More stories

  • in

    Cancun Hub, event 2: Abbiati/Andreatta e Windisch/Cottafava non passano le qualificazioni

    CANCUN – Nel secondo dei 3 tornei a 4 stelle del Cancun Hub non superano le qualificazioni le 2 coppie italiane.Abbiati/Andreatta battono 2-0 (22-20, 21-16) gli svizzeri Metral/Haussener nel primo turno, ma sono sconfitti al secondo turno 2-0 (21-17, 21-14) dai canadesi Pedlow/Schachter.Gli azzurrini Windisch/Cottafava nel primo turno superano 2-0 (25-23, 21-15) i norvegesi Ringoen/Berntsen, ma al secondo perdono 2-1 (26-24, 12-21, 15-6) contro gli olandesi Boermans/De Groot.

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteFipav: Il Presidente Giuseppe Manfredi illustra le delibere del Consiglio FederaleArticolo successivoVerona: Stoytchev dopo la sconfitta di Milano. “Troppi errori. I giovani? Orgoglioso” LEGGI TUTTO

  • in

    A2 F.: Recupero, Ravenna-Club Itala Crai 3-2

    POOL SALVEZZA – RECUPERO 3. GIORNATA ANDATAOLIMPIA TEODORA RAVENNA – CLUB ITALIA CRAI 3-2 (25-21 22-25 25-17 22-25 16-14)OLIMPIA TEODORA RAVENNA: Morello 6, Piva 13, Torcolacci 13, Kavalenka 14, Grigolo 12, Guidi 4, Giovanna (L), Assirelli 9, Guasti 9, Bernabe’, Poggi, Vecchi. Non entrate: Monaco, Rocchi (L). All. Bendandi.CLUB ITALIA CRAI: Pelloia 2, Gardini 4, Graziani 14, Ituma 7, Nervini 16, Nwakalor 9, Armini (L), Bassi 7, Frosini 6, Monza 5, Trampus. Non entrate: Marconato, Barbero (L), Giuliani. All. Bellano.ARBITRI: Selmi, Mesiano.NOTE – Durata set: 24′, 26′, 22′, 28′, 19′; Tot: 119′.
    MODENA – Olimpia Teodora Ravenna e Club Italia Crai danno vita a un match tiratissimo nel recupero della 3ª giornata di andata della Pool Salvezza. Ad imporsi sono le romagnole di Simone Bendandi per 3-2, dopo essere state due volte in vantaggio di un set e 14-11 nel tie-break, poi concluso 16-14.Il coach di casa, ottenuto da tempo il pass per i Play Off Promozione, fa ruotare praticamente tutte le giocatrici, con l’eccezione di Rocchi, tenuta a riposo, e Monaco, ancora ferma per infortunio, facendo esordire in Serie A2 un’altra 2005, Valentina Vecchi. Anche Massimo Bellano, tecnico delle azzurrine, dà fondo alla panchina, inserendo a partita in corso Frosini per Ituma e Monza per Pelloia. Da un lato le ravennati spingono al servizio – ben 10 ace con Kavalenka capofila a quota 3 – e dall’altro le ospiti mettono a segno 16 muri punto (5 per Graziani).Per Ravenna un’ultima partita, in casa dell’Exacer Montale, prima di focalizzarsi sui Play Off; mentre sono ancora tre le gare da disputare per il Club Italia Crai, a partire dall’impegno interno con l’Itas Città Fiera Martignacco nel prossimo weekend.
    CLASSIFICA – POOL SALVEZZAOlimpia Teodora Ravenna 43 (1)Futura Volley Giovani Busto Arsizio 35 (1)Itas Città Fiera Martignacco 35 (1)Geovillage Hermaea Olbia 32Cda Talmassons 31 (2)Barricalla Cus Torino 30Club Italia Crai 24 (3)Sorelle Ramonda Ipag Montecchio 15 (1)Exacer Montale 8 (1).(tra parentesi le partite ancora da disputare)
    PROSSIMO TURNO – POOL SALVEZZADomenica 25 aprile, ore 17.00 Exacer Montale – Olimpia Teodora RavennaARBITRI: Piperata-ProiettiFutura Volley Giovani Busto Arsizio – CDA TalmassonsARBITRI: Pasin-ArmandolaClub Italia Crai – Itas Città Fiera MartignaccoARBITRI: Usai-NavaRiposa: Geovillage Hermaea Olbia LEGGI TUTTO

  • in

    Allianz Powervolley Milano: pronto riscatto dei meneghini. 3 – 1 contro Verona

    Milano – La Allianz Powervolley Milano nella semifinale a gara secca contro la NBV Verona fa suo il risultato con il punteggio di 3 – 1 ( 22-25, 25-20, 25-20, 25-20 ) e conquista così la finale Play Off 5° Posto contro Modena del prossimo 25 aprile :Finale la cui posta in gioco è l’accesso alla CEV Challenge Cup che Piano e compagni vogliono fare propria per ripetere la stupenda avventura dello scorso anno che ha visto la squadra del presidente Lucio Fusaro conquistare il trofeo europeo contro la squadra turca dello Ziraat che pochi giorni fa ha vinto il campionato del proprio paese.La gara andata in scena questa sera contro i ragazzi di coach Stoiytchev e da una parte ha significato l’immediato riscatto della squadra di coach Roberto Piazza che mal avevano digerito il secco 3-0 rimediato sette giorni orsono dall’altra parte ha significato che quando Piano e compagni giocano da squadra possono dire la loro contro qualsivoglia avversario e portare a casa il risultato.CronacaPrimo set: parte bene verona che con l’ace di Asparuhov fa 2-6 e costringe Piazza al primo time out. Al rientro il primo tempo di Kozamernik fa 5-9 e prova a far rientrare Milano che impatta 10-10 con lo stesso Kozamernik che ferma a muro Jensen. Preso coraggio Milano prova ad allungare e con Patry dai nove metri fa 14-12. Verona però non ci sta e con l’ace di Jensen fa 19-22 prima del 21-24 ace di Asparuhov  e del mani out di Magalini che chiude 22-25.
    Secondo set: si gioca punto a punto sino al 6-6 ace di Sbertoli che da il via alla fuga di Milano che con due ace ancora di Sbertoli ed una di Kozamernik fa segnare il 13-9 cui segue il 14-9 di Basic e secondo time out di Verona. Alla ripresa del gioco Milano mantiene a debita distanza Verona che prova ad accorciare con il danese Jensen dai nove metri 15-12 e tempo Piazza. Al rientro Sbertoli fa 19-15 prima del 21-17 di Kozamernik e del 25-20 di Urnaut che chiude il set.
    Terzo set: parte bene Milano 3-1 ace di Patry cui segue l’ace di Piano per il 6-3 e poi sempre dai nove metri 8-4 di Sbertoli preludio del +5 (10-5) di Basic. Verona prova a rientrare ma a condurre il gioco è sempre Milano ce con Patry fa 18-11 e tempo Stoytchev. Al rientro Aguenier accorcia e fa 20-18 e tempo Piazza che spinge i suoi a chiudere con Maar che fa 22-18 e poi Piano che fa 25-20.
    Quarto set: parte bene Verona che con la diagonale di Jensen fa 5-7 e costringe milano ad inseguire sino al 7-7 muro di Patry. Da qui si riprende a giocare punto a punto sino al primo break di Milano 14-12 a firma Patry. Poi Sbertoli a muro fa 15-12 e Piano sempre a muro allunga 19-15. la palla out di Jensen e l’errore di Zingel danno il 23-17 ai meneghini che vedono in campo il giovanissimo Meschiari per Basic. Verona prova a reagire con Jensen 24-19 ma l’errore al servizio di Magalini da il set a Milano 25-20.TabellinoAllianz Powervolley Milano – NBV Verona : 3 – 1 ( 22-25, 25-20,25-20, 25-20 )Allianz Powervolley Milano: Basic 11, Kozamernik 10, Daldello 0, Sbertoli 6, Maar 2, Patry 16, Meschiari 0, Piano 6, Urnaut 16, Pesaresi (L). N.e.: Staforini(L), Weber, Mosca, Ishikawa. All. Roberto Piazza.NBV Verona: Magalini 12, Peslac 0, Aguenier 9, Asparuhov 16, Zingel 7, Jensen 20, Spirito 0, Donati(L), Bonami(L),. N.e.: Kaziysky, Caneschi, Zanotti. All. Rado Stoytchev.MVP: SbertoliArbitri: Luciani – Frappicini. Terzo arbitro: Manzoni. LEGGI TUTTO

  • in

    Play Off 5° Posto: Milano e Modena in Finale. Provvedimenti disciplinari

    Giovedì 22 aprile 2021 Play Off 5° Posto: in Finale Milano e ModenaProvvedimenti disciplinari
    Play Off 5° Posto SuperLega Credem Banca Gara Unica Semifinali: Milano supera Verona, Modena espugna Piacenza. Domenica all’Allianz Cloud la Finalissima tra meneghini ed emiliani con diretta RAI Sport
    Risultati Gara Unica Semifinali Play Off 5° Posto: Gas Sales Bluenergy Piacenza – Leo Shoes Modena 0-3 (21-25, 16-25, 21-25)
    Allianz Milano – NBV Verona 3-1 (22-25, 25-20, 25-20, 25-20)
    Gas Sales Bluenergy Piacenza – Leo Shoes Modena 0-3 (21-25, 16-25, 21-25) – Gas Sales Bluenergy Piacenza: Baranowicz 1, Clevenot 9, Tondo 8, Finger 9, Antonov 10, Mousavi 3, Fanuli (L), Scanferla (L), Izzo 0, Candellaro 0. N.E. Botto. All. Bernardi. Leo Shoes Modena: Christenson 5, Rinaldi 9, Bossi 2, Buchegger 16, Petric 10, Mazzone 7, Sanguinetti (L), Porro 0, Grebennikov (L), Stankovic 0, Gollini 0. N.E. Vettori, Estrada Mazorra, Karlitzek. All. Giani. ARBITRI: Curto, Pozzato. NOTE – durata set: 30′, 27′, 30′; tot: 87′. MVP: Buchegger
    La Leo Shoes Modena approda alla finale Play Off 5° Posto di SuperLega Credem Banca che si disputerà domenica 25 aprile. Decisiva la vittoria per 3-0 contro la Gas Sales Bluenergy Volley Piacenza. Per i biancorossi, eliminati a un passo dal traguardo, sfuma il sogno di inseguire un posto per la prossima Challenge Cup. Partita giocata con un gran ritmo da parte della formazione modenese, abile a sfruttare i colpi di Buchegger (16 punti), MVP di serata, e di Petric (10 punti) ben imbeccati da Christenson. In casa Piacenza i ragazzi di coach Bernardi faticano a tenere il ritmo degli ospiti e il solo Antonov finisce in doppia cifra (10 punti). Avvio combattuto tre le due formazioni impegnate in sorpassi e contro-sorpassi. È Modena a trovare il break decisivo, approfittando di qualche disattenzione del team di casa, e a conquistare il parziale. Secondo set equilibrato nelle fasi iniziali: i piacentini compiono qualche errore di troppo e Modena non si fa scappare l’occasione: scappa via e vince il parziale. Terzo atto sulla scia dei precedenti: Piacenza prova ad allungare, ma subisce la rimonta degli ospiti che guadagnano il vantaggio decisivo portandosi a casa la vittoria e l’accesso alla finale.
    MVP: Paul Buchegger (Leo Shoes Modena)
    Lorenzo Bernardi (allenatore Gas Sales Bluenergy Piacenza): “I ragazzi avrebbero meritato la chance di giocarsi la finale di domenica, mi spiace per non aver raggiunto quel traguardo. Nell’ultimo mese abbiamo avuto un numero ridotto di atleti disponibili e qualcosa abbiamo pagato. Purtroppo abbiamo commesso degli errori e alcune imprecisioni che ci portiamo avanti da partite precedenti”.Micah Christenson (Leo Shoes Modena): “Abbiamo giocato una bella gara contro una squadra importante, che voleva a tutti i costi la vittoria, proprio come noi. Devo ringraziare i miei compagni che hanno fatto una grande prestazione, ricevendo e attaccando alla grande. Anche oggi abbiamo dato una risposta a chi diceva che eravamo in vacanza, qui in vacanza non c’è nessuno”.
    Allianz Milano – NBV Verona 3-1 (22-25, 25-20, 25-20, 25-20) – Allianz Milano: Sbertoli 6, Basic 11, Kozamernik 10, Patry 16, Urnaut 16, Piano 7, Staforini (L), Daldello 0, Pesaresi (L), Maar 2, Meschiari 0. N.E. Weber, Ishikawa, Mosca. All. Piazza. NBV Verona: Spirito 0, Magalini 12, Aguenier 9, Jensen 20, Asparuhov 16, Zingel 6, Donati (L), Bonami (L), Peslac 0. N.E. Kaziyski, Zanotti, Caneschi. All. Stoytchev. ARBITRI: Luciani, Frapiccini. NOTE – durata set: 29′, 26′, 27′, 26′; tot: 108′. MVP: Sbertoli
    È l’Allianz Milano la seconda finalista dei Play Off 5° Posto. La squadra di coach Piazza raggiunge Modena (che ha battuto Piacenza per 3-0) nell’ultimo atto del torneo che assegna un posto in CEV Challenge Cup per la prossima stagione. Dopo il passo falso della scorsa settimana, i meneghini trovano il successo con l’NBV Verona, battuta con il punteggio di 3-1. Un match ricco di emozioni quello che si è disputato al Centro FIPAV Pavesi, vinto 3-1 in 1 ora e 48 minuti di gioco (22-25, 25-20, 25-20, 25-20). Milano trova nella concretezza d’attacco e nella fase break armi fondamentali per la conquista della finalissima, in programma domenica 25 aprile all’Allianz Cloud. Prestazione complessivamente positiva anche per gli scaligeri, molto combattivi, come raccontano i parziali, senza riuscire però a finalizzare i punti decisivi. Coach Piazza e i suoi ragazzi si meritano e guadagnano un posto in Finale nei Play Off 5° Posto. I meneghini giocano con grande intensità, riversando energia e qualità sul taraflex del Centro Pavesi. A brillare in particolar modo è la prestazione di Riccardo Sbertoli. Egregia la regia del palleggiatore meneghino, che si prende il titolo di MVP, mandando in doppia cifra quattro giocatori (Patry e Urnaut con 16 punti, 11 per Basic e 10 per Kozamernik). Fin dal principio il match è equilibrato, ma l’Allianz Milan primeggia in quasi tutti i fondamentali, mettendo in grossa difficoltà Verona nei momenti cruciali del confronto. Dal canto suo, il sestetto veneto può contare sull’apporto di Jensen (20) ed Asparuhov (16), ma sono i padroni di casa a dettare il ritmo del match e a prendersi la finale. Prossimo appuntamento per Milano domenica 25 aprile alle 18.00 in casa all’Allianz Cloud contro Modena.
    MVP: Riccardo Sbertoli (Allianz Milano)
    Matteo Meschiari (Allianz Milano): “Quando sono entrato ero un po’ incredulo: è successo tutto molto velocemente, non me l’aspettavo e una volta in campo ho dovuto guardare da un’altra prospettiva la palla. Peccato per la difesa dell’avversario perché speravo di fare almeno l’ultimo punto, ma è stato bravissimo lui, quindi complimenti. Ho avuto un momento di difficoltà, ma i miei compagni sono sempre stati lì a incoraggiarmi, supportarmi e darmi consigli, quindi è stato un ingresso facilitato. Oggi abbiamo disputato una bella partita, soprattutto perché nell’ultima sfida con Verona avevamo incassato una brutta sconfitta con parziali anche abbastanza severi. Oggi ci siamo rifatti con un avversario molto forte. Adesso siamo in finale e la testa va a Modena, che ha vinto con Piacenza: il nostro obiettivo è giocare al meglio per conquistare l’accesso in Europa”.Radostin Stoytchev (allenatore NBV Verona): “Nel primo set siamo andati molto bene perché la squadra è rimasta lucida. Nel secondo set su una situazione in cui avremmo avuto la possibilità di pareggiare non siamo riusciti a sfruttare la situazione e invece abbiamo preso un ace che ci ha stroncato. Nel terzo e quarto set abbiamo sofferto il cambio palla e con qualche errore di troppo in battuta, specialmente quelle al salto. Milano ha vinto meritatamente la partita, esprimendo un ottimo livello di gioco, che è nelle loro corde da tutta la stagione: complimenti a loro. Il bilancio dei giovani? Sono molto soddisfatto di tutti i ragazzi, specialmente di Magalini e Jensen”.
    Il programmaGara Unica Finale Play Off 5° Posto SuperLega Credem BancaDomenica 25 aprile 2021, ore 18.00 Allianz Milano – Leo Shoes ModenaDiretta RAI Sport Canale 58
    Provvedimenti disciplinariGara Play Off Scudetto SuperLega Credem Banca del 21 aprile 2021
    Nessun provvedimento adottato a carico di tesserati e sodalizi
    Gare Play Off Promozione Serie A2 Credem Banca del 21 aprile 2021
    A CARICO SODALIZI
    PRISMA TARANTO – Multa di € 400,00 per aver, le persone autorizzate, durante il 5°set, incitato la propria squadra, violando la normativa come da Protocollo Fipav.
    Gare Play Off Promozione Serie A3 Credem Banca del 21 aprile 2021
    Nessun provvedimento adottato a carico di tesserati e sodalizi LEGGI TUTTO

