More stories

  • in

    Futura Giovani, da Montecchio arriva anche Fiorio: “Felicissima di essere qui”

    Di Redazione Reparto schiacciatrici che va sempre più completandosi per la Futura Giovani Busto Arsizio con l’arrivo, anche lei da Montecchio, di un altro pezzo pregiato: Cristina Fiorio. La 25enne piemontese originaria di Ciriè, approda alla corte bustocca, dove ritroverà la ex compagna e neo annunciata Mistretta e la guida tecnica di Daris Amadio, dopo un’ultima stagione brillante tra le fila vicentine. L’approccio al mondo del volley prende il suo via subito all’età di 12 anni nelle giovanili della Lilliput Settimo Torinese, dove veste le maglie di tutte le categorie scalando presto dall’U13 alla B1, laureandosi anche campionessa provinciale in U18. Il talento messo in mostra e la grande voglia di fare la portano a prendere parte, come capitano, al Trofeo delle Provincie e Trofeo delle Regioni, dove con il suo team conquista la terza piazza. Nella stagione 2013/2014 il passaggio ad Asti con cui disputa i campionati di B1 e U18, ed è proprio quest’ultimo che vale per lei il titolo di campionessa regionale ed un sesto posto ai nazionali. È sempre il piemonte la destinazione prediletta dalla giovane schiacciatrice che nella stagione successiva sceglie il Volley Casale, che punta su di lei come capitana per le formazioni di B1 e U18. Sono ancora due i successi collezionati da Cristina che si prende la seconda piazza a livello regionale arricchita dal riconoscimento personale come miglior attaccante nel torneo. Il volo verso il volley professionistico ha inizio a partire dalla stagione 2015/2016 con il trasferimento alla corte del Cus Torino con cui sono tre le stagioni consecutive disputate con la numero 3 sulle spalle, fatte di una B1 vinta con conseguente promozione in serie a A2 ed altri due anni nella medesima categoria. I numeri e le belle prestazioni fanno suonare per lei le sirene venete con Martignacco che si assicura le prestazioni della classe ’97 per due stagioni. È proprio la stagione 2020/21 ad essere la più prolifica a livello di punti, sono ben 308 i punti fatti registrare nelle 26 gare giocate. Nella stagione appena passata per lei il bianco rosso di Montecchio con il quale la banda ha dimostrato di essere una giocatrice con una grande duttilità, sempre pronta a non far cadere nulla in retroguardia ma capace anche di fare punti quando chiamata in causa in attacco. Ad attenderla a breve anche un successo oltre il rettangolo di gioco con la conclusione del percorso di laurea in Psicologia giunto al suo traguardo con la laurea attesa ad Ottobre. Di seguito le prime sensazioni della nuova schiacciatrice bustocca rilasciate ai microfoni della società. Quali sono state le principali motivazioni che ti hanno spinta a scegliere la Futura Volley ? “È stata la prima proposta che ho ricevuto non appena è terminata la scorsa stagione e ne sono stata subito molto entusiasta. Sono felicissima di essere qui perché so bene che la Futura è una società di prima fascia ed anche per il prossimo anno è stato costruito un progetto ambizioso con obiettivi importanti. Per me è stato un onore ricevere questa chiamata e mi sentivo che era il momento giusto anche per me per provare un’esperienza diversa, mettermi in gioco, avere qualche stimolo in più e puntare anche a vincere qualcosa.  Sono molto contenta di ritrovare qui Daris, ho parlato subito con lui non appena ho ricevuto la proposta ufficiale, mi trovo molto bene con lui, è una persona molto diretta e ci siamo confrontati fin da subito su quello che sarà la prossima stagione”. Cosa ti aspetti personalmente dalla prossima stagione ? “Mi aspetto una stagione molto complicata dal punto di vista mentale ed anche fisico questo perché, come sappiamo bene, il campionato sarà molto lungo e quindi dovrò essere brava a farmi trovare sempre pronta ed in forma. Questo è quello che dovrò cercare di fare e spero di riuscirci nel migliore dei modi per essere di supporto ed aiuto alla squadra in modo da poter andare più avanti possibile in campionato”. Qual è secondo te il segreto per fare bene in serie A2 ? “Ho sempre giocato in squadre molto giovani in cui ero quasi sempre io la giocatrice più vecchia, dunque quest’anno al contrario mi trovo ad invertire un po’ questa rotta. Penso che sulla carta la squadra abbia tutte le carte in regola per fare bene però la chiave secondo me sarà  riuscire a creare una vera e propria squadra anche in campo e da questo punto di vista penso proprio che Daris sia la persona giusta come nostro condottiero. Conosco bene anche Alessandra (Mistretta) e Viola (Tonello) so che in campo sono delle giocatrici molto combattive e determinate dunque se si riuscirà a creare questa forza di gruppo sono certa che si potrà fare bene”. Quale pensi possa essere il valore aggiunto che porterai a squadra ? “Dovrò cercare di farmi trovare sempre pronta sotto tutti gli aspetti ed in tutti i reparti ogni volta che sarò chiamata in causa. Penso di poter portare un buon livello soprattutto in ricezione portando solidità in seconda linea. Penso di essere in generale una giocatrice abbastanza completa, capace di dare il suo apporto un po’ in tutti gli ambiti pur non essendo una schiacciatrice di potenza cerco di sfruttare la tecnica in attacco ed in retroguardia cercherò di portare sicuramente tenacia, rapidità e tantissima voglia di far cadere pochi palloni”. Qualche curiosità extra campo ? Quali sono i tuoi hobby e passioni ? “I miei hobby principali sono viaggiare, ascoltare musica, uscire con gli amici. Quest’estate la trascorrerò principalmente con i miei amici e con la famiglia visto che durante la stagione è sempre poco il tempo. Per il resto viaggerò un po’ tra mare e montagna”. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    È “derby” tra Sassuolo e Montale per giocare al PalaPaganelli

