More stories

  • in

    Talmassons: Confermato lo staff tecnico per la prossima stagione

    TALMASSONS – Si torna a giocare con tanta voglia di riscatto. Questi sono i pensieri più ricorrenti in casa CDA nella settimana che vede l’esordio nella pool salvezza delle ragazze di Barbieri in casa di una squadra molto temibile quale è il Club Italia. Intanto la società guarda al presente ma anche al futuro e in settimana è arrivata la conferma dello staff tecnico anche per il prossimo anno.Il Presidente Cattelan: “Inizia la seconda fase del campionato e a Talmassons vogliamo partire subito con il piede giusto, abbiamo recuperato tutti gli infortuni la squadra è pronta e le motivazione di tutti è grande e la società non vuole essere da meno dando fin da subito un messaggio chiaro, continuità stabilità e fiducia sono le parole chiave rivolte alle ragazze e allo staff tecnico comunicando la conferma di Leo Barbieri e Stefano Cinelli  anche per la prossima stagione. Quando i risultati vengo meno spesso e volentieri le società mettono in discussione il tecnico noi a Talmassons invece facciamo delle riflessioni ulteriori cercando di allenare i muscoli poco allenati, ripartendo dai punti forza del gruppo e fiduciosi di futuri risultati positivi.”

    Molto motivato anche coach Barbieri: “Siamo felici di tornare in campo. Il periodo di sospensione per noi che non avevamo recuperi è stato abbastanza lungo ma devo dire che le ragazze hanno davvero lavorato con grande intensità e impegno che ci permette di presentarci domenica in buone condizioni sia dal punto di vista fisico che tecnico. Il Club Italia lo conosciamo tutti è una squadra ricca di talento e di giovani. L’abbiamo incontrata in amichevole sapendo che il fondamentale migliore che hanno per i cm e le qualità tecniche è il muro. Dobbiamo essere quindi molto attenti e cinici soprattutto in attacco. Come ogni anno sappiamo che queste squadre giovani finiscono sempre in crescendo quindi ci aspetta una partita difficile ma che affrontiamo finalmente con tutta la squadra al completo. Per quanto riguarda la mia conferma sono molto contento di continuare la mia esperienza in terra friulana con una Società solida e ben organizzata. In questo momento difficile non è facile fare pallavolo eppure qua la si fa da professionisti con una base solida per il futuro. Sono contento perché l’anno scorso abbiamo iniziato tardi, mentre quest’anno avremo molto più tempo per programmare la prossima stagione. Il progetto e gli obiettivi sono importanti però ora vediamo di finire nel migliore dei modi questa stagione. Ringrazio infine la Società e tutte le persone che ci aiutano per la fiducia che ovviamente dovrà essere ricambiata con i successi che la CDA e tutti gli Sponsor si meritano.”

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteRavenna: Sfida di ritorno a Modena. Bonitta: “Montagna da scalare, ma ci proviamo”

    Articolo successivoRussia F.: Zarechie-Proton 2-3 nell’anticipo LEGGI TUTTO

  • in

    Ravenna: Sfida di ritorno a Modena. Bonitta: “Montagna da scalare, ma ci proviamo”

    RAVENNA – Ravenna-Modena, atto quarto della stagione. E’ quello che andrà in scena domani sera al Pala de Andrè (si comincia alle 20.30) per la seconda gara dei preliminari di accesso ai quarti di finale.Una settimana fa al PalaPanini si è imposta la Leo Shoes ma Mengozzi e compagni sono stati all’altezza della situazione dimostrando di non essere per nulla rassegnati ad abbandonare subito  la corsa per un posto nei quarti.

    “Si parte dalla consapevolezza di dover scalare una montagna molto ripida – osserva il coach della Consar, Marco Bonitta, che ha ricevuto dal Giudice Sportivo lo stop di una giornata per avere totalizzato a Modena la somma di penalità – ma è un dato di fatto che bisogna provare a scalarla in qualche modo; quindi ripartiamo da quello che abbiamo fatto di buono a Modena che credo sia stato tanto. Il risultato di gara1 ha premiato la squadra che nei momenti importanti ha saputo essere la squadra che è. Noi ci dobbiamo creare delle occasioni, dobbiamo avere delle opportunità, come le abbiamo avute anche a Modena e poi vediamo cosa succede. Bisogna sempre arrivare ad avere l’opportunità altrimenti non puoi vincere. Preferisco avere delle opportunità e dei rimpianti per non averle colte piuttosto che non averli perché non ce le siamo cercate”.

