More stories

  • in

    MotoGp, il manager di Quartararo: “Marquez, Bagnaia e Martin i rivali nel 2022”

    ROMA – “Quando si tratta di talento puro, bisogna includere Bagnaia. Lo scorso anno ha avuto qualche difficoltà di mettere tutto insieme. Per il prossimo anno vedo come rivali Marquez, Bagnaia e aggiungerei Martin. Ma occhio anche alla coppia Fernandez-Gardner: Raul ha doti naturali importanti, Remy è aggressivo”. Queste le parole di Eric Mahé, agente di Fabio Quartararo, ai microfoni di “Auto Hebdo” in vista della prossima stagione in MotoGp. Visto il probabile esito del Mondiale in corso, con Quartararo a un passo dal titolo, l’agente del giocatore si è concentrato sulla stagione successiva, dove con molte probabilità il pilota della Yamaha dovrà difendere un titolo mondiale.
    Sugli anni scorsi
    Mahé ha poi parlato delle stagioni precedenti, dall’esordio nel 2019 a un 2020 difficile: “Nel 2019 era un debuttante e ha lottato contro Marc Marquez in sella a una moto spec-B. Per capire a fondo il suo potenziale, bisogna guardare a quella stagione e non al 2020. Lo scorso anno non è andata bene e conosco bene i motivi. Lo psicologo? No, sinceramente non credo abbia influito. A causa del Covid-19 non ci sono stati test e poi la Yamaha ha avuto problemi con le valvole. Noi abbiamo chiesto una moto spec-A, ma è stato un errore. A fine 2020 la M1 2019 andava meglio e infatti avevamo vinto due gare a Jerez, ma poi sono arrivati problemi alle valvole. In alcune gare abbiamo avuto problemi di elettronica e in altri ci sono stati problemi di concentrazione. Quest’anno c’è meno nervosismo e ha imparato la lezione. Si tratta di una progressione naturale di un ragazzo dotato e motivato”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, il manager di Quartararo: “Per capire il suo talento bisogna guardare il 2019”

    ROMA – Eric Mahé, agente di Fabio Quartararo, ha parlato in vista della prossima stagione in MotoGp. Visto il probabile esito del Mondiale in corso, con Quartararo a un passo dal titolo, l’agente del giocatore si è concentrato sulla stagione successiva, dove con molte probabilità il pilota della Yamaha dovrà difendere un titolo mondiale. “Quando si tratta di talento puro, bisogna includere Bagnaia – ha detto ai microfoni di “Auto Hebdo” -. Lo scorso anno ha avuto qualche difficoltà di mettere tutto insieme. Per il prossimo anno vedo come rivali Marquez, Bagnaia e aggiungerei Martin. Ma occhio anche alla coppia Fernandez-Gardner: Raul ha doti naturali importanti, Remy è aggressivo”.
    Sulle scorse stagioni
    Mahé ha poi parlato delle stagioni precedenti, dall’esordio nel 2019 a un 2020 difficile: “Nel 2019 era un debuttante e ha lottato contro Marc Marquez in sella a una moto spec-B. Per capire a fondo il suo potenziale, bisogna guardare a quella stagione e non al 2020. Lo scorso anno non è andata bene e conosco bene i motivi. Lo psicologo? No, sinceramente non credo abbia influito. A causa del Covid-19 non ci sono stati test e poi la Yamaha ha avuto problemi con le valvole. Noi abbiamo chiesto una moto spