More stories

  • in

    Verona, il libero Donati: “Grebennikov è il mio esempio”

    Di Redazione Francesco Donati è veronese di nascita e di squadra. Cresciuto nelle giovanili del Verona Volley, indossa la maglia della prima squadra da tre stagioni come secondo libero. La società scaligera, quindi, è la sua seconda casa e con gli altri due veronesi Magalini e Zanotti ha un rapporto speciale. A raccontarlo è lui stesso in un’intervista a L’Arena. Come sei cambiato in queste tre anni? “Sono molto contento della fiducia che ho ricevuto, in queste tre stagioni sono migliorato molto tecnicamente come giocatore grazie al lavoro in palestra dei due allenatori Rado e Dario. Ma sono stati anni di crescita anche sotto l’aspetto personale”. Tante presenze soprattutto in fase break, coperture e salvataggi i tuoi punti forti? “Per questo ringrazio molto i coach per le opportunità che mi hanno dato, salvataggi e difese sono sicuramente il mio punto forte ma quando entro in campo cerco di dare il mio massimo contributo su tutto sempre con il massimo impegno per aiutare la squadra”. II giocatore che ti ha impressionato di più? “Senza dubbio Jenia Grebennikov per le sue ricezioni e difese incredibili ma anche per la voglia e la personalità che riesce a mettere in campo in ogni partita. Tutte le volte che l’ho visto giocare non ha mai sbagliato una sfida, è incredibile”. Come è cambiata la tua vita diventando un giocatore di Superlega? “E’ cambiata solo dal punto di vista dell’impegno durante la stagione. Perché ho pochissimo tempo libero e i week-end siamo sempre in giro a giocare. Per il resto devo dire che la vivo come prima e sono contento che sia così”. Sensazioni sul nuovo roster? “Siamo tutti giovani, si sta creando un bel gruppo con molta energia positiva, stiamo lavorando molto bene ogni giorno in palestra e sono convinto che faremo una bella stagione giocando una buona pallavolo”. II tuo migliore amico in squadra? “Ho un rapporto bellissimo con tutti, sono tutti ragazzi straordinari, diciamo che ho un rapporto un po’ più speciale con gli altri due veronesi Zanotti e Magalini con cui ho condiviso tanti anni anche nel settore giovanile”. LEGGI TUTTO

  • in

    Stagione 2021/22, pioggia di stelle per la nuova maglia da gioco della Tonno Callipo Volley

    Il ‘Sogno Giallorosso’ continua per il 28esimo anno consecutivo!
    Il 10 ottobre prossimo sarà un’altra data da ricordare per la Tonno Callipo Volley. Il Club vibonese taglierà infatti il nastro del 15esimo torneo di Superlega. Un sogno a tinte giallorosse diventato realtà grazie ai sacrifici profusi nel corso dei suoi 28 anni di storia appassionata e trascinante.Per celebrare i tre lustri di massima serie ecco la pioggia di stelle che brilleranno sulla nuova maglia gara realizzata dallo sponsor tecnico Zeus Sport. Rimanendo fedeli ai colori sociali, la prima divisa sarà gialla e rossa, mentre la seconda avrà lo sfondo nero e rifiniture su collo e maniche giallorosse. La novità è rappresentata da questo tripudio cromatico accattivante e suggestivo che riproduce il cielo stellato. Ogni stella è lì per ricordare le tappe più importanti della storia della Tonno Callipo Volley intrisa di successi inseguiti e raggiunti grazie all’impegno e alla passione che, neppure nei momenti difficili, sono venute meno.
    Il traguardo dei 15 anni nell’Olimpo del volley rappresenta un nuovo punto di ripartenza per alimentare sempre più il ‘Sogno Giallorosso’.  Sogno che inizialmente si è alimentato del desiderio di portare Vibo Valentia e la Calabria a misurarsi con i colossi del volley nazionale. Sogno poi realizzato attraverso tante battaglie combattute con ardore e che ha permesso alla Tonno Callipo Volley di ritrovarsi oggi con merito ed orgoglio a rappresentare quel Sud operoso e laborioso, che si rimbocca le maniche e si dimostra determinato a crescere e migliorare quotidianamente.
    Sotto quel ‘cielo stellato’ è ancora tempo di sognare: ci sono migliaia di cuori a battere e a sperare in una nuova serie di indimenticabili vittorie in lungo e in largo per l’Italia. L’invito della Società è dunque di continuare a credere che si possa essere artefici del proprio destino. La strada da percorrere, insieme, è quella che porta a nuovi ed inesplorati traguardi sportivi.
    “Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni” Eleanor Roosevelt.
    DESCRIZIONE TECNICA DELLA NUOVA DIVISA DA GIOCO FIRMATA ZEUS SPORTLe nuove divise 2021-22 presentano il nuovo template Zeus Thunder in versione HyperDry che si caratterizza per il tessuto altamente performante composto da poliestere ed elastan per avere l’effetto bielastico anti-stretch. Le maniche in taglio Raglan presentano transfer applicati a caldo per ottenere un effetto “Compression” per la migliore aderenza del tessuto al braccio, utile soprattutto nel momento della schiacciata. Il pannello frontale della maglia presenta una stampa con effetto “Stars” che si ispira al mondo delle stelle, dell’ambizione, alla fame di vittoria. Gli sponsor sono stampati in sublimatico per la maggiore leggerezza finale del prodotto.
    UFFICIO COMUNICAZIONERosita Mercatanteufficiostampa@volleytonnocallipo.com LEGGI TUTTO

  • in

    La Rizzotti Design allo Sport City Day. Chiappafreddo: “Catania sarà il nostro settimo uomo”

    Di Redazione Sorrisi e grande entusiasmo a Piazza Università a Catania per l’evento Sport City Day, manifestazione organizzata dalla Fondazione Sport City col patrocinio del comune etneo, CONI, CIP, Sport e Salute e Istituto per il Credito Sportivo che ha visto protagoniste le atlete della Rizzotti Design Pallavolo Sicilia Catania in una soleggiata mattina di sport, divertimento e attività giovanile. Negli spazi predisposti all’attività sostenibile all’aperto le atlete etnee hanno regalato attimi di grande divertimento alle tante piccole atlete presenti. Non sono mancati selfie e interviste per i protagonisti della stagione 2021/22, prossima al via fra tre settimane. Un entusiasmo che ha consentito alla città di Catania di abbracciare la formazione biancorossazzurra e svelarsi prima dell’esordio in Serie A2: “Questo evento sottolinea il desiderio di fare sport e il nostro sogno di riportare la pallavolo di livello a Catania – sottolinea entusiasta il presidente Antonio Bonaccorso – per Pallavolo Sicilia la Serie A2 è un evento epocale, un progetto che desideriamo far crescere per dare evidenza al movimento siciliano. Catania? A livello pallavolistico è una piazza importante, mi auguro che la piazza ci sostenga e venga a fare il tifo per noi” Non poteva mancare l’head coach Rizzotti Design Mauro Chiappafreddo: “Sono molto contento di partecipare a quest’evento perché comunque c’era tanta energia positiva, giovani immersi all’interno di una piazza così bella nell’atmosfera id sport dopo tanto tempo chiusini casa, poi in concomitanza di Roma. Sono soddisfatto di come fisicamente e tecnicamente stanno lavorando le ragazze, stiamo alternando i carichi e gestendo parte fisica, i due allenamenti congiunti. Catania Città? Mi auguro sia il nostro settimo uomo in campo” Dalla Catania che si mostra epicentro di sport sostenibile a Greta Catania, volto nuovo e ritorno romantico della campagna acquisti etnea che torna nella città che l’ha lanciata e sogna di vedere il suo talento: “Sono tanto felice, tornare a casa per me è un sollievo, sono stata accolta benissimo e mi sento a casa, è un emozione bellissima. Vedere i bambini che si divertono è veramente bello, ciò che auguro è giocare divertendosi, è il segreto per ottenere bei risultati e coltivare la passione”. (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Italia campione d'Europa, De Giorgi: “Nessuna magia, fatto qualcosa di straordinario”

    “La magia non esiste, ci sono idee e lavoro. Oggettivamente abbiamo fatto qualcosa di straordinario in tempi molto stretti, dietro però c’è stato un percorso in cui abbiamo avuto le idee molto chiare. Il lavoro fatto e la capacità del gruppo di calarsi immediatamente in una opportunità importante ha accelerato il processo di crescita, i ragazzi hanno dimostrato ampiamente le loro capacità”. Commenta così il successo agli Europei dell’Italvolley maschile il commissario tecnico azzurro Ferdinando De Giorgi, ospite a ‘Radio anch’io Sport’ su Rai Radio1. 