    Modena viaggerà sulle ali dell’entusiasmo dopo la squillante vittoria di martedì nell’andata dei quarti di Champions contro Perugia ma Ravenna vuole lasciare un altro segno della propria crescita e del proprio spirito sbarazzino. In questa annata sono state diverse le partite in cui la Consar ha messo in difficoltà le big del torneo: questa è un’altra opportunità importante per provare ad arrivare a gara3, prevista in calendario per sabato 6 marzo. “La mia è una squadra che nel gioco riesce ad esprimere una pallavolo di ottimo livello – conferma Bonitta – e lo ha fatto vedere in molte partite. Ci mancano in alcuni momenti la battuta, in altri momenti la potenza e il salto in attacco e la tecnica in attacco sulle palle alte però nel gioco abbiamo dimostrato di essere molto competitivi. Domani mi aspetto un’altra conferma in questa direzione: ripeto voglio che la squadra si giochi tutte le carte e le possibilità che ha a disposizione”.

    Gli arbitri – Coppia veneta per questa gara. Il primo arbitro sarà Puecher di Padova che curiosamente ha diretto anche la gara d’andata in campionato al de Andrè l’8 ottobre scorso e pure il match d’andata di Modena nei quarti di Champions contro Perugia. Per lui sarà la partita n. 185 in A1/SuperLega. Il secondo arbitro è Zanussi di Casale sul Sile, all’ottava stagione in A1/SuperLega che in questa annata ha diretto la Consar in tre occasioni: al de Andrè con la Callipo e le due partite contro Verona.

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteCuneo: Perfettamente riuscito l’intervento a Massiel Matos LEGGI TUTTO

  • in

    Cuneo: Perfettamente riuscito l’intervento a Massiel Matos

    CUNEO –  L’intervento di ricostruzione artroscopica del legamento crociato anteriore, del legamento collaterale mediale e dei menischi del ginocchio sinistro a cui si è sottoposta la schiaccatrice di Cuneo Granda Volley Massiel Matos è perfettamente riuscito e la giocatrice inizierà il programma di riabilitazione nei prossimi giorni.

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteChampions League: Le Superfinals a Verona

    Articolo successivoRavenna: Sfida di ritorno a Modena. Bonitta: “Montagna da scalare, ma ci proviamo” LEGGI TUTTO

  • in

    Civitanova: Ufficiale Blengini nuovo tecnico

    Gianlorenzo Blengini

    CIVITANOVA –  Ufficiale, il club annuncia Gianlorenzo Blengini nuovo tecnico biancorosso.

    In aggiornamento

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteCivitanova: De Giorgi saluta il club biancorosso… Un “tag” alla Fipav LEGGI TUTTO

  • in

    Civitanova: De Giorgi saluta il club biancorosso… Un “tag” alla Fipav

    MODENA – Ieri ha preferito non parlare, oggi su Instagram Ferdinando De Giorgi ha invece salutato la Lube con una bella immagine, un sentito “ciao Lube” e sotto l’elenco degli 11 trofei vinti in 8 anni (divisi in due periodi) con i colori del club biancorosso. Nel post Fefé scrive: “Grazie a tutti per tantissimi messaggi di affetto e stima❤️ un abbraccio” con i link ai canali di Lube, tifosi biancorossi, Lega e Federazione…  Un “tag”, quest’ultimo, dal sapore “azzurro”? @asvolleylube @lubenelcuore @legavolley @federazioneitalianapallavolo #volley

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteVoglia di Volley: Oggi il “caso Civitanova”… Si parla dell’esonero di De Giorgi LEGGI TUTTO

  • in

    Civitanova: Giulianelli volta pagina. “Meglio decidere subito che magari alla fine rammaricarti del fatto che l’avevi previsto”

    Il Patron Giulianelli tra De Giorgi e Blengini

    CIVITANOVA – Sul portale Cronache Maceratesi, Fabio Giulianelli patron della Lube Volley, in una intervista rilasciata a Mauro Giustozzi, racconta i motivi della svolta. Ecco i passaggi principali.

    LA SCOSSA – “Una grande responsabilità, ma se hai delle convinzioni è meglio decidere subito che magari alla fine rammaricarti del fatto che l’avevi previsto”. “Avevo bisogno di quella stessa scossa che ha funzionato nel momento che ho cambiato il precedente allenatore con De Giorgi”.