    Di Redazione La Serie A sta per tornare al PalaPaganelli: dopo tre anni di assenza, lo storico impianto di Sassuolo dovrebbe tornare a ospitare la pallavolo di A2 dalla prossima stagione. Quale sarà la squadra protagonista, però, non è ancora dato saperlo: secondo quanto riferito da Il Resto del Carlino Modena, infatti, hanno presentato richiesta per giocare nel palazzetto comunale non soltanto la Green Warriors Sassuolo (dopo due stagioni alla Consolata), ma anche la neopromossa Emilbronzo 2000 Montale, che a quanto pare sarebbe intenzionata a lasciare il PalaMagagni di Castelnuovo Rangone. Una rivalità che rischia di sommarsi a quella in campo e di complicare ulteriormente una situazione già spigolosa. Nel frattempo, infatti, la Volley Academy Sassuolo ha presentato un esposto al Consiglio di Stato contestando l’assegnazione dell’appalto all’attuale gestore del PalaPaganelli, con l’obiettivo di ottenere in prima persona la gestione dell’impianto. LEGGI TUTTO

  • in

    Frigerio nuova centrale della Sigel Marsala: “È stata una scelta difficile, ma poi…”

    Di Redazione È la classe 2002 Matilde Frigerio una tra le nuove centrali della Sigel Marsala. Frigerio, alta 183 cm, considerata un buon prospetto per il futuro si è affacciata alla serie A nella scorsa stagione. Su lei ha buttato un occhio la S.lle Ramonda IPAG Montecchio dopo il completamento del percorso giovanile all’Agil Igor Novara, con la quale ottiene una promozione in B1 ed una in A2. Punto fermo delle castellane nell’unico anno al PalaCollodi, Frigerio si è saputa conquistare per distacco a suon di superbe prestazioni la titolarità. La centrale di Cantú (Como) è specializzata sul fondamentale del primo tempo, ovvero una palla attaccata, venendo da una breve rincorsa, servita vicino all’alzata del palleggiatore. Mostra del sangue freddo e denota una certa sicurezza quando è incaricata del primo fondamentale d’attacco riconosciuto nel volley, cioè il servizio, è comunque autocosciente del fatto che dovrà in questi anni muovere passi significativi alla voce “muro”, essenziale per le probabilità di successo per la carriera di una centrale. Ora la prosecuzione della carriera a Marsala, venendo a raccogliere il “testimone” lasciato dalla collega, ex giovanili di Novara come Matilde e comasca pure ella, Sveva Parini. La nuova centrale della Sigel Marsala Matilde Frigerio, vent’anni compiuti, si appresta al suo secondo anno di fila in cadetteria, dopo averla calcata per la prima volta a Montecchio Maggiore nel vicentino:“É stata una scelta difficile accettare la destinazione di Marsala per via della distanza geografica da casa mia. Inizialmente, la principale preoccupazione era dovermi spostare a giocare a tantissimi chilometri dal mio luogo di origine. Ho sciolto la riserva ed eccomi qui. Invece nessun dubbio, essendomi informata bene sul loro conto, nutrivo nei riguardi della Società e dell’allenatore, i quali mi ispirano fiducia e, stando a quello che affermano terze persone, possiedono buone referenze“.Confidenti possa trovarsi bene nella sua nuova città lavorativa, la serie A al Meridione sarà una esperienza da vivere tutta d’un fiato per Matilde Frigerio, sesta giocatrice ad essere ufficializzata dal mercato della Sigel Marsala. La scheda: I primi passi nella pallavolo li muove grazie alla Gs