More stories

  • in

    Nba, Sexton rovina la festa ai super Nets: ko dopo 2 overtime

    CLEVELAND (STATI UNITI D’AMERICA) – Sono 9 (su 11) le partite andate in scena nella notte Nba con la clamorosa vittoria dopo due tempi supplementari per 147-135 dei Cleveland Cavaliers contro i Brooklyn Nets al completo. Dopo 7 gare di assenza Kyrie Irving torna in azione (37 punti), Kevin Durant dice 38, James Harden tripla doppia da 21 punti, 10 rimbalzi e 12 assist ma a vincere sono stati i padroni di casa trascinati da un super Collin Sexton (42 punti). L’esterno di Cleveland pareggia a fil di sirena la partita nel primo supplementare e poi realizza ben 15 punti su 20 di squadra nel secondo extra-time per assicurare la vittoria ai suoi. Non solo a Cleveland ma anche ad Atlanta ci è voluto un overtime per decidere la contesa tra Hawks e Pistons. Alla fine l’hanno spuntata i padroni di casa trascinati da Trae Young (38 punti e 10 assist) e Clint Capela (27 punti e 26 rimbalzi).

    Embiid è tornato, Cole Anthony eroico
    Joel Embiid torna in azione, realizza 42 punti e 10 rimbalzi e trascina i 76ers al successo casalingo contro i Celtics (sempre senza Tatum) 117-109. Partita decisa nell’ultimo quarto dominato 31-17 da Philly. A Minnesota invece il rookie Cole Anthony è l’eroe del successo per 97-96 dei Magic: l’ex North Carolina ha segnato sulla sirena la tripla della vittoria. Miami vince a casa dei Raptors 111-102 con la super serata di Kendrick Nunn da 28 punti uscendo dalla panchina.
    Dallas c’è, Clippers in striscia
    I Dallas Mavericks tornano a vincere e lo fanno con la tripla doppia di Luka Doncic (13 punti, 12 rimbazlie. 12 assist) e la doppia doppia di Kristaps Porzingis (27 punti e 13 rimbalzi) sul campo degli Indiana Pacers (124-112). I Los Angeles Clippers siglano la loro quinta vittoria consecutiva archiviando senza difficoltà (115-96) i Kings e portandosi momentaneamente al comando della Western Conference. Stephen Curry guida invece i Warriors contro gli Spurs in una partita a senso unico (121-99). Infine Phoenix espugna il Toyota Center di Houiston 109-103 con un DeAndre Ayton da 26 punti e 17 rimbalzi. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba: Durant-Harden battono Antetokounmpo, Warriors stendono in rimonta i Lakers

    LOS ANGELES (Stati Uniti) – Nella notte Nba del Martin Luther King Day la sorpresa arriva dallo Staples Center, dove Golden State recupera da -14 e vince 115-113 contro i Lakers, grazie ai soliti Stephen Curry (26 punti) e Kelly Oubre Jr. (23 punti). Per i gialloviola, campioni in carica NBA, il migliore stavolta è Schroder (25 punti) mentre deludono LeBron James, che si ferma a 19 punti fallendo anche la tripla della vittoria, ed Anthony Davis, che chiude con 17 punti e 17 rimbalzi.  Restando ad Ovest, i Phoenix Suns di Chris Paul pagano l’ottimo momento di Memphis, che centra il quinto successo di fila (108-104) grazie alla sua stella Ja Morant che domina il match nell’ultimo quarto. Mentre un Lillard da 35 punti non evita la sconfitta di Portland contro San Antonio (125-104), guidato dalla solita coppia Aldridge e DeRozan.