    approfondimento

    Italia campione d’Europa! Slovenia ko in finale

    “Non era facile fare 9 vittorie su 9 in un Europeo, considerando un girone duro come il nostro. Noi siamo andati con la squadra più giovane dell’Europeo per iniziare un altro percorso, la squadra di Velasco aveva un’altra struttura, ma molte cose di quel periodo ce le portiamo dietro. Per me rappresentare l’Italia prima da giocatore e poi da allenatore è un grande onore -prosegue De Giorgi-. Per lo sport di squadra quanto fatto funziona, anche perché ci sono tecnici e staff capaci, che organizzano squadre ad alto livello. E poi si è creato un ambiente in cui i giovani si possono esprimere. C’è dietro tanta preparazione, voglia di fare e tanta qualità dei giovani. Al di la della vittoria, fa tutto parte di un percorso per costruire qualcosa di importante. Siamo solo all’inizio, i ragazzi hanno bisogno di crescere”. 

    La vittoria degli Europei è arrivata dopo la delusione alle Olimpiadi. “Non so cosa non
    sia andato bene a Tokyo -conclude De Giorgi-. Io sono stato chiamato subito dopo i Giochi e ho cercato di gestire un post Olimpiade un po’ strano, fatto un anno dopo, a gestire un cambio generazionale sempre un po’ difficile, ma che ho visto anche come una opportunità. Scherzando ho detto al presidente (della Federvolley, ndr) che a questo punto dovrei rassegnare le dimissioni: partire così bene non è semplice”. E adesso, avanti al prossimo obiettivo: i Mondiali in Russia nel 2022. LEGGI TUTTO

  • in

    La Repubblica Dominicana trionfa sul Messico e vince la Pan American Cup

    Di Redazione Nessuna sorpresa nella finale di Pan American Cup femminile: la Repubblica Dominicana vince per 3-0 (25-15, 25-21, 25-14) la sfida con il Messico, aggiudicandosi un torneo dominato dall’inizio alla fine, senza neppure un set perso nelle 7 partite disputate. Per le padrone di casa è il quinto successo nella storia della manifestazione (l’ultimo era datato 2016), che ne fa il secondo paese più titolato dopo gli USA. Al Messico, comunque protagonista di un grande torneo, non riesce la storica doppietta dopo la vittoria nel torneo maschile; al terzo posto si piazzano gli USA grazie al 3-0 sul Canada (26-24, 25-17, 25-17). La capitana dominicana Prisilla Rivera, autrice di 13 punti anche in finale, si aggiudica il premio di MVP della competizione, nel giorno del suo addio alla nazionale dopo vent’anni di carriera. Per la 37enne, premiata anche come miglior schiacciatrice insieme all’americana Veronica Jones-Perry, si tratta del secondo riconoscimento in carriera (il primo nel 2010). Il sestetto ideale si completa con Brie King (Canada) in palleggio, Fernanda Rodriguez (Messico) come top scorer e miglior opposto, Jineiry Martinez (Dominicana) e Alison Bastianelli (USA) centrali, Gaila Gonzalez (Dominicana) per il miglior servizio e la connazionale Brenda Castillo come miglior libero, miglior difensore e miglior ricevitrice. (fonte: Norceca.net) LEGGI TUTTO

  • in

    Il Camerun è campione d’Africa per la terza volta consecutiva

    Di Redazione Finisce ancora in trionfo per il Camerun: a Kigali le “Leonesse Indomabili” vincono i Campionati Africani femminili per la terza volta consecutiva, battendo in finale il Kenya come nelle due precedenti edizioni. Una vittoria per 3-1 (25-21, 25-23, 15-25, 25-23) che replica quella ottenuta pochi giorni fa nella prima fase della manifestazione, anche se stavolta la gara è stata più combattuta ed è rimasta in equilibrio fino al 23-23 del quarto set. Entrambe le squadre si qualificano ai Mondiali 2022, mentre il terzo posto (a 34 anni dall’ultima medaglia) va al Marocco, che supera la Nigeria per 3-0 (25-19, 25-17, 25-18). Il premio di MVP della manifestazione va alla camerunense Christelle Tchoudjang Nana, mentre la compagna di squadra Laetitia Moma Bassoko (top scorer della finale con 18 punti) vince il riconoscimento per il miglior servizio. Miglior palleggiatrice la marocchina Alexandra Erhart, miglior attaccante Sharon Chepchumba Kiprono, miglior ricevitrice Mercy Moim, miglior muro Gladys Ekaru Emaniman (tutte del Kenya) e miglior libero Yousra Souidi (Marocco). L’edizione 2021 sarà comunque ricordata soprattutto per la clamorosa squalifica del Ruanda, paese organizzatore, per l’utilizzo di 4 giocatrici brasiliane naturalizzate senza seguire il regolamento della FIVB. Il caso ha portato a due giorni di sospensione della manifestazione, che si è conclusa soltanto ieri con semifinali e finali in giornata unica. (fonte: CAVB) LEGGI TUTTO

  • in

    Il Brasile vince i Sudamericani e manda la Colombia ai Mondiali

    Di Redazione Festeggiano in due a Barrancabermeja: il Brasile vince per la ventiduesima volta (la quattordicesima consecutiva) i Campionati Sudamericani femminili, le padrone di casa della Colombia centrano l’obiettivo della qualificazione ai Mondiali 2022, proprio grazie al 3-1 sulle brasiliane nell’ultima partita del girone. Un risultato che qualche sospetto lo alimenta, dato che alla seleçao bastava un set per mantenere il primo posto, ma va detto che la Colombia ha spinto fin dall’inizio ed è andata anche vicina al clamoroso 3-0 (24-24 nel terzo set) che sarebbe valso il sorpasso. Inutile, dunque, la facile vittoria per 3-0 dell’Argentina sul Cile. Per la Colombia è una dolce vendetta sulle albiceleste, che le avevano eliminate da Tokyo 2020, ma soprattutto una serie di record: per la prima volta la squadra di Antonio Rizzola si qualifica a un Mondiale, per la prima volta batte il Brasile in un evento internazionale, per la prima volta chiude una competizione al primo posto a pari merito (le verdeoro hanno la meglio per miglior quoziente set). A Gabi, autrice di 18 punti anche in finale, è stato assegnato il premio di MVP: “È stato un altro titolo importante per il Brasile. Congratulazioni alla Colombia, che ha giocato una grande partita e ci ha messo sotto pressione. Festeggiamo questo successo e tutta la stagione, che è stata molto speciale per il nostro gruppo: abbiamo attraversato molti momenti difficili, ma chiudiamo felici e pensiamo già al prossimo ciclo, che ci porterà a Parigi“. Nel sestetto ideale altre due brasiliane, la centrale Carol Gattaz e l’opposta Ana Cristina; per la Colombia sono state premiate Amanda Coneo (14 punti in finale) come miglior schiacciatrice, Maria Marin come miglior palleggiatrice e Yeisy Soto come miglior centrale. RISULTATIArgentina-Cile 3-0 (25-19, 25-5, 25-22); Colombia-Brasile 3-1 (25-19, 25-23, 24-26, 25-23). Classifica finale: Brasile* e Colombia 3 vittorie (9 punti), Argentina e Perù 2 (6), Cile 0 (0).*prima per miglior quoziente set (fonte: Voleysur.org) LEGGI TUTTO

  • in

    La Nazionale Under 21 di Frigoni convince contro l’Argentina: 3-1 in amichevole

    Di Redazione La Nazionale italiana Under 21 maschile ieri sera ha vinto la prima amichevole contro l’Argentina (inserita nel girone C dei Campionati del  Mondo; l’Italia è nella pool A) con il punteggio di 3-1 (24-26, 25-18, 25-9, 25-22) giocata a Cagliari. Gli azzurrini sono stati bravi, dopo aver perso il primo set, a gestire i momenti clou del match. Top scorer della partita Andrea Schiro con 11 punti realizzati. L’incontro di ieri al PalaPirastu con la formazione sudamericana ha fornito al tecnico Angiolino Frigoni indicazioni importanti in vista del match d’esordio ai Campionati del Mondo contro la Thailandia (il 23 settembre alle ore 19). Oggi si replica ancora con l’Argentina alle ore 18 sempre al PalaPirastu di Cagliari.  ITALIA U21-ARGENTINA U21 3-1 (24-26, 24-18, 25-9, 25-22)Italia: Crosato 5, Porro 3, Gottardo 4, Comparoni 3, Schiro 11, Magalini 8, Catania (L). Ferrato 3, Pol 1, Stefani 7, Rinaldi 9, Cianciotta 7. All. FrigoniArgentina: Gallardo 6, Urchevich 1, Vidoni 11, Soria 1, Nieto 7, Armoa 5, Malaber, Ibazeta 1, Scarpa (L). Cascu (6), Acosta 6, Aloissi 2. All. LopezDurata set:  29’, 23’, 20’, 25’Italia U21:  5 a, 20 bs, 9 mv,  29 etArgentina:  3 a,  19 bs,  2 mv,  38 et  (Fonte: comunicato stampa) LEGGI TUTTO