Montesolaro, una piccola società locale. Dopo soli due anni arriva la chiamata di Orago Volley, una società con cui ha raggiunto obiettivi importanti vincendo gli scudetti italiani categoria Under 14 e Under 16. Qui le sono state insegnate le basi e assegnato il ruolo che tuttora ricopre. Poi Novara, all’Agil Igor Volley, la sua prima esperienza lontano da casa. In tre anni complessivi gioca il primo anno in B2 ottenendo subito la promozione in B1 e le restanti due stagioni in B1 allenata da coach Matteo Ingratta, con l’ultima culminata con la conquista della A2 (battuta nello spareggio promozione Ares Flv Cerignola, ndr). Partecipa con la maglia di Novara a due finali nazionali Under 18, giocando al suo primo anno piemontese, 2019/2020, la finalissima 1°e 2° posto perdendola con avversario il Volleyrò CdPazzi, mentre l’anno seguente l’avventura è terminata ai Quarti di Finale dopo uno sfortunato tie-break contro l’Imoco Conegliano. Quindi il passaggio alla S.lle Ramonda IPAG Montecchio per l’annata di serie A2 2021/2022 con la quale raggiunge un piazzamento PlayOff, uscendo di scena assieme alla squadra agli Ottavi di Finale contro Futura Volley Giovani Busto Arsizio. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Rivoluzione a Brescia, Beltrami: “Roster ancora più giovane, ma di grande esperienza”

    Di Redazione È una Millenium tutta nuova, o quasi, quella che affronterà il prossimo campionato di A2 in pole position per la corsa promozione. Del sestetto titolare della passata stagione sono state solo due le conferme, quella di Lea Cvetnic e del libero Serena Scognamillo, che ora divideranno il campo con due giocatrici che lo scorso anno giravano in A1, Boldini a Monza e Pamio a Roma, e altre “specialiste” della categoria come l’opposta Obossa (miglior marcatrice dell’ultima A2 con Talmassons), e le centrali Consoli (ultima stagione a San Giovanni in Marignano) e Torcolacci (che arriva da Ravenna). “Nel momento in cui abbiamo pensato di rinnovare la squadra – racconta coach Beltrami in un’intervista rilasciata al Giornale di Brescia – abbiamo pensato di trovare atlete giovani ma un po’ più esperte. In realtà la media d’età è inferiore a quella dello scorso anno, che era già la più bassa del campionato. Sono ragazze con fame e voglia di emergere, sono molto soddisfatto delle scelte che abbiamo fatto e della squadra che potrò allenare”. Una squadra che avrà anche caratteristiche diverse rispetto a quella dello scorso anno: “Non mi piace fare confronti tra i gruppi, ma effettivamente questo avrà più fisicità e un attacco più prolifico. Il gioco, poi, sarà ripartito su tutte le giocatrici, quindi nessuna fra Obossa, Pamio e Cvetvic rifarà le percentuali altissime degli anni scorsi. Abbiamo scelto di avere un attacco più potente rispetto allo scorso anno perché è quello che ci ha complicato le cose nei momenti più importanti. Palleggiatore e opposto sono anche più alte rispetto alla stagione passata e questo ci aiuterà in alcune rotazioni”. Una squadra, insomma, che come detto punterà alla promozione, ben consapevole però che la concorrenza sarà agguerrita e attrezzata per raggiungere lo stesso obiettivo: “Roma è di un’altra categoria, potrebbe giocare benissimo in A1, poi c’è Trento. Dietro a loro noi, Busto e Talmassons” conclude coach Beltrami. LEGGI TUTTO