  • in

    Play Off 5° posto: Milano conquista il pass per la finale. 3-1 a Verona

    SEMIFINALE – PLAY OFF 5° POSTOAllianz Milano – NBV Verona 3-1 (22-25, 25-20, 25-20, 25-20)Allianz Milano: Sbertoli 6, Basic 11, Kozamernik 10, Patry 16, Urnaut 16, Piano 7, Staforini (L), Daldello 0, Pesaresi (L), Maar 2, Meschiari 0. N.E. Weber, Ishikawa, Mosca. All. Piazza.NBV Verona: Spirito 0, Magalini 12, Aguenier 9, Jensen 20, Asparuhov 16, Zingel 6, Donati (L), Bonami (L), Peslac 0. N.E. Kaziyski, Zanotti, Caneschi. All. Stoytchev.ARBITRI: Luciani, Frapiccini.NOTE – durata set: 29′, 26′, 27′, 26′; tot: 108′.
    MILANO – È l’Allianz Powervolley Milano la seconda finalista dei playoff 5° posto. La squadra di coach Piazza raggiunge Modena (che ha battuto Piacenza per 3-0) nell’ultimo atto del torneo che assegna un posto in Europa in Challenge Cup nella prossima stagione. Dopo il passo falso della scorsa settimana, i meneghini si riscattano immediatamente e trovano il successo su l’NBV Verona, battuta con il punteggio di 3-1. Un match non privo di suspense quello che si è disputato al Centro FIPAV Pavesi, chiuso in 4 set in 1 ora e 48 minuti di gioco con i parziali 22-25, 25-20, 25-20, 25-20. Milano trova nella concretezza d’attacco e nella fase break armi fondamentali per la conquista della finalissima, in programma domenica 25 aprile all’Allianz Cloud.
    I meneghini hanno giocato con grande intensità, riversando energia e qualità sul taraflex del Centro Pavesi, su cui ha brillato in particolar modo la prestazione di Riccardo Sbertoli. Egregia la regia del palleggiatore meneghino, che si prende il titolo di MVP, mandando in doppia cifra quattro giocatori (Patry ed Urnaut con 16 punti, 11 per Basic e 10 per Kozamernik). È stato un match dettato dall’equilibrio, ma è il team guidato da coach Piazza a primeggiare in quasi tutti i fondamentali, mettendo in grossa difficoltà Verona soprattutto nei momenti cruciali, sapendo gestire con sapienza il ritmo del gioco per lunghi tratti della partita e, di fatto, riscattando definitivamente il brutto k.o. di sette giorni fa subito proprio per mano de i veneti.
    Riccardo Sbertoli, MVP del match
    SESTETTI – Milano, c’è Basic in coppia di posto 4 con Urnaut, poi è Sbertoli-Patry in diagonale di posto 2, Kozamernik e Piano al centro con Pesaresi libero.  Verona in campo con Spirito-Jensen, Aguenier-Zingel e Magalini-Asparuhov, con Bonami libero
    LA PARTITA – Partenza favorevole a Verona che mura Urnaut e l’ace di Asparuhov per il 2-6, che porta al primo time out di coach Piazza. Kozamernik inchioda a terra un imperioso primo tempo (5-9), con il muro a due Patry-Kozamernik che riavvicina Milano (7-10). Milano non molla e la diagonale di Urnaut vale l’8-10, seguita dall’invasione di Asparuhov che porta il parziale sul 9-10. Anoora un muro per Milano: Kozamernik blocca Jensen per il 10 pari, con il danese che attacca sull’asta consegnando il vantaggio ai padroni di casa (11-10). Primo +2 nel set per Milano: Patry dai 9 metri bombarda per il 14-12. Si riporta subito avanti Verona, sfruttando l’errore in primo tempo di Piano (14-15), con Patry che non sbaglia in diagonale siglando il 15-16. Patry trova un tocco liftato per il 18-19, ma l’ace di Jensen porta sul 19-22 Verona. Patry chiude il break (21-22), ma è ancora un ace, questa volta di Asparuhov, a portare il parziale sul 21-24. Magalini trova il mani out del 22-25.
    Patry rimedia subito all’errore e trova la diagonale del 4-5, poi è l’ace di Sbertoli a rimettere il punteggio in parità (6-6). Ancora Milano che sfrutta prima l’attacco out di Magalini e poi è Patry a sfondare per l’8-6. Ancora Sbertoli che trova una serie incredibile dai 9 metri per il 10-6, con un altro ace che arriva con Kozamernik (13-9). Pipe di Basic in rigiocata (14-9), poi muro vincente per Piano (15-9). Urnaut sfonda il muro e respinge l’offensiva veronese (16-12), ma è proprio l’attacco out dello sloveno a portare Verona sul -3 (17-14). Sbertoli si improvvisa attaccante e trova il mani out del 19-15, poi il regista illumina per Kozamernik che non sbaglia sotto rete (21-17). Doppio Urnaut ed il punteggio diventa 23-18, poi è ancora lo sloveno a mettere la parola fine sul parziale (25-20).
    Ace di Patry (3-1), seguito da un altro ace di Piano (6-3). Alla festa dai 9 metri del set si unisce anche Sbertoli che trova l’ace dell’8-4, con la pipe di Basic che porta il vantaggio di Milano sul +5 (10-5). Mani out Patry (12-18), seguito dall’errore in primo tempo di Zingel. Muro Milano (15-10), poi Basic passa in mezzo al muro per il 17-11. Kozamernik è una sentenza al centro della rete (due punti consecutivi per il 20 -12), ma Verona rimonta fino al 20-18, sfruttando le imprecisioni dei padroni di casa. Maar toglie le castagne dal fuoco (21-18), trovando anche lo smash del 22-18. Kozamernik a segno in primo tempo (23-19), poi è attacco mancino per Urnaut (24-19). Piano chiude i giochi in primo tempo per il 25-20Subito Urnaut in diagonale per il 3-2, ma è Verona a trovare il primo +2 (5-7) con la diagonale vincente di Jensen. Subito parità per Milano con il muro di Patry (7-7), con cambio palla fluido tra le due squadre: alla diagonale di Jensen, risponde la pipe di Basic (11-11). Super ace di Urnaut (12-11) che trova l’incrocio delle linee, con il break firmato Patry da seconda linea (14-12). Sbertoli si supera a muro (15-12), con Piano che alza un muro enorme per il 19-15. Piano chiude un meraviglioso scambio (22-16), con Meschiari in campo per Basic sul 23-17. Sull’errore di Verona, il match si chiude 25-20.
    Patry, opposto di Milano
    HANNO DETTO
    Il commento finale è affidato alle parole di Matteo Meschiari, inserito nel finale da coach Piazza e ad un passo dal siglare il match point: “Quando sono entrato ero un po’ incredulo: è successo tutto molto velocemente, non me l’aspettavo e una volta in campo ho dovuto guardare da un’altra prospettiva la palla. Peccato per la difesa dell’avversario perché speravo di fare almeno l’ultimo punto, ma è stato bravissimo lui, quindi complimenti. Ho avuto un momento di difficoltà, ma i miei compagni sono sempre stati lì a incoraggiarmi, supportarmi e darmi consiglio quindi è stato un ingresso facilitato. Oggi abbiamo disputato una bella partita, soprattutto perché l’ultima volta che abbiamo giocato contro Verona abbiamo subìto una brutta sconfitta con parziali anche abbastanza severi. Oggi ci siamo rifatti con un avversario molto forte. Adesso siamo in finale e la testa va a Modena, che ha vinto con Piacenza: il nostro obiettivo è giocare al meglio per conquistare l’accesso in Europa”.
    Radostin Stoytchev, allenatore di Verona: “Nel primo set siamo andati molto bene perchè la squadra è rimasta lucida, purtroppo invece nel secondo set su una situazione in cui avremmo avuto la possibilità di pareggiare non siamo riusciti a sfruttare la situazione e invece abbiamo preso un ace che ci ha stroncato. Nel terzo e quarto set abbiamo sofferto il cambio palla e con qualche errore di troppo in battuta, specialmente quelle al salto. Milano ha vinto meritatamente la partita, esprimendo un ottimo livello di gioco che è nelle loro corde da tutta la stagione: complimenti a loro. Il bilancio dei giovani? Sono molto soddisfatto tu tutti i ragazzi, specialmente di Magalini e Jensen” LEGGI TUTTO