    Durant-Harden, che show!
    A Est, invece, la sfida più attesa era quella fra Milwaukee e Brooklyn: vincono i Nets per 125-123.  Protagonisti neanche a dirlo il nuovo arrivato James Harden (34 punti e 12 assist) e Kevin Durant (30 punti e 6 assist), che manda a bersaglio la tripla del definitivo sorpasso nel finale. “Ci sono ancora margini di miglioramento ma è una bella partenza”, commenta Durant mentre i Bucks, dove brilla il solito Antetokounmpo (34+12+7), vedono interrompersi una striscia vincente che durava da quattro partite. A Houston, debutta Victor Oladipo (32 punti e 9 assist) ma i Rockets perdono comunque per 125-120 contro Chicago (33 punti di LaVine e altri sei giocatori in doppia cifra). Serata non brillante per Doncic (15 punti con 4/11 dal campo ma anche 7 rimbalzi e 9 assist) e Dallas va ko contro Toronto (23+9+7 per Lowry, 19 punti per Siakam), alla terza vittoria consecutiva. Ancora assente per infortunio Danilo Gallinari, ma Atlanta manda tutto il quintetto in doppia cifra (25 punti Hunter, 23 punti e 15 rimbalzi Capela, 20 punti e 13 assist Young) e vince 108-97 su Minnesota, i Knicks si confermano (91-84 su Orlando, 22+10 per Barrett, 21+17 per Randle) mentre Miami, nonostante le assenze, rimonta 19 punti a Detroit e si afferma per 113-107, con 28 punti e 11 rimbalzi di Adebayo. Rinviata causa Covid la sfida fra Washington e Cleveland. 

    Guarda la gallery
    Nba, Harden incanta all’esordio con Brooklyn LEGGI TUTTO

  • in

    Nba: Durant-Harden show, Curry batte LeBron in rimonta

    LOS ANGELES (Stati Uniti) – Nel Martin Luther King Day la sorpresa di giornata arriva dallo Staples Center, dove Golden State risale da -14 e vince 115-113 contro i Lakers. Sono Stephen Curry (26 punti) e Kelly Oubre Jr. (23 punti) a guidare gli Warriors contro campioni in carica NBA.  Per i gialloviola il migliore stavolta è Schroder (25 punti) mentre deludono LeBron James, che si ferma a 19 punti fallendo la tripla della vittoria a fil di sirena, ed Anthony Davis, che chiude con 17 punti e 17 rimbalzi.  Restando nella Western Conference, i Phoenix Suns di Chris Paul pagano l’ottimo momento di Memphis, che centra il quinto successo di fila (108-104) grazie alla sua stella Ja Morant che termina la partita con 17 punti e 10 assist. Mentre un Lillard da 35 punti non evita la sconfitta di Portland contro San Antonio (125-104), guidato dal solito duo Aldridge e DeRozan.

    Durant-Harden, che intesa!
    A Est la sfida più attesa era quella fra Milwaukee e Brooklyn: la spuntano i Nets per 125-123.  Protagonisti anche questa volta il nuovo arrivato James Harden (34 punti e 12 assist) e Kevin Durant (30 punti e 6 assist), che manda a bersaglio la tripla del definitivo sorpasso Brooklyn a 36 secondi dalla sirena. Khris Middleton, autore di 25 punti, si ferma soltanto sul ferro allo scadere. “Ci sono ancora margini di miglioramento ma e’ una bella partenza”, commenta Durant mentre i Bucks, dove brilla il solito Antetokounmpo (34+12+7), vedono interrompersi una striscia vincente che durava da quattro partite. A Houston, debutta finalmente Victor Oladipo (32 punti e 9 assist) ma i Rockets perdono comunque per 125-120 contro Chicago (33 punti di LaVine e altri sei giocatori in doppia cifra). Serata sottotono di Doncic (15 punti con 4/11 dal campo ma anche 7 rimbalzi e 9 assist) e Dallas ko contro Toronto (23+9+7 per Lowry, 19 punti per Siakam), alla terza vittoria consecutiva. Ancora priva di Danilo Gallinari, Atlanta manda tutto il quintetto in doppia cifra (25 punti Hunter, 23 punti e 15 rimbalzi Capela, 20 punti e 13 assist Young) nel 108-97 su Minnesota, i Knicks si confermano (91-84 su Orlando, 22+10 per Barrett, 21+17 per Randle) mentre Miami, nonostante le assenze, rimonta 19 punti a Detroit e si afferma per 113-107, con 28 punti e 11 rimbalzi di Adebayo. Rinviata causa Covid la sfida fra Washington e Cleveland. 

    Guarda la gallery
    Nba, Harden e Durant: che spettacolo alla prima insieme coi Nets LEGGI TUTTO