More stories

  • in

    Nba, playoff: Boston batte Miami 93-80 e si porta in vantaggio 3-2 nella serie

    MIAMI (Stati Uniti) – Un solo successo divide i Boston Celtics dall’accesso alle Finals Nba, obiettivo che la franchigia del Massachussets non centra dal 201: la squadra di coach Udoka si porta infatti sul 3-2 nella seria contro i Miami Heat grazie al successo per 93-80 ottenuto in Florida in gara-5:  sarà dunque gara-6, in programma al TD Garden fra 48 ore. 
    Playoff Nba: show di Doncic, Dallas batte Golden State e riapre la serie
    Kerr, sfogo e lacrime dopo la strage in Texas: “Sono stufo, ora basta”
    Brown e Tatum trascinano Boston al successo in gara-5
    Dopo un primo tempo concluso in vantaggio di cinque punti, i Celtics piazzano un parziale di 24-2 nel terzo quarto in cui doppiano gli avversari sul 32-16, aprendo poi il quarto periodo con un altro 14-2 che ipoteca di fatto la partita: a mettere il punto esclamativo sulla vittoria è un ottimo Brown con la schiacciata del +18 a cinque minuti dal termine: è lui il miglior marcatore di squadra con 25 punti, a cui si aggiungono i 22 punti + 12 rimbalzi + 9 assist di Tatum. A Miami non basta la doppia-doppia di Adebayo (18 punti e 10 rimbalzi), in una serata grigia per Butler che mette a referto solo 13 punti con un desolante 4/18 al tiro.  LEGGI TUTTO

  • in

    Playoff Nba, Doncic trascina i Mavericks: Warriors ko e serie sul 3-1

    DALLAS (Stati Uniti) – Dallas riesce finalmente a trovare il suo primo successo nella serie della finale di Western Conference imponendosi con il punteggio di 119-109 su Golden State. Una partita senza storia e ampiamente dominata dai padroni di casa, che si portano addirittura sul +29 alla fine del 3°quarto. Prestazione mostruosa da parte di Luka Doncic, che trascina i compagni mettendo a referto 30 punti, 14 rimbalzi e 9 assist. Agli Warriors – ora avanti 3-1 – non bastano i 20 realizzati dal solito Curry. Nella formazione di Kidd grandissima prova individuale anche di Finney-Smith, che ne realizza 23. Gara-5 si giocherà a San Francisco, con gli Warriors che in casa avranno il secondo match point per centrare per la sesta volta negli ultimi otto anni l’accesso alle Finals. LEGGI TUTTO

  • in

    Playoff Nba, show di Doncic: Dallas batte Golden State e riapre la serie

    DALLAS (Stati Uniti) – Dallas trova la sua prima vittoria nella serie della finale di Western Conference imponendosi con il punteggio di 119-109 su Golden State. Una partita senza storia, ampiamente dominata dai padroni di casa, che si portano addirittura sul +29 alla fine del 3°quarto. Prestazione mostruosa da parte di Luka Doncic, che trascina i compagni mettendo a referto 30 punti, 14 rimbalzi e 9 assist. Agli Warriors – ora avanti 3-1 – non bastano i 20 realizzati dal solito Curry. Nella formazione di Kidd grandissima prova individuale anche di Finney-Smith, che ne realizza 23. Gara-5 si giocherà a San Francisco, con gli Warriors che in casa avranno il secondo match point per centrare per la sesta volta negli ultimi otto anni l’accesso alle Finals. LEGGI TUTTO

  • in

    Gallinari: “Eurobasket 2022 con l'Italia? Spero di esserci”