  • in

    L’Allianz Milano rimonta su Verona e va a giocarsi un posto in Europa

    Di Redazione È l’Allianz Milano la seconda finalista dei Play Off 5° posto. La squadra di coach Piazza raggiunge Modena (che ha battuto Piacenza per 3-0) nell’ultimo atto del torneo che assegna un posto in Europa in CEV Challenge Cup nella prossima stagione. Dopo il passo falso della scorsa settimana proprio contro i veneti, i meneghini si riscattano immediatamente e trovano il successo sulla NBV Verona, battuta con il punteggio di 3-1. Un match non privo di suspense quello del Centro Pavesi: Milano trova nella concretezza d’attacco e nella fase break armi fondamentali per la conquista della finalissima, in programma domenica 25 aprile all’Allianz Cloud. I meneghini hanno giocato con grande intensità, riversando energia e qualità sul taraflex del Centro Pavesi, su cui ha brillato in particolar modo Riccardo Sbertoli. Egregia la regia del palleggiatore meneghino, che si prende il titolo di MVP, mandando in doppia cifra quattro giocatori (Patry ed Urnaut con 16 punti, 11 per Basic e 10 per Kozamernik). Dal canto suo, il sestetto veneto può contare sull’apporto di Jensen (20) ed Asparuhov (16), ma sono i padroni di casa a dettare il ritmo del match e a prendersi la finale.  La cronaca:C’è Basic in coppia di posto 4 con Urnaut, poi è Sbertoli-Patry in diagonale di posto 2, Kozamernik e Piano al centro con Pesaresi libero. Partenza favorevole a Verona che mura Urnaut e l’ace di Asparuhov per il 2-6, che porta al primo time out di coach Piazza. Kozamernik inchioda a terra un imperioso primo tempo (5-9), con il muro a due Patry-Kozamernik che riavvicina Milano (7-10). Milano non molla e la diagonale di Urnaut vale l’8-10, seguita dall’invasione di Asparuhov che porta il parziale sul 9-10. Ancora un muro per Milano: Kozamernik blocca Jensen per il 10 pari, con il danese che attacca sull’asta consegnando il vantaggio ai padroni di casa (11-10). Primo più 2 nel set per Milano: Patry dai 9 metri bombarda per il 14-12. Si riporta subito avanti Verona, sfruttando l’errore in primo tempo di Piano (14-15), con Patry che non sbaglia in diagonale siglando il 15-16. Patry trova un tocco liftato per il 18-19, ma l’ace di Jensen porta sul 19-22 Verona. Patry chiude il break (21-22), ma è ancora un ace, questa volta di Asparuhov, a portare il parziale sul 21-24. Magalini trova il mani out del 22-25. Patry rimedia subito all’errore in apertura di secondo set e trova la diagonale del 4-5, poi è l’ace di Sbertoli a rimettere il punteggio in parità (6-6). Ancora Milano che sfrutta prima l’attacco out di Magalini e poi è Patry a sfondare per l’8-6. Ancora Sbertoli che trova una serie incredibile dai 9 metri per il 10-6, con un altro ace che arriva con Kozamernik (13-9). Pipe di Basic in rigiocata (14-9), poi muro vincente per Piano (15-9). Urnaut sfonda il muro e respinge l’offensiva veronese (16-12), ma è proprio l’attacco out dello sloveno a portare Verona sul -3 (17-14). Sbertoli si improvvisa attaccante e trova il mani out del 19-15, poi il regista illumina per Kozamernik che non sbaglia sotto rete (21-17). Doppio Urnaut ed il punteggio diventa 23-18, poi è ancora lo sloveno a mettere la parola fine sul parziale (25-20). Ace di Patry in avvio di terzo set (3-1), seguito da un altro ace di Piano (6-3). Alla festa dai 9 metri del set si unisce anche Sbertoli che trova l’ace dell’8-4, con la pipe di Basic che porta il vantaggio di Milano sul +5 (10-5). Mani out Patry (12-18), seguito dall’errore in primo tempo di Zingel. Muro Milano (15-10), poi Basic passa in mezzo al muro per il 17-11. Kozamernik è una sentenza al centro della rete (due punti consecutivi per il 20 -12), ma Verona rimonta fino al 20-18, sfruttando le imprecisioni dei padroni di casa. Maar toglie le castagne dal fuoco (21-18), trovando anche lo smash del 22-18. Kozamernik a segno in primo tempo (23-19), poi è attacco mancino per Urnaut (24-19). Piano chiude i giochi in primo tempo per il 25-20. Subito Urnaut in diagonale per il 3-2 nel quarto parziale, ma è Verona a trovare il primo +2 (5-7) con la diagonale vincente di Jensen. Subito parità per Milano con il muro di Patry (7-7), con cambio palla fluido tra le due squadre: alla diagonale di Jensen, risponde la pipe di Basic (11-11). Super ace di Urnaut (12-11) che trova l’incrocio delle linee, con il break firmato Patry da seconda linea (14-12). Sbertoli si supera a muro (15-12), con Piano che alza un muro enorme per il 19-15. Piano chiude un meraviglioso scambio (22-16), con Meschiari in campo per Basic sul 23-17. Sull’errore di Verona, il match si chiude 25-20. Il commento finale è affidato alle parole di Matteo Meschiari, inserito nel finale da coach Piazza e ad un passo dal siglare il match point: “Quando sono entrato ero un po’ incredulo, è successo tutto molto velocemente, non me l’aspettavo e una volta in campo ho dovuto guardare da un’altra prospettiva la palla. Peccato per la difesa dell’avversario perché speravo di fare almeno l’ultimo punto, ma è stato bravissimo lui, quindi complimenti. Ho avuto un momento di difficoltà, ma i miei compagni sono sempre stati lì a incoraggiarmi, supportarmi e darmi consiglio quindi è stato un ingresso facilitato. Oggi abbiamo disputato una bella partita, soprattutto perché l’ultima volta che abbiamo giocato contro Verona abbiamo subìto una brutta sconfitta con parziali anche abbastanza severi. Oggi ci siamo rifatti con un avversario molto forte. Adesso siamo in finale e la testa va a Modena: il nostro obiettivo è giocare al meglio per conquistare l’accesso in Europa“. Radostin Stoytchev: “Nel primo set siamo andati molto bene perché la squadra è rimasta lucida. Nel secondo set su una situazione in cui avremmo avuto la possibilità di pareggiare non siamo riusciti a sfruttare la situazione e invece abbiamo preso un ace che ci ha stroncato. Nel terzo e quarto set abbiamo sofferto il cambio palla e con qualche errore di troppo in battuta, specialmente quelle al salto. Milano ha vinto meritatamente la partita, esprimendo un ottimo livello di gioco, che è nelle loro corde da tutta la stagione: complimenti a loro. Il bilancio dei giovani? Sono molto soddisfatto di tutti i ragazzi, specialmente di Magalini e Jensen“. Allianz Milano-NBV Verona 3-1 (22-25, 25-20, 25-20, 25-20)Allianz Milano: Basic 11, Kozamernik 10, Daldello 0, Sbertoli 6, Maar 2, Patry 16, Meschiari 0, Piano 6, Urnaut 16, Pesaresi (L). N.e.: Staforini (L), Weber, Mosca, Ishikawa. All. Roberto Piazza.NBV Verona: Magalini 12, Peslac 0, Aguenier 9, Asparuhov 16, Zingel 7, Jensen 20, Spirito 0, Donati (L), Bonami (L). N.e.: Kaziyski, Caneschi, Zanotti. All. Rado Stoytchev.Arbitri: Luciani-Frapiccini.Note: Durata set: 29’, 26’, 27’, 26’. Durata totale: 1h e 48’. Milano: battute vincenti 7, battute sbagliate 14, muri 12, attacco 50%, 40% (20% perfette) in ricezione. Verona: battute vincenti 3, battute sbagliate 11, muri 10, attacco 45%, 53% (30% perfette) in ricezione. (fonte: Comunicato stampa) LEGGI TUTTO

