More stories

  • in

    A1 F.: La classifica aggiornata. Via ad una settimana di recuperi

    MODENA – La classifica aggiornata di A1 Femminile a fine della regular season. Restano 5 gare da recuperare.

    RISULTATIGiocare oggi, Domenica 28 FebbraioSavino Del Bene Scandicci-Delta Despar Trentino 3-0 (25-15 25-18 25-15) Igor Gorgonzola Novara-Unet E-Work Busto Arsizio 1-3 (23-25 22-25 25-19 17-25) Giocate Sabato 27 FebbraioReale Mutua Fenera Chieri-Imoco Volley Conegliano 1-3 (23-25, 25-22, 23-25, 29-31)Bosca S.Bernardo Cuneo-Vbc E’piu’ Casalmaggiore 3-2 (23-25, 25-19, 32-30, 16-25, 15-11)Saugella Monza-Banca Valsabbina Millenium Brescia 3-1 (25-23, 20-25, 25-13, 25-22)Il Bisonte Firenze-Bartoccini Fortinfissi Perugia 1-3 (22-25, 16-25, 25-21, 19-25)

    RIPOSA: ZANETTI BERGAMO

    CLASSIFICAImoco Volley Conegliano 72 – Quarti di finaleIgor Gorgonzola Novara 55 – Quarti di finaleSaugella Monza 51* – Quarti di finaleSavino Del Bene Scandicci 45*  (15 vinte, set 53-37Reale Mutua Fenera Chieri 44  (14 vince, 55-39)Unet E-Work Busto Arsizio 42* (14 vinte, set 48-36)Bosca S.Bernardo Cuneo 25 (10 vinte)Il Bisonte Firenze 22* (8 vinte)Delta Despar Trentino 22** (7 vinte)Vbc E’piu’ Casalmaggiore 22* (7 vinte)Zanetti Bergamo 20* (6 vinte)Bartoccini Fortinfissi Perugia 19* (7 vinte)Banca Valsabbina Millenium Brescia 14* – Retrocessa in A2* gare in meno

    LE GARE DA RECUPERARE17. GIORNATAMercoledì 3 marzo, ore 17.00Zanetti Bergamo – Delta Despar Trentino
    22. GIORNATASabato 6 marzo, ore 18.00VBC èpiù Casalmaggiore – Unet E-Work Busto Arsizio

    15. GIORNATADomenica 7 marzo, ore 17.30 Il Bisonte Firenze – Banca Valsabbina Millenium Brescia
    18. GIORNATADomenica 7 marzo, ore 17.00Bartoccini Fortinfissi Perugia – Delta Despar Trentino
    22. GIORNATADomenica 7 marzo, ore 17.00Savino Del Bene Scandicci – Saugella Monza LEGGI TUTTO

  • in

    Superlega: Stoytchev cala l’asso nella manica. Zingel opposto, Milano ko

    2. GIORNATA – PRELIMINARI PLAY OFFNBV Verona – Allianz Milano 3-1 (20-25, 25-18, 25-20, 25-21)NBV Verona: Spirito 4, Kaziyski 18, Aguenier 9, Jensen 9, Jaeschke 11, Caneschi 11, Donati (L), Zingel 11, Bonami (L), Magalini 0, Peslac 0. N.E. Asparuhov, Zanotti. All. Stoytchev.Allianz Milano: Sbertoli 1, Ishikawa 12, Kozamernik 9, Patry 6, Urnaut 13, Piano 7, Staforini (L), Pesaresi (L), Daldello 0, Weber 10, Basic 1, Maar 3, Mosca 1. N.E. Meschiari. All. Piazza.ARBITRI: Luciani, Canessa.NOTE – durata set: 32′, 26′, 26′, 31′; tot: 115′.

    VERONA – Una NBV Verona brillate pareggia i conti con l’Allianz Milano e porta la serie preliminare a gara-3. I gialloblù dominano a muro, attaccano bene con 46% e trovano anche la giusta precisione in ricezione per resistere agli avversari che, soprattutto nel primo e nel quarto set, si fanno davvero pericolosi. Decisiva la mossa a sorpresa (a sorpresa?) di coach Stoytchev che nel corso del match utilizza Zingel come opposto. Nei primi quattro set a tratti, titolare nel quarto set dove attacca e mura in maniera decisiva: suo l’ultimo muro punto della gara e il premio di MVP.

    SESTETTI – Verona in campo con Spirito-Jensen, Caneschi-Aguenier e Kaziyski-Jaeschke. Sestetto base per coach Piazza con Sbertoli-Patry, Urnaut-Ishikawa, Piano-Kozamernik e Pesaresi (L).

    LA PARTITA – Il tentativo di Milano di costruire un mini vantaggio è spento subito dall’Ace di Caneschi che vale il 2-2. La partita si incammina subito sul punto a punto, fino a quando il muro meneghino non crea qualche difficoltà ai gialloblù. Milano difende molto bene, portandosi sull’8-13, Verona cerca di diversificare gli attacchi per sorprendere gli avversari e con Jensen Jaeschke e il lavoro a muro trova il -2. Slash poderosa di Kaziyski sul 18-21, e esordio per Aidan Zingel. Il set ball arriva da un out gialloblù.

    Tocca a Verona fare la voce grossa nei primi scambi: 7-3, l’attacco gialloblù è più efficace, l’ace di Kaziyski scava ulteriore vantaggio e con la diagonale di Jensen si va sul’’11-5. Verona strabordante, ace anche di Jaeschke per il 14-7. La reazione meneghina è timida, un Kaziyski travolgente mantiene la NBV in netto vantaggio. Sul 22-12 c’è poco da discutere, Stoytchev dà spazio ai più giovani e il set ball arriva dal pallonetto di Jaeschke.
    La battaglia si gioca punto a punto nel terzo set, la diagonale di Jensen che vale il 9-6 e un piccolo, prezioso strappo per Verona. Che riesce a mantenerlo fino alla fine, grazie anche all’ace di Kaziyski sul 21-16. Zingel festeggia il suo ritorno in gialloblù con tre punti fondamentali per vincere il set-ball e passare in vantaggio.  

    La gara ora si fa davvero tosta: punto a punto, e la pressione psicologica che si fa sentire. Aumentano gli errori da entrambe le parti, nessuno spazio per un break vincente adesso. Milano riesce a tenere un piede avanti, ma ai gialloblù bastano due muri da urlo per portarsi sul 21-19 e avere in mano la chance di chiudere i conti. Sangue freddo da paura per Verona, che arriva al match point con due palloni da giocarsi e lo trova subito col muro da incorniciare di Zingel.
    HANNO DETTOThomas Jaeschke (NBV Verona): “Rispetto a una settimana fa, l’obiettivo era iniziare bene, anche avendo perso il primo set eravamo lì, e dopo abbiamo risposto bene. Sono contento per Aidan, ha avuto un impatto importantissimo al muro, alla fine ha buttato dentro l’ultima palla e serviva tanto. La mia prova? I compagni mi hanno aiutato con indicazioni in battuta, non sento di aver fatto benissimo in attacco, ma mi sono concentrato su battuta e ricezione, la cosa più importante è avere vinto.”
    Aidan Zingel (NBV Verona): “Adesso abbiamo tutta la possibilità di cambiare questa stagione, è alla nostra portata, possiamo trovare più ritmo perché abbiamo qualche arma in più e ci stiamo divertendo tanto. È stato importante allenarmi coi ragazzi, ma era quasi un anno che non entravo in campo, e mi sono emozionato perché sono tornato a Verona, in una partita che poteva essere l’ultima, ho dato tanto e spero di equilibrarmi. Ho visto lo striscione dei tifosi, lo so che mi vogliono bene ed è assolutamente reciproco”.
    Radostin Stoytchev (All. NBV Verona): “A questo punto della partita l’unica cosa che cambia è il risultato, lo abbiamo ottenuto soffrendo, soprattutto nel primo set, anche se non posso dire che eravamo sottotono, la volontà e l’approccio c’erano, ma mancava la finitura del gesto tecnico. Poi li abbiamo contrastati bene a muro, resistendo alla loro battuta salvando palloni importanti. Bene in cambio palla. Gara-3? È tutto il nostro lavoro di quest’anno.”
    Matteo Piano (Allianz Milano): “Oggi non abbiamo accettato di soffrire con una squadra che ha giocato la sua partita e l’ha giocata bene. Noi siamo partiti bene vincendo il primo set con 5 punti di vantaggio, poi dopo, quando siamo andati un po’ in difficoltà, non ci siamo trovati a nostro agio nella difficoltà e questa cosa nella post season la paghi. Le difficoltà le devi fare tue perché questo è il clima dei playoff ed è un momento saliente della stagione e tutti vogliono andare avanti. Ma per andare avanti devi saper stare nelle difficoltà, sia nel caso in cui giochi bene e gli altri male e viceversa. Ora ci concentriamo sulla gara di mercoledì di CEV Challenge Cup con una squadra che abbiamo già battuto all’andata. Poi sarà tempo di gara 3: dobbiamo essere consapevoli che comunque noi abbiamo vinto gara 1 e che sappiamo essere grintosi. Siamo in parità: noi dovremo giocare la nostra pallavolo, sapendo che l’importante è poi vincere la partita”. LEGGI TUTTO

  • in

    A1 F.: Busto Arsizio torna al successo a Novara dopo sei anni

    13a giornata di ritornoIGOR GORGONZOLA NOVARA – UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO 1-3 (23-25 22-25 25-19 17-25)IGOR GORGONZOLA NOVARA: Hancock 5, Bosetti 16, Chirichella 10, Smarzek 11, Herbots 14, Washington 15, Sansonna (L), Zanette 1, Populini 1, Daalderop 1, Battistoni. Non entrate: Taje’, Napodano (L), Bonifacio. All. Lavarini.UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Gennari 13, Stevanovic 9, Poulter 4, Gray 26, Olivotto 8, Mingardi 19, Leonardi (L), Piccinini, Escamilla. Non entrate: Bulovic, Bonelli, Cucco (L), Herrera Blanco. All. Musso.ARBITRI: Vagni, Brancati.NOTE – Durata set: 27′, 26′, 24′, 26′; Tot: 103′.

    NOVARA – Si chiude con una sconfitta, ininfluente ai fini della classifica, la regular season della Igor Volley di Stefano Lavarini, superata per 1-3 al Pala Igor da Busto Arsizio al termine di un match tiratissimo per tre set e mezzo. Decisiva la maggior lucidità delle ospiti nei momenti chiave dell’incontro, in particolare nella fase centrale dei primi due parziali, in cui sono maturati break rivelatisi poi decisivi. Per l’Unet e-work Busto Arsizio, che continua a vincere, la vittoria vale doppio: dopo 6 anni le farfalle passano al Pala Igor Gorgonzola di Novara e in quattordici giorni superano la quarta (Chieri), la terza (Monza) e oggi la seconda in classifica.

    SESTETTI – Igor in campo con Smarzek opposta a Hancock, Chirichella e Washington centrali, Bosetti e Herbots schiacciatrici e Sansonna libero; Busto Arsizio con Poulter in regia e Mingardi in diagonale, Stevanovic e Olivotto al centro, Gennari e Gray in banda e Leonardi libero.

    LA PARTITA – Novara parte avanti (7-5), Gennari ricuce lo strappo e Gray a muro firma il sorpasso sul 10-11 con Washington che prova a guidare la reazione azzurra (13-12). Gray è scatenata (15-18, poi 17-22), Lavarini ferma due volte il gioco e Smarzek e Washington ricuciono lo strappo fino al 22-23 con un gran muro dopo le difese di Sansonna e Bosetti. Busto però non sbaglia più e chiude 23-25 con il primo tempo di Stevanovic.Si riparte con Hancock che fissa definitivamente il nuovo record di ace in regular season (52, con i due messi a segno oggi) e Novara lanciata sul 4-1 con Chirichella. Gennari ricuce lo strappo in parallela (7-7), ma Bosetti con un muro (9-7) e un tocco a rete (11-8) riporta avanti le sue, firmando anche il 13-8 con un tocco delizioso. Le azzurre tengono fino al 17-12, poi la reazione di Busto che prima va 17-15 e poi 18-18 con Mingardi a segno in attacco e in battuta; Stevanovic sorpassa in fast (18-19), un errore di Bosetti (21-23) vale il break decisivo con Gray che poco dopo chiude 22-25.E’ sempre Gray a scavare il solco (2-5) ma Herbots, dopo una gran difesa di Sansonna, e un muro di Washington invertono l’inerzia del set sul 6-5 con Busto che rimane a contatto fino all’8-8. Bosetti fa il break (12-8), Smarzek firma il +5 in parallela (16-11) e dopo il timeout di Musso è ancora l’opposto polacco a trovare l’allungo decisivo con il muro del 19-12. Le ospiti non rientrano più: Stevanovic in primo tempo fa 23-19, poi Chirichella e Smarzek chiudono i conti sul 25-19.Novara mantiene alto il ritmo (5-1), Mingardi accorcia le distanze (6-5) in maniout e poi firma anche il sorpasso sul 6-7, costringendo Lavarini al timeout. Olivotto trova l’ace del 7-9, Poulter a muro trova il break decisivo (10-14) e a nulla vale il tentativo di Washington (13-15, ace) di riportare in corsa le azzurre. Mingardi fa 13-17, Lavarini rivoluziona invano il sestetto ma è ancora l’opposto ospite a trovare l’ace del 16-20 che di fatto chiude in anticipo il set e il match. Finisce, senza ulteriori sussulti, 17-25 con due punti in fila di Gray.

    HANNO DETTOCristina Chirichella (centrale Igor Gorgonzola Novara): “Credo che nel risultato ci siano tanti meriti di Busto Arsizio e qualche mancanza nostra. Sono state molto brave a metterci in difficoltà, facendo molto bene in difesa mentre noi siamo mancati proprio sul muro-difesa, fondamentale in cui avremmo potuto fare molto di più”.Stefano Lavarini (allenatore Igor Gorgonzola Novara): “Non sono soddisfatto del risultato e dell’andamento di una partita. Il nostro ottimo cammino degli scorsi mesi ci ha permesso di affrontare questa partita già certi della seconda posizione e il bilancio della regular season è senz’altro molto positivo, però avrei voluto vedere qualcosa di più oggi dalla squadra, anche in preparazione alla partita di mercoledì con il Fenerbahce che sarà una sfida durissima. Possiamo fare molto bene ma senz’altro servirà un approccio diverso di quello messo in mostra oggi”.
    Marco Musso (allenatore Unet e-work Busto Arsizio): “Per noi era una partita importante per dare continuità a quello che stiamo facendo e per farci mantenere ritmo alto in vista di giovedì. E’ stata gara vera da entrambe le parti; al di là dei punti importanti per la classifica l’aspetto fondamentale è aver tenuto il passo di Novara, che non ha mai perso ritmo, soprattutto nel terzo set in cui ci ha messo in grossa difficoltà. Dobbiamo sempre tenere l’asticella alta”.

    Giulia Leonardi (libero Unet e-work Busto Arsizio): “Una partita molto difficile: dopo aver giocato partite toste in Champions, sia noi che loro, era possibile un calo di adrenalina e un po’ di stanchezza. Era difficile scendere in campo oggi perché abbiamo ovviamente nella testa il return match con l’Eczacibasi, ma sono felice perché abbiamo dato tutto quello che avevamo, anche se non brillantissime dal punto di vista fisico. Ci tenevamo a non interrompere la nostra striscia di vittorie e siamo contente di aver vinto qui dopo tanti anni”. LEGGI TUTTO

  • in

    A1F.: Scandicci supera Trento 3-0. Passo avanti per il 4° posto finale

    13a giornata ritornoSAVINO DEL BENE SCANDICCI – DELTA DESPAR TRENTINO 3-0 (25-15 25-18 25-15)SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Pietrini 9, Popovic 11, Stysiak 14, Vasileva 8, Lubian 8, Malinov 6, Merlo (L), Drewniok 1, Bosetti, Camera. Non entrate: Courtney, Cecconello, Carocci (L), Samadan. All. Barbolini.DELTA DESPAR TRENTINO: D’Odorico 2, Furlan 4, Piani 6, Trevisan 10, Pizzolato 6, Cumino, Moro (L), Melli 5, Bisio 1, Ricci. Non entrate: Fondriest, Marcone (L). All. Bertini.ARBITRI: Oranelli, Santi.NOTE – Durata set: 20′, 24′, 22′; Tot: 66′.

    SCANDICCI – Una cinquina di squadra. La Savino Del Bene porta a casa la quinta partita consecutiva in campionato e stende la Delta Despar Trentino per 3-0. Una gara controllata in ogni momento con le ragazze di Barbolini che portano a casa tre punti importantissimi in chiave classifica. 

    SESTETTI – La Savino Del Bene Scandicci scende in campo con Malinov opposta a Stysiak, torna Pietrini insieme a Vasileva in banda con Lubian e Popovic al centro e Merlo libero.  Bertini sceglie Piani opposta a Cumino, al centro ci sono Pizzolato e Furlan con Piani e D’odorico schiacciatrici, Moro è il libero.  

    LA PARTITA –  L’inizio di gara è entusiasmante, le squadre si rispondono punto a punto e dopo il colpo di Lubian, Furlan ci mette le mani. Sul 3-3, Piani trova l’ace al servizio, ma Scandicci rientra subito sempre dalle mani della piemontese che in fast firma il 4-5.  Le toscane sono lì e, complici alcuni errori, chiudono la rimonta. Trevisan colpisce in diagonale per il pari sei ma Scandicci vola sul +2. Trevisan si trova a meraviglia con d’Odorico ma Stysiak e compagne hanno fame e volano sul 11-7.  Si accende Vasileva per il 13-7 e Scandicci vola ancora per un +7 che costringe Bertini a usare il secondo time-out discrezionale.  Le trentine provano ad accorciare con una doppia Piani, ma Vasileva fissa il risultato sul 15-9 in pipe. Stysiak trova il pallonetto e Vasileva segna ancora per un 18-12 di sicurezza.  Le ragazze di Bertini ci provano con Pizzolato (20-14) ma prima Pietrini e poi Popovic senza muro fanno scivolare il set verso la fine con il turno di servizio di Malinov che, complice il muro di Popovic, sancisce il 25-15 finale. 

    Il secondo set segue il canovaccio del primo, Trentino subito avanti (0-1) ma al servizio le ospiti sprecano consegnando il pari a Scandicci. Sul 2-2 Vasileva vola in pallonetto, ma le gialloblu sono lì. Sul 5-4, D’Odorico regala il doppio vantaggio alla Savino Del Bene ma Piani risolve e il parziale è sul 7-7. Vasileva c’è e Scandicci prova ad allungare; Stysiak firma il 10-8 in ace, Trevisan le risponde ma la polacca non ci sta e allunga sul 13-10 di potenza. Trentino replica, ma sempre Stysiak firma prima il 15-12 e poi un 17-13 di cuore.  Le ragazze di Bertini sono in palla e accorciano, ma Barbolini prova il cambio opposto-palleggiatore inserendo Camera e Drewniok per Malinov e Stysiak. Proprio la palleggiatrice piemontese innesca Lubian che capitalizza un primo tempo (21-15). Merlo è come sempre al top e Pietrini apre il gas. Il 23-15 è un fallo, Scandicci allunga e il set point viene firmato da Pietrini in grande stile.  
    Stysiak apre il terzo set, ma Trentino è sempre lì. Sul 3-3, la Savino Del Bene prova ad allungare, c’è l’ace di Lubian per il 5-3 ma la neoentrata Melli risponde presente.  Pietrini va facile per il sesto punto e Stysiak la emula per l’8-5, ma Furlan non ci sta e piazza l’ennesimo primo tempo. Lubian si accende, Merlo vola e Stysiak è una sentenza (12-8). Marina Lubian è in stato di grazia e vola ancora, ma le ospiti sfruttano una Trevisan precisa che riporta in poco tempo il risultato sul 13-11. Malinov suona la carica e Scandicci si porta sul 16-12 costringendo Bertini al tempo. Il finale di gara è una sinfonia scandiccese con il muro del 22-15, la stoccata di Popovic per il 23-15 e la chiusura made in Drewniok. 

    HANNO DETTOMassimo Barbolini (Scandicci): “Era necessario vincere per chiudere un ciclo di partite dove abbiamo fatto quattordici punti, un mese fa dopo le partie con Chieri e con Novara era abbastanza impensabile avere ancora una partita da giocare e arrivare al quarto posto. Devo dire brave alle ragazze, altre volte quando non avevamo ritmo abbiamo rischiato e ci siamo incasinati la vita, oggi a parte qualche punto di troppo nel terzo abbiamo tenuto in tutti i set”.  LEGGI TUTTO

  • in

    Superlega: Piacenza conquista il pass per i Quarti. 3-1 a Padova

    2. GIORNATA – PRELIMINARI PLAY OFFKioene Padova –  Gas Sales Bluenergy Picenza 1-3 (17-25, 20-25, 25-22, 20-25)

    PADOVA – La Gas Sales Piacenza chiude la pratica del turno preliminare dei play off scudetto, non senza soffrire ancora una volta. La squadra di Bernardi vince ancora 3-1, questa volta sul campo della Kioene. Nei Quarti troverà Trento. 

    In aggiornamento LEGGI TUTTO

  • in

    A1 F.: La classifica aggiornata. Oggi Scandicci-Trento e Novara-Busto

    MODENA – La classifica aggiornata di A1 Femminle.

    RISULTATIReale Mutua Fenera Chieri-Imoco Volley Conegliano 1-3 (23-25, 25-22, 23-25, 29-31)Bosca S.Bernardo Cuneo-Vbc E’piu’ Casalmaggiore 3-2 (23-25, 25-19, 32-30, 16-25, 15-11)Saugella Monza-Banca Valsabbina Millenium Brescia 3-1 (25-23, 20-25, 25-13, 25-22)Il Bisonte Firenze-Bartoccini Fortinfissi Perugia 1-3 (22-25, 16-25, 25-21, 19-25)

    Da giocare Domenica 28 FebbraioSavino Del Bene Scandicci-Delta Despar TrentinoIgor Gorgonzola Novara-Unet E-Work Busto ArsizioRIPOSA: ZANETTI BERGAMO

    CLASSIFICAImoco Volley Conegliano 72 – 1° Quarti di finaleIgor Gorgonzola Novara 55* – 2° Quarti di finaleSaugella Monza 51* – 3° Quarti di finale

    Reale Mutua Fenera Chieri 44 Quarti/Ottavi di finaleSavino Del Bene Scandicci 42** Quarti/Ottavi di finaleUnet E-Work Busto Arsizio 39** Quarti/Ottavi di finale
    Bosca S.Bernardo Cuneo 25 (10 vinte) – Ottavi di finaleIl Bisonte Firenze 22* (8 vinte) – Ottavi di finaleDelta Despar Trentino 22* (7 vinte) – Ottavi di finaleVbc E’piu’ Casalmaggiore 22* (7 vinte) – Ottavi di finaleZanetti Bergamo 20* (6 vinte) – Ottavi di finaleBartoccini Fortinfissi Perugia 19* (7 vinte) – Ottavi di finale

    Banca Valsabbina Millenium Brescia 14* – Retrocessa in A2* gare in meno LEGGI TUTTO

  • in

    A1 F.: Cuneo-Casalmaggiore è una maratona. Vittoria per Bici e c. 3-2

    13a giornata ritornoBOSCA S.BERNARDO CUNEO – VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE 3-2 (23-25 25-19 32-30 16-25 15-11)BOSCA S.BERNARDO CUNEO: Candi 17, Signorile, Ungureanu 17, Zakchaiou 14, Bici 25, Giovannini 17, Zannoni (L), Stijepic 1, Turco, Gay. Non entrate: Battistino, Fava. All. Pistola.VBC E’PIU’ CASALMAGGIORE: Kosareva 13, Melandri 12, Montibeller 26, Bajema 12, Stufi 5, Marinho 2, Sirressi (L), Vanzurova 12, Ciarrocchi 3, Maggipinto, Bonciani. All. Parisi.ARBITRI: Goitre, Venturi.NOTE – Durata set: 28′, 26′, 42′, 21′, 18′; Tot: 135′.

    CUNEO – Nell’ultima giornata di regular season la Bosca S.Bernardo Cuneo torna al successo dopo quattro k.o. consecutivi superando al tie-break la Vbc Èpiù Casalmaggiore al termine di una maratona durata ben 132 minuti. In una partita con tanti alti e bassi da entrambe le parti, le cuneesi hanno avuto il merito di non arrendersi mai e di saper invertire la rotta dopo un quarto set perso in modo netto. MVP di serata un’Erblira Bici autrice di 25 punti; da sottolineare l’ennesima ottima prova di Giovannini, impreziosita da quattro punti messi a segno nel quinto set. Le piemontesi conquistano così la decima vittoria stagionale e concludono la regular season a quota 25 punti. Dopo tre giorni di riposo, mercoledì 3 marzo la Bosca S.Bernardo Cuneo tornerà in palestra per preparare gli ottavi di finale dei playoff scudetto, di cui conoscerà l’avversario soltanto il prossimo 7 marzo, quando si disputeranno gli ultimi due recuperi in programma.

    SESTETTI – La Bosca S.Bernardo Cuneo parte con la diagonale Bici-Signorile, Candi e Zakchaiou al centro, Giovannini e Ungureanu in banda, Zannoni libero. La Vbc Èpiù Casalmaggiore risponde con Marinho opposta a Montibeller, capitan Stufi e Melandri al centro, Bajema-Kosareva in banda, Sirressi libero.