    MILANO – Danilo Gallinari non vede l’ora di giocare l’Europeo di quest’estate con la magli azzurra. In occasione dell’evento Countdown Clock nella galleria Vittorio Emanuele a Milano, a -100 giorni da Eurobasket 2022, la stella degli Atlanta Hawks ha affermato: “Io sono a disposizione, speriamo di fare parte del gruppo. Non vediamo l’ora di iniziare. Indossare la maglia azzurra è una cosa emotivamente sempre incredibile, è difficile da spiegare. Solo chi lo ha provato può capirlo”. Sarà la prima volta di un europeo in Italia. “Sarà una cosa molto particolare giocare davanti al nostro pubblico, quando lo abbiamo fatto per le qualifiche olimpiche non è andata molto bene. Qui a Milano sarà qualcosa di ancora più particolare, ci sarà un mix di emozione da gestire “. Alla domanda se ha sentito i suoi compagni di nazionale, Gallinari ha detto: “Ci sentiamo sempre con tutti durante l’anno, ogni estate è un appuntamento nuovo e non sai mai esattamente quale sarà il gruppo”. Infine su cosa ha lasciato l’esperienza delle Olimpiadi di Tokyo e l’obiettivo per questi Europei: “Tokyo ci ha lasciato tanta fiducia in noi, sapere che possiamo giocare ad alto e farlo contro tutti. Bisogna sempre sognare in grande, ma abbiamo prima un girone da affrontare a Milano, l’obiettivo è passare la prima fase e poi vediamo quello che succede”. 
    Italbasket, tutti gli appuntamenti dell’estate 2022
    Fiba, fuori Russia e Bielorussia: l’Italia avanza nelle qualificazioni mondiali
    Gallinari: “Un ritorno a Milano? Per ora no”
    “Tornare a Milano? Per ora no, ho in mente di giocare ancora per qualche anno in America. Il sogno è di tornare e finire qui e spero di poterlo fare. La testa vuole farlo, ma deve esserci la testa e il corpo per farlo perché l’Eurolega ormai si gioca ad altissimo livello e bisogna essere pronti”, ha affermato Gallinari. Sul suo contratto con Atlanta, invece: “Non dipende da me, la mia situazione contrattuale fa si che la palla è nelle loro mani. Vedremo, hanno ancora tempo per decidere”, ha aggiunto Gallinari che ha un contratto non garantito con gli Hawks per la prossima stagione e potrebbe anche cambiare squadra. Alla domanda se l’eventuale nuova squadra possa impedirgli di giocare gli Europei, il Gallo ha detto: “Direi di no, in passato tranne in un anno non ho mai avuto problemi e anche questa estate sarà così”. LEGGI TUTTO

  • in

    Italbasket, Gallinari: “A disposizone per l'Europeo, spero di esserci”

    MILANO – “Io sono a disposizione, speriamo di fare parte del gruppo. Non vediamo l’ora di iniziare”. E’ quanto ha dichiarato Danilo Gallinari, giocatore della Nazionale, in occasione dell’evento Countdown Clock a -100 giorni da EuroBasket 2022, nella galleria Vittorio Emanuele a Milano. “Indossare la maglia azzurra è una cosa emotivamente sempre incredibile, è difficile da spiegare. Solo chi lo ha provato può capirlo”, ha aggiunto il Gallo. Sarà la prima volta di un europeo in Italia. “Sarà una cosa molto particolare giocare davanti al nostro pubblico, quando lo abbiamo fatto per le qualifiche olimpiche non è andata molto bene. Qui a Milano sarà qualcosa di ancora più particolare, ci sarà un mix di emozione da gestire “, ha detto l’ala degli Atlanta Hawks. Alla domanda se ha sentito i suoi compagni di nazionale, Gallinari ha detto: “Ci sentiamo sempre con tutti durante l’anno, ogni estate è un appuntamento nuovo e non sai esattamente quale sarà il gruppo”. Infine su cosa ha lasciato l’esperienza delle Olimpiadi di Tokyo e l’obiettivo per questi Europei: “Tokyo ci ha lasciato tanta fiducia in noi, sapere che possiamo giocare ad alto e farlo contro tutti. Bisogna sempre sognare in grande, ma abbiamo prima un girone da affrontare a Milano, l’obiettivo è passare la prima fase e poi vediamo quello che succede”. 
    Italbasket, tutti gli appuntamenti dell’estate 2022
    Fiba, fuori Russia e Bielorussia: l’Italia avanza nelle qualificazioni mondiali
    Gallinari: “Tornare a Milano? Non ora”
    “Tornare a Milano? Per ora no, ho in mente di giocare ancora per qualche anno in America. Il sogno è di tornare e finire qui e spero di poterlo fare. La testa vuole farlo, ma deve esserci la testa e il corpo per farlo perché l’Eurolega ormai si gioca ad altissimo livello e bisogna essere pronti”, ha affermato Gallinari. Sul suo contratto con Atlanta, invece: “Non dipende da me, la mia situazione contrattuale fa si che la palla è nelle loro mani. Vedremo, hanno ancora tempo per decidere”, ha aggiunto Gallinari che ha un contratto non garantito con gli Hawks per la prossima stagione e potrebbe anche cambiare squadra. Alla domanda se l’eventuale nuova squadra possa impedirgli di giocare gli Europei, il Gallo ha detto: “Direi di no, in passato tranne in un anno non ho mai avuto problemi e anche questa estate sarà così”. LEGGI TUTTO