  • in

    Milano batte Verona e vola in finale playoff 5° posto

    L’Allianz Powervolley non sbaglia la semifinale (3-1 agli scaligeri): in finale sarà sfida con Modena.
    IN SINTESI: Sarà Milano-Modena la finale dei playoff 5° posto, con la squadra di coach Piazza che raggiunge gli emiliani nell’ultimo atto del torneo che assegna un posto in CEV Challenge Cup nel prossimo anno. L’Allianz Powervolley batte infatti nella semifinale in gara unica Verona con il punteggio finale di 3-1 (25-22, 25-20, 25-20, 25-20) e vola in finalissima trascinata da un grande Sbertoli, MVP del match, autore di una prova maiuscola in regia. Piano e compagni riscattano così la sconfitta subita proprio per mano dei veneti di 7 giorni fa e lo fanno con una prova corale che non lascia scampo agli avversari. L’ultima gara della stagione si giocherà così domenica 25 (h 18, diretta Raisport sul canale 58) all’Allianz Cloud contro Modena. Il commento finale è affidato affidato alle parole di Matteo Meschiari, inserito nel finale da coach Piazza e ad un passo dal siglare il match point: «Oggi abbiamo disputato una bella partita, soprattutto perché l’ultima volta che abbiamo giocato contro Verona abbiamo subìto una brutta sconfitta con parziali anche abbastanza severi. Oggi ci siamo rifatti con un avversario molto forte. Ad un passo dall’ultimo punto? Si, ma l’avversario ha fatto una grande difesa. È successo tutto molto velocemente e non me l’aspettavo».
    MILANO – È l’Allianz Powervolley Milano la seconda finalista dei playoff 5° posto. La squadra di coach Piazza raggiunge Modena (che ha battuto Piacenza per 3-0) nell’ultimo atto del torneo che assegna un posto in Europa in CEV Challenge Cup nella prossima stagione. Dopo il passo falso della scorsa settimana, i meneghini si riscattano immediatamente e trovano il successo su l’NBV Verona, battuta con il punteggio di 3-1. Un match non privo di suspense quello che si è disputato al Centro FIPAV Pavesi, chiuso in 4 set in 1 ora e 48 minuti di gioco con i parziali 22-25, 25-20, 25-20, 25-20. Milano trova nella concretezza d’attacco e nella fase break armi fondamentali per la conquista della finalissima, in programma domenica 25 aprile all’Allianz Cloud.
    Coach Piazza e i suoi ragazzi si meritano e guadagnano un posto in finale nei Playoff 5° posto. I meneghini hanno giocato con grande intensità, riversando energia e qualità sul taraflex del Centro Pavesi, su cui ha brillato in particolar modo la prestazione di Riccardo Sbertoli. Egregia la regia del palleggiatore meneghino, che si prende il titolo di MVP, mandando in doppia cifra quattro giocatori (Patry ed Urnaut con 16 punti, 11 per Basic e 10 per Kozamernik). È stato un match dettato dall’equilibrio, ma è il team guidato da coach Piazza a primeggiare in quasi tutti i fondamentali, mettendo in grossa difficoltà Verona soprattutto nei momenti cruciali, sapendo gestire con sapienza il ritmo del gioco per lunghi tratti della partita e, di fatto, riscattando definitivamente il brutto k.o. di sette giorni fa subito proprio per mano de i veneti.
    Il commento finale è affidato alle parole di Matteo Meschiari, inserito nel finale da coach Piazza e ad un passo dal siglare il match point: «Quando sono entrato ero un po’ incredulo: è successo tutto molto velocemente, non me l’aspettavo e una volta in campo ho dovuto guardare da un’altra prospettiva la palla. Peccato per la difesa dell’avversario perché speravo di fare almeno l’ultimo punto, ma è stato bravissimo lui, quindi complimenti. Ho avuto un momento di difficoltà, ma i miei compagni sono sempre stati lì a incoraggiarmi, supportarmi e darmi consiglio quindi è stato un ingresso facilitato. Oggi abbiamo disputato una bella partita, soprattutto perché l’ultima volta che abbiamo giocato contro Verona abbiamo subìto una brutta sconfitta con parziali anche abbastanza severi. Oggi ci siamo rifatti con un avversario molto forte. Adesso siamo in finale e la testa va a Modena, che ha vinto con Piacenza: il nostro obiettivo è giocare al meglio per conquistare l’accesso in Europa». Prossimo appuntamento domenica 25 aprile alle 18.00 all’Allianz Cloud contro Modena per la finale che mette in palio un posto in Europa (match in diretta su Raisport, canale 58 del digitale terrestre).
    CRONACA