    HANNO DETTONoemi Signorile (Cuneo)  “Ci serviva una vittoria soprattutto per il morale. Siamo partite forse un po’ spente e durante la partita abbiamo avuto qualche blackout sul quale dovremo lavorare, ma sono contenta perché dovevamo vincere e abbiamo vinto: siamo state brave. Non abbiamo mai mollato e ci siamo sempre rialzate: dopo il quarto set perso in maniera netta abbiamo saputo approcciare bene il quinto set. Nei playoff ci potremo ancora divertire: scenderemo in campo con il coltello tra i denti e daremo il massimo”.

    Ima Sirressi (Casalmaggiore): “Nel quinto set la Bosca S.Bernardo Cuneo è stata più lucida. Noi siamo troppo altalenanti in questo momento. Ci prendiamo il punto e guardiamo avanti”.
    LA PARTITA – La Vbc Èpiù Casalmaggiore approfitta di due errori consecutivi in attacco commessi dalla Bosca S.Bernardo Cuneo per siglare il primo tentativo di allungo (2-6). La reazione delle cuneesi è immediata: la parità arriva sull’efficace turno al servizio di Bici, autrice anche di un ace (7-7). Le casalasche provano nuovamente a scappare con un uno-due micidiale firmato Melandri (8-11), ma la fast di Candi è una garanzia. Montibeller ferma Bici a muro e sul 10-14 coach Pistola chiama le sue a colloquio. Zakchaiou con un pallonetto e Candi con un monster block permettono alle padrone di casa di accorciare fino al 13-15. Sul 15-16 è coach Parisi a interrompere il gioco. Giovannini è grande protagonista dell’operazione sorpasso della Bosca S.Bernardo Cuneo con un muro, un ace e un attacco dalla seconda linea. Il muro di Candi vale il 20-17 ed è ancora time out per la panchina ospite. La Vbc Èpiù Casalmaggiore mette a segno un parziale di 0-4 e costringe coach Pistola a richiamare le sue sul 20-21. Montibeller e Bajema consegnano alle casalasche il primo set ball, che Bici annulla. Dentro Turco per Signorile al servizio; la palleggiatrice friulana prima difende e permette a Bici di andare a segno, poi sbaglia la battuta che chiude il parziale sul 23-25: Vbc Èpiù Casalmaggiore avanti 0-1 al Pala UBI Banca. 