  • in

    Esperia, Sofia Ferrarini è la prima novità al centro

    Di Redazione Continua a prendere forma il roster gialloblù in vista del campionato di A2: il primo nome nuovo tra le centrali è quello di Sofia Ferrarini, in arrivo da Mondovì. Nata a Peschiera del Garda (Vr) il 2 giugno 2001, frequenta il liceo delle Scienze Umane, per poi continuare gli studi conseguendo nel 2021 il diploma in Interior Design. A settembre inizierà il secondo anno di Ingegneria Civile e Ambientale. “Mi sono avvicinata alla pallavolo da piccolissima, grazie a papà – attacca Sofia –. I primi anni ho giocato nella società di Peschiera, per poi disputare tre stagioni con la maglia del San Donà sotto l’occhio attento di Giuseppe Giannetti: ho raggiunto così la promozione in B1 con l’under 18 nel 2018. Dopo Verona, sono rimasta per due anni a Volta Mantovana, sfiorando la promozione in A2. Infine la stagione scorsa, assieme a Laura Pasquino, ci siamo giocate la finale per il salto in A1. È un piacere per me stare in palestra e lavorare dando il massimo tutti i giorni, sono sicura che impegno e dedizione portano sempre a grandi risultati”. “Mi piace il progetto e la serietà con cui Esperia lavora da anni; noi saremo una squadra che punterà a crescere durante il campionato, sarà dura scontrarci con le squadre attrezzate per la classifica di vertice, ma sono sicura che ci toglieremo qualche piccola soddisfazione”. Sofia ha deciso di vestire la maglia numero 7. “Ringrazio Laura per avermi lasciato il mio numero di maglia fortunato. Non vedo l’ora di iniziare e conoscere tutte le mie compagne, incontrare i tifosi e visitare la città”. Infine, Sofia racconta un aneddoto che la riguarda. “Ho notato in palestra a Cremona, una foto di Giuseppe Giannetti, il mio allenatore a San Donà per tre anni: sono certa saprà guidarmi come ha sempre fatto. Beppe mi ha insegnato a stare in palestra: se sono la giocatrice che sono ora, è soprattutto grazie a lui. Il fatto di vederlo lì in palestra tutti i giorni in foto sarà sicuramente rassicurante. È stato un grandissimo allenatore per me”. (fonte: Comunicato Stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Albese, alla corte di Chiappafreddo anche Bernasconi e Nicoli

    Di Redazione Si completa il roster della Tecnoteam Albese Volley in vista della nuova stagione in serie A2: alla corte di coach Chiappafreddo anche la centrale comasca Giorgia Bernasconi e la giovane palleggiatrice bergamasca di Trescore Balneario Claudia Nicoli. Giorgia Bernasconi, comasca doc, è nata il 16 settembre del 2001 proprio in città dove abita. La centrale, 182 centimetri, va a completare il reparto con Veneriano, Gallizioli e Badini. Giorgia si presenta così: “Le ultime due stagioni le ho passate a Cabiate in B2, ottenendo alla fine di quest’anno anche la promozione in B1. Precedentemente ho giocato per quattro anni nel Pool Volley Alta Brianza a Orsenigo tra giovanili e serie C e ancora prima ho giocato a Senna Comasco, solo giovanili: dal minivolley al primo anno di under 16“. Ora per Giorgia, unica lariana del rooster al momento, un’importante opportunità di crescita. Claudia Nicoli, 181 cm, nata a Seriate (Bg) il 26.09.2000, abita a Trescore Balneario (Bg). Claudia è cresciuta nelle giovanili tra Foppapedretti, Celadina e Casazza. Negli ultimi sei anni ha giocato e vissuto a Crema (dove ha ottenuto promozioni dalla serie C alla B2 e poi alla B1, categoria in cui ha giocato l’ultimo anno. Per lei una grande opportunità di crescita ad Albese, dove affiancherà in cabina di regia Cecilia Nicolini. (fonte: Comunicato Stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Offanengo, Giorgia Tommasini promossa in prima squadra: “Un sogno che diventa realtà”