    Primo set: C’è Basic in coppia di posto 4 con Urnaut, poi è Sbertoli-Patry in diagonale di posto 2, Kozamernik e Piano al centro con Pesaresi libero. Partenza favorevole a Verona che mura Urnaut e l’ace di Asparuhov per il 2-6, che porta al primo time out di coach Piazza. Kozamernik inchioda a terra un imperioso primo tempo (5-9), con il muro a due Patry-Kozamernik che riavvicina Milano (7-10). Milano non molla e la diagonale di Urnaut vale l’8-10, seguita dall’invasione di Asparuhov che porta il parziale sul 9-10. Anoora un muro per Milano: Kozamernik blocca Jensen per il 10 pari, con il danese che attacca sull’asta consegnando il vantaggio ai padroni di casa (11-10). Primo +2 nel set per Milano: Patry dai 9 metri bombarda per il 14-12. Si riporta subito avanti Verona, sfruttando l’errore in primo tempo di Piano (14-15), con Patry che non sbaglia in diagonale siglando il 15-16. Patry trova un tocco liftato per il 18-19, ma l’ace di Jensen porta sul 19-22 Verona. Patry chiude il break (21-22), ma è ancora un ace, questa volta di Asparuhov, a portare il parziale sul 21-24. Magalini trova il mani out del 22-25.
    Secondo set:Patry rimedia subito all’errore e trova la diagonale del 4-5, poi è l’ace di Sbertoli a rimettere il punteggio in parità (6-6). Ancora Milano che sfrutta prima l’attacco out di Magalini e poi è Patry a sfondare per l’8-6. Ancora Sbertoli che trova una serie incredibile dai 9 metri per il 10-6, con un altro ace che arriva con Kozamernik (13-9). Pipe di Basic in rigiocata (14-9), poi muro vincente per Piano (15-9). Urnaut sfonda il muro e respinge l’offensiva veronese (16-12), ma è proprio l’attacco out dello sloveno a portare Verona sul -3 (17-14). Sbertoli si improvvisa attaccante e trova il mani out del 19-15, poi il regista illumina per Kozamernik che non sbaglia sotto rete (21-17). Doppio Urnaut ed il punteggio diventa 23-18, poi è ancora lo sloveno a mettere la parola fine sul parziale (25-20).
    Terzo set:Ace di Patry (3-1), seguito da un altro ace di Piano (6-3). Alla festa dai 9 metri del set si unisce anche Sbertoli che trova l’ace dell’8-4, con la pipe di Basic che porta il vantaggio di Milano sul +5 (10-5). Mani out Patry (12-18), seguito dall’errore in primo tempo di Zingel. Muro Milano (15-10), poi Basic passa in mezzo al muro per il 17-11. Kozamernik è una sentenza al centro della rete (due punti consecutivi per il 20 -12), ma Verona rimonta fino al 20-18, sfruttando le imprecisioni dei padroni di casa. Maar toglie le castagne dal fuoco (21-18), trovando anche lo smash del 22-18. Kozamernik a segno in primo tempo (23-19), poi è attacco mancino per Urnaut (24-19). Piano chiude i giochi in primo tempo per il 25-20.
    Quarto set:Subito Urnaut in diagonale per il 3-2, ma è Verona a trovare il primo +2 (5-7) con la diagonale vincente di Jensen. Subito parità per Milano con il muro di Patry (7-7), con cambio palla fluido tra le due squadre: alla diagonale di Jensen, risponde la pipe di Basic (11-11). Super ace di Urnaut (12-11) che trova l’incrocio delle linee, con il break firmato Patry da seconda linea (14-12). Sbertoli si supera a muro (15-12), con Piano che alza un muro enorme per il 19-15. Piano chiude un meraviglioso scambio (22-16), con Meschiari in campo per Basic sul 23-17. Sull’errore di Verona, il match si chiude 25-20.
    TABELLINO
    ALLIANZ POWERVOLLEY MILANO –  NBV VERONA: 3-1 (22-25, 25-20, 25-20, 25-20)
    Allianz Powervolley Milano: Basic 11, Kozamernik 10, Daldello 0, Sbertoli 6, Maar 2, Patry 16, Meschiari 0, Piano 6, Urnaut 16, Pesaresi (L). N.e.: Staforini (L), Weber, Mosca, Ishikawa. All. Roberto Piazza.
    NBV Verona: Magalini 12, Peslac 0, Aguenier 9, Asparuhov 16, Zingel 7, Jensen 20, Spirito 0, Donati (L), Bonami (L). N.e.: Kaziyski, Caneschi, Zanotti. All. Rado Stoytchev.
    NOTE 
    Durata set: 29’, 26’, 27’, 26’. Durata totale: 1h e 48’.
    Allianz Powervolley Milano: battute vincenti 7, battute sbagliate 14, muri 12, attacco 50%, 40% (20% perfette) in ricezione.
    NBV Verona: battute vincenti 3, battute sbagliate 11, muri 10, attacco 45%, 53% (30% perfette) in ricezione.
    Arbitri: Luciani – Frappicini. Terzo Arbitro: Manzoni.
    Impianto: Centro FIPAV Pavesi di Milano
    MVP: Sbertoli LEGGI TUTTO

  • in

    Gara Unica (22/4/2021) – Play Off 5 posto Credem Banca – Finali – TABELLINO

    Gara Unica (22/4/2021) – Play Off 5 posto Credem Banca – Finali
    Allianz Milano – NBV Verona 3-1 (22-25, 25-20, 25-20, 25-20) – Allianz Milano: Sbertoli 6, Basic 11, Kozamernik 10, Patry 16, Urnaut 16, Piano 7, Staforini (L), Daldello 0, Pesaresi (L), Maar 2, Meschiari 0. N.E. Weber, Ishikawa, Mosca. All. Piazza. NBV Verona: Spirito 0, Magalini 12, Aguenier 9, Jensen 20, Asparuhov 16, Zingel 6, Donati (L), Bonami (L), Peslac 0. N.E. Kaziyski, Zanotti, Caneschi. All. Stoytchev. ARBITRI: Luciani, Frapiccini. NOTE – durata set: 29′, 26′, 27′, 26′; tot: 108′. LEGGI TUTTO