  • in

    Playoff Nba, Golden State a un passo dalla finale: Curry annienta Dallas

    LOS ANGELES (STATI UNITI D’AMERICA) – Golden State batte 109-100 Dallas ed è a un passo dalla finale Nba. Trascinati da un super Steph Curry (31 punti e 11 assist), i Warriors volano sul 3-0 nella serie e vedono avvicinarsi sempre più l’atto conclusivo tre anni dopo l’ultima volta. Mai una squadra in svantaggio per 3-0 è riuscita a vincere le ultime quattro partite di una serie nei playoff. Inutili per i Mavericks i 40 punti, conditi da 11 rimbalzi, di Luka Doncic. A 75″ dalla fine il punteggio era di 104-99, ma Golden State ha vinto anche la battaglia dei rimbalzi (47 a 33). Nella notte italiana si giocherà gara-4 della finale di Eastern Conference tra Miami Heat e Boston Celtics (2-1). LEGGI TUTTO

  • in

    Sassari chiude la serie e vola in semifinale playoff: Brescia ko

    SASSARI – E’ Sassari la quarta semifinalista che conquista il pass per le Final Four Scudetto chiudendo la serie a gara 4 con il successo per 98-95 contro Brescia. Una vittoria importante per la Dinamo che si aggiunge a Milano, Virtus Bologna e Tortona, termina invece il cammino della Germani che paga a caro prezzo l’assenza di Gabriel e Della Valle. Inizio sprint dei sardi che nel primo quarto partono fortissimi arrivando anche sul massimo vantaggio di +12, per chiudere sul 30-27. All’intervallo le distanze non cambiano perchè è perfetta parità nel parziale, ma inizia ad attivarsi la macchina di Mitrou-Long (saranno 38 a referto) che prova a spronare la Leonessa. Al ritorno sul paruqet i padroni di casa mantengono il +7 grazie a Burnell e Bilan, ma nel finale gli ospiti si avvicinano pericolosamente. La forbice si riduce fino al -1 con una super doppia doppia di Cobbins per i lombardi, ma nel finale è più lucida Sassari (Mitrou-Lng fallisce la tripla del possibile overtime) e strappa il pass per la semifinale. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, lo show di Brown non basta a Boston: Adebayo trascina Miami

    BOSTON (Stati Uniti) – Perso Butler nel corso del secondo tempo per un’infiammazione al ginocchio, sono i 31 punti di Adebayo (cui aggiunge 10 rimbalzi, 6 assist, 4 recuperi e una stoppata) a trascinare i Miami Heat nel 109-103 a Boston, che vale il 2-1 nella serie dei play-off di Nba, oltre a regalare ai suoi il fattore campo. I Celtics, cui non basta lo show di Brown, autore di 40 punti, pagano la prestazione opaca di Tatum (10), rientrato anzitempo negli spogliatoi (al pari di Smart). La franchigia della Florida parte fortissimo e dopo 3′ è già in doppia cifra, chiude il primo quarto sul +21 e si spinge fino al +26 nel secondo, lasciando via via spazio alla rimonta dei padroni di casa, che chiudono a -15 all’intervallo e sognano sul -1 a 2’40” dalla sirena finale. Nei successivi 2′, però, il parziale da 10-2 regala agli Heat la soffertissima vittoria. LEGGI TUTTO