    Sulla scia del primo parziale la Vbc Èpiù Casalmaggiore parte forte e si porta sull’1-4. Sul 2-6 coach Pistola è costretto a spendere il primo time out. Ungureanu trova il suo primo punto del match e Giovannini gioca di intelligenza per il 4-6. Ospiti sempre avanti (6-9), poi Candi, un errore in attacco di Kosareva e Bici di potenza valgono l’aggancio sul 9-9. È Giovannini a siglare il primo vantaggio dell’incontro per la Bosca S.Bernardo Cuneo; time out per coach Parisi. Bici difende, Ungureanu chiude un’azione lunga (11-9). La fast di Candi e il colpo piazzato di Ungureanu permettono alle biancorosse di allungare fino al 13-10. Sul 15-11 decretato da un’infrazione delle casalasche è time out per coach Parisi. L’ace di Candi e il primo muro dell’incontro di Zakchaiou portano le padrone di casa sul 17-11. Prosegue il turno al servizio di Candi con Bici a segno due volte consecutive (19-11). La Vbc Èpiù Casalmaggiore prova ad accorciare con Montibeller e Stufi, ma Ungureanu ristabilisce subito le distanze (20-13). Zakchaiou manda al servizio Ungureanu e poi pone fine a un’azione lunga con un muro che vale il 22-14. L’ex Vanzurova e Kosareva siglano il 22-17 sul quale la panchina di casa interrompe il gioco. Ancora Vanzurova e Melandri tengono le casalasche nel set, ma Bici e Candi chiudono i conti sul 25-19: 1-1. Dentro Vanzurova per Bajema dal via tra le fila della Vbc Èpiù Casalmaggiore. Dopo un avvio punto a punto la Bosca S.Bernardo Cuneo trova il primo break con Bici e l’ace di Ungureanu (5-3), ma Vanzurova e Ciarrocchi impattano immediatamente. Ancora Ciarrocchi, in campo per Stufi, e un ace di Vanzurova, firmano l’allungo delle ospiti: sul 6-8 coach Pistola ferma il gioco. Le cuneesi agguantano la parità con Candi in evidenza (9-9). Fase equilibrata fino all’11-11, quando Giovannini trova il varco nel muro a tre delle casalasche e il pallonetto di Bici cade sotto gli occhi delle rosa: 13-11 per la Bosca S.Bernardo Cuneo. Sul 17-14 siglato da Ungureanu coach Parisi chiama a colloquio le sue. Doppia Bici in attacco e dalla linea dei nove metri per il 20-16 sul quale è ancora time out per la panchina ospite. Due infrazioni delle casalasche regalano alle cuneesi i punti del 21-18 e del 22-20. La Vbc Èpiù Casalmaggiore impatta sul 22-22 con Montibeller e un ace di Kosareva; time out per coach Pistola. Grande duello a suon di attacchi tra Bici e Montibeller. Ungureanu porta le cuneesi sul 24-23, poi sbaglia il servizio: il set si concluderà ai vantaggi. Ancora Montibeller risponde a Bici (25-25). Il match si infiamma con azioni lunghe (27-27). Sono un primo tempo di Zakchaiou e un attacco di Candi a scrivere la parola fine a un set durato ben 42 minuti, che la Bosca S.Bernardo Cuneo fa suo con il punteggio di 32-30: cuneesi avanti 2-1. 
    Reazione ospite in avvio di set (2-5), ma le padrone di casa pareggiano subito sfruttando due errori delle casalasche e un monster block di Ungureau (5-5). Montibeller e Bajema interrompono una lunga fase di equilibrio (11-13). Ancora Montibeller a segno e coach Pistola chiama a colloquio le sue. Un muro di Bajema su Candi e un’infrazione della Bosca S.Bernardo Cuneo portano le casalasche sull’11-16: è nuovamente time out per la panchina di casa. Tutto facile per la Vbc Èpiù Casalmaggiore in questo parziale e coach Pistola tenta la carta Turco per Signorile. Sul 13-21 dentro anche Stijepic per Bici; c’è spazio anche per Gay al posto di Ungureanu nel finale di set. È un ace di Vanzurova a chiudere il set sul 16-25: 2-2 al Pala UBI Banca. Doppie Bici e Zakchaiou portano avanti la Bosca S.Bernardo Cuneo 4-2. Giovannini con un attacco e un muro su Montibeller scava ulteriormente il solco: sul 7-4 è time out per coach Parisi. Ancora Giovannini per l’8-4 sul quale si va al cambio di campo. La scatenata schiacciatrice bolognese sigla il punto del 9-4, poi la Vbc Èpiù Casalmaggiore accorcia fino al 9-7 e coach Pistola chiama a colloquio le sue. Ungureanu si fa valere sotto rete per l’11-8. Le ospiti si aggrappano a Montibeller e Bajema, ma le Signorile e compagne allungano ancora con il monster block di Zakchaiou (12-9). Dopo il primo tempo di Zakchaiou che vale il 13-10 è time out per la panchina ospite. Ciarrocchi stoppa Bici a muro e coach Pistola ferma il gioco. È un monster block di Candi a chiudere il tie-break sul 15-11 e il match sul 3-2: la Bosca S.Bernardo Cuneo conclude la regular season con una preziosa vittoria da due punti.  LEGGI TUTTO

  • in

    Superlega: Modena ai Quarti. Petric MVP, Ravenna va ko 3-0

    2. GIORNATA – PRELIMINARI PLAY OFFConsar Ravenna – Leo Shoes Modena 0-3 (22-25, 22-25, 25-27)Consar Ravenna: Redwitz 0, Recine 12, Grozdanov 8, Pinali 4, Loeppky 4, Mengozzi 12, Giuliani (L), Kovacic (L), Zonca 0, Stefani 2, Batak 0, Koppers 6. N.E. Arasomwan. All. Bonitta.Leo Shoes Modena: Christenson 2, Lavia 5, Mazzone 10, Vettori 13, Petric 15, Stankovic 12, Iannelli (L), Porro 0, Karlitzek 1, Grebennikov (L). N.E. Bossi, Sanguinetti, Buchegger, Rinaldi. All. Giani.ARBITRI: Puecher, Zanussi.NOTE – durata set: 26′, 29′, 34′; tot: 89′.

    RAVENNA – Modena, con Petric MVP e top scorer del match, vince 3-0 la gara di ritorno del turno preliminare dei play off e accede ai Quarti di finale dove trova Civitanova.La Leo Shoes vince la sfida in attacco (53% a 44%) anche se rischia con gli errori punto, ben 22, di far rientrare in partita i romagnolo, oggi senza Bonitta in panchina per il turno di squalifica.  

    In aggiornamento LEGGI TUTTO