    VIA GLI ALIBI – “È possibile rimediare la stagione e soprattutto togliere alibi o scuse ai giocatori stessi. Non portarci dietro il passato, ma conquistare il prossimo futuro. Qualche volta ci si riesce, altre volte no. Ma non lasciare niente di intentato è il nostro marchio”.

    SQUADRA DISTACCATA – “Fefè aveva un contratto in scadenza a giugno che non sarebbe stato riconfermato. […] Le voci di mercato che si sono scatenate attorno alla squadra hanno profondamente inciso e influenzato lo spogliatoio ed abbiamo riscontrato un forte distacco […]. Questa Lube vive del passato ed invece noi dobbiamo pensare di vivere il presente ed il futuro”.

    COLPO D’ALA – “C’è stato il colpo d’ala della vittoria in Coppa Italia ma la squadra manca di quella forza e convinzione dello scorso anno. Il timore era di arrivare a fine stagione parlando di ciò che avevamo fatto in passato. Ci siamo presi una difficile responsabilità per cercare di scuotere un gruppo rassegnato: abbiamo visto che esistevano situazioni di scollamento tra squadra e allenatore che non erano sanabili”.
    I PU’ FORTI DEL MONDO – “Resto convinto che questa Lube sia la squadra più forte del mondo che non può prendere una lezione di volley da un avversario certamente forte e qualificato ma che è sembrato un gigante rispetto alla Lube”

    BLENGINI IL FUTURO – “Il futuro disegnato sarebbe comunque stato diverso per tanti giocatori e staff tecnico e quindi arriverà l’allenatore che avevamo in mente per la prossima stagione. Ci attende il ritorno in Coppa dei Campioni in Polonia che sarà la partita più difficile che la Lube abbia mai giocato negli ultimi anni”.
    Qui l’intervista completa  LEGGI TUTTO

  • in

    Facebook: Mosna condivide l'”allarme etico” sulla questione “doppio incarico”

    MODENA – Su Facebook con nota stampa da Corigliano il dirigente Giuseppe De Patto ha lanciato un allarme sulla questione del possibile doppio incarico già da ieri motivo di malessere di alcune società di Superlega se oggi il Ct azzurro Gianlorenzo Blengini dovesse diventare (in anticipo sulla prossima stagione) nuovo allenatore della Lube Civitanova.Il post ha subito ottenuto l’endorsement del Presidente di Trentino Volley Diego Mosna con un “Condivido in toto!”.

    Il post Da sempre ho sempre sostenuto che gli allenatori delle Nazionali di Pallavolo non dovessero ricoprire il doppio incarico a nessun livello. Il sorprendente caso dell’esonero di Fefè De Giorgi, che anticipa l’arrivo al club della più attrezzata Società Italiana (la Lube Civitanova Marche) del coach della Nazionale Italiana Chicco Blengini riapre la questione che è sempre stata mal digerita dai club virtuosi e ben organizzati. Auspico un normale comportamento etico da parte del coach della Nazionale non accettando  questo  presunto incarico alla Lube e soprattutto l’intervento della Federazione Nazionale affinché si faccia garante del principio di equità e lealtà sportiva per tutti . Giuseppe De Patto

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteBrasile: Blumenau-Minas 3-0 nel posticipo

    Articolo successivoTrento: Nimir, Giannelli e Lorenzetti dopo il successo di Berlino in Champions LEGGI TUTTO

  • in

    Superlega: Mugugni tra i club per il possibile “doppio incarico” di Blengini. Tra mercato e nazionale. Sondaggio

    Gianlorenzo Blengini

    MODENA – Non a tutti i club di Superlega entusiasma l’idea del probabile arrivo anticipato del CT azzurro Gianlorenzo Blengini sulla panchina della Cucine Lube Civitanova. Se così sarà – per le mere motivazioni contrattuali che abbiamo descritto qui –  diverse società hanno già manifestato malumore.Non entusiasma che nel finire di stagione e nel bel mezzo del volley mercato il Ct azzurro possa subentrare ad un collega e vestire così anche i panni di allenatore di club. 

    Sostieni Volleyball.it

    Articolo precedenteSuperlega: Quella di Civitanova è la 4ª panchina saltata. 25 giorni De Giorgi vinceva la Coppa Italia LEGGI TUTTO