    Di Redazione Un giovanissimo talento del territorio promosso nella scorsa stagione in prima squadra in B1 e ora confermato anche nella nuova categoria dopo la promozione. Nel roster della Chromavis Abo in A2 ci sarà nuovamente Giorgia Tommasini, libero classe 2006 su cui il Volley Offanengo scommette anche in vista della prima storica avventura nella seconda serie nazionale “rosa”. “Giorgia – le parole del direttore sportivo della Chromavis Abo, Stefano Condina – è stata aggregata alla prima squadra già nella scorsa stagione, allenandosi anche nel settore giovanile. Quest’anno farà parte della serie A, giocando anche nel vivaio quando ce ne sarà la necessità, perché crediamo molto nelle sue potenzialità e nei suoi margini di crescita vista la giovane età. In palestra si è meritata la fiducia di coach Giorgio Bolzoni e della società, oltre a essersi inserita benissimo nel gruppo della prima squadra. Inoltre, la volontà del nostro presidente Pasquale Zaniboni e quindi di noi più stretti collaboratori è quella di valorizzare le giovani del nostro territorio e non trascurare ciò che il settore giovanile e la sinergia “Uniti per la pallavolo” che ci vede protagonisti possa offrire nel corso degli anni”. “Faccio ancora fatica a crederci – confessa Giorgia Tommasini, al suo terzo anno al Volley Offanengo e originaria di Ripalta Cremasca – è un sogno che diventa realtà. E’ stata già una grande soddisfazione essere stata aggregata nella scorsa stagione in B1 e in fondo è arrivata una grande gioia con la promozione. Ringrazio la società per avermi concesso questa ulteriore opportunità in serie A e per avermi rinnovato la fiducia. So che con coach Giorgio Bolzoni posso crescere e avere vicino diverse ragazze della scorsa stagione è un ulteriore punto di riferimento per me, sono un po’ come delle sorelle maggiori”. Nel suo ruolo, Giorgia avrà davanti una giocatrice del calibro di Noemi Porzio, anche capitano di Offanengo. “Per me è una figura molto importante, è sempre pronta a consigliarti e tecnicamente è un bell’esempio, si impara già a guardarla”. (fonte: Comunicato Stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Roxanne Wiblin è una nuova schiacciatrice di Martignacco

    Di Redazione La Itas Ceccarelli Group Libertas Martignacco comunica di avere raggiunto un accordo con la schiacciatrice Roxanne Wiblin per la stagione 2022-2023. Nata il 18 dicembre 1998 a La Jolla, San Diego, “Roxie” cresce sportivamente nella sua California. La trafila nel settore giovanile vede l’atleta protagonista con la divisa dell’Encore Volleyball Club, formazione con sede nella “vicina” Redwood City. Con lei, nel 2011, il club ottiene il primo posto al termine del campionato nazionale AAU Under 12: seguiranno altre cinque qualificazioni consecutive per i tornei nazionali. Studentessa alla Berkeley High School, Roxanne si distingue sotto rete accumulando esperienza e pubblici riconoscimenti. Nel 2017, il trasferimento all’Università di San Diego: da matricola, la giocatrice conquista immediatamente una maglia da titolare partecipando a tutti gli incontri in calendario per la sua squadra. Eletta quindi matricola dell’anno, Roxanne prosegue il suo percorso accademico instaurandosi quale primaria bocca da fuoco del team californiano. Al termine dell’annata 2020/21, viene inserita nella formazione ideale della West Coast Conference. Lascia quindi gli Stati Uniti – con quattro campionati Ncaa alle spalle – per sposare la causa del VfB Suhl, compagine militante nel massimo campionato tedesco.In Germania, la schiacciatrice viaggia a una media di 8 punti a partita, quota da cui la sua formazione attinge per avvalorare le proprie mire di conquista ai piani alti della classifica. Il Suhl chiuderà poi la stagione in quinta posizione, guadagnando il pass per l’accesso alla Challenge Cup 2022/23. Alta 189 cm, Roxie giunge in Friuli con l’obiettivo di perpetuare la proficua tradizione del “made in Usa” da anni vigente alla corte di coach Gazzotti. Le parole di coach Gazzotti:”Roxie è una giocatrice completa, sarà il nostro posto 4 di riferimento. È una banda che, fra i suoi punti di forza, ha anche i fondamentali di seconda linea. Il suo arrivo in un gruppo relativamente giovane le richiederà di agire da leader, di fare da punto di riferimento per le compagne. Credo, a tal proposito, che potrà fare da collante fra gli elementi più giovani della squadra e le giocatrici più esperte. Sono contento che abbia scelto di venire da noi: sul piatto aveva proposte economiche più vantaggiose, ma ha deciso di sposare la nostra causa perché a conoscenza del livello della pallavolo italiana e della grande cultura del lavoro che ci contraddistingue. Mi auguro possa ripercorrere le gesta di chi l’ha preceduta: ritengo che possa essere la giocatrice giusta per noi“. (fonte: Comunicato Stampa) LEGGI TUTTO