabilmente quasi 14 mesi dopo, nella settimana dell’8 marzo 2021.

    Il campione svizzero ha in programma di tornare in campo in modo competitivo nell’ATP 250 di Doha, che quest’anno è passato alla seconda settimana di marzo, prima dell’ATP 500 di Dubai, dove è prevista anche la partecipazione di Federer. Roger ha tre titoli a Doha vinti nel 2005, 2006 e 2011, ma ha smesso di competere nell’evento nell’ultimo decennio, optando per la regola di andare in Australia prima.
    Le informazioni sul calendario di Federer sono state fornite dall’olandese Richard Krajicek, ex campione di Wimbledon e attuale direttore del torneo di Rotterdam. Krajicek cercherà di portare Federer nel torneo olandese – che ha già confermato la presenza di Rafael Nadal e Daniil Medvedev. LEGGI TUTTO

  • in

    Novità in calendario: Marbella ospiterà l’Andalusia Open, nuovo ATP 250 in aprile, e Singapore un 250 dopo gli Australian Open. Il torneo di Budapest si sposta a Belgrado

    Veduta su Marbella, nota località turistica andalusa

    Novità dalla Spagna sul calendario ATP 2021. Si apprende che la nuova stagione vedrà la nascita di un torneo su terra a Marbella, l’Andalusia Open, di categoria 250. La data dell’evento sarà dal 5 all’11 aprile, appena prima del Masters 1000 di Monte Carlo.
    La conferma viene da Javier Imbroda, Ministro dell’Istruzione e dello Sport del consiglio andaluso. Imbroda ha sottolineato che questa concessione da parte dell’ATP fa parte della designazione dell’Andalusia come prima regione sportiva europea 2021, uno dei risultati più importanti del suo dipartimento e “una nomina che contribuirà senza dubbio a consolidare il prestigio internazionale dell’Andalusia come uno degli epicentri dello sport europeo”.

    Quello di Marbella sarà il quarto torneo ATP in Spagna nel 2021, insieme al Masters 1000 di Madrid, il 500 di Barcellona e il 250 su erba a Maiorca, già previsto per il 2020 ma saltato per colpa della pandemia.
    L’ATP ha comunicato altre variazioni: Singapore ospiterà un 250 su cemento dopo gli Australian Open (22-28 febbraio), ma le maggiori novità interessano il secondo quarto di calendario, quello relativo alla stagione su terra battuta. Oltre a Marbella, è stato comunicato che non si svolgerà il torneo di Houston, mentre il 250 di Budapest si sposterà a Belgrado con Djordje Djokovic (fratello minore di Novak) come direttore dell’evento. Inoltre il torneo di Dubai passa da 32 a 48 giocatori.
    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    L’ATP 250 di Buenos Aires si svolgerà con 300 spettatori al giorno. La stella sarà Schwartzman

    Il centrale a Buenos Aires

    Nonostante gli effetti della pandemia, l’ATP tour torna in Argentina, anche se con molte restrizioni. Gli organizzatori del 250 di Buenos Aires hanno comunicato che Diego Schwartzman sarà la stella dell’edizione 2021, in programma presso il Lawn Tennis Club della capitale dal 27 febbraio al 7 marzo, una settimana dopo il Cordoba Open, che inizierà il 21 febbraio. Diego, numero 9 al mondo e miglior racchetta sudamericana in classifica, parteciperà al torneo per l’ottava volta, sperando di alzare la coppa del vincitore. Il suo miglior piazzamento resta la finale raggiunta nel 2019, sconfitto dal nostro Marco Cecchinato. La lista definitiva dei partecipanti verrà comunicata il prossimo primo febbraio.
    Schwartzman ha dichiarato: “Sono molto felice di giocare di nuovo il torneo. So che molte persone che conosco da molto tempo hanno fatto enormi sforzi per realizzarlo quest’anno, speriamo di vivere una bella edizione nonostante la situazione non facile che stiamo attraversando nel paese”. “Diego è un giocatore-simbolo per l’Argentina. Averlo è un orgoglio e una gioia”, ha detto Martin Jaite, il direttore del torneo. Martin Hughes, partner di Tennium (la società proprietaria della data) ha aggiunto: “Diego è un punto di riferimento e per noi è un piacere averlo, perché è anche in sintonia con lo sviluppo che stiamo facendo in Argentina, dove al di là delle difficoltà causate dalla pandemia proseguiamo con l’espansione globale dell’azienda nel mondo del tennis”. Il riferimento è alla serie di eventi Challenger che dovrebbero essere annunciati a breve sia in Argentina che in tutto il continente.

    Oltre alla soddisfazione per la presenza di Diego Schwartzman, gli organizzatori hanno annunciato che a causa della pandemia e delle conseguenti normative sanitarie stabilite dal governo, l’Argentina Open 2021 avrà un afflusso ridotto a soli 300 spettatori, e tutti legati alle sponsorizzazioni aziendali e agli accordi del torneo. Al momento non è prevista una vendita di biglietti al grande pubblico. Inoltre il torneo sarà organizzato con un protocollo sanitario molto stringente, conforme alle normative locali e a quelle dell’ATP Tour, con regolari test PCR all’arrivo dei tennisti e dei membri del loro staff, incluse tutte le persone coinvolte in vari livelli nell’evento.
    I giocatori potranno avvalersi solo due accompagnatori, occuperanno un settore specifico dello Sheraton Buenos Aires (hotel ufficiale dell’evento) e potranno recarsi al club solo a condizione che abbiano in programma una partita o una sessione di allenamento stabilita in un certo orario. Tutti i tennisti saranno costretti a soggiornare in hotel, anche quelli che risiedono a Buenos Aires, e potranno sostare al Buenos Aires Lawn Tennis Club solo per il tempo necessario allo svolgimento delle attività sportive. Per questo motivo l’organizzazione ha disposto nel club la presenza di un kinesiologo e un medico riservati per emergenze specifiche, non per consulti regolari; questo servizio verrà fornito direttamente in hotel a chi ne farà richiesta.

    Marco Mazzoni LEGGI TUTTO

  • in

    Le autorità australiane irritate per le continue lamentele dei giocatori in quarantena

    Le continue proteste dei giocatori e giocatrici in quarantena a Melbourne, esternate senza mezzi termini ed amplificate dalla diffusione sui social media – quindi facilmente riportate dalla stampa internazionale – hanno irritato non poco le autorità pubbliche in Australia, in particolare i dipartimenti di sanità e sicurezza dello stato di Victoria. Lo riporta il quotidiano […] LEGGI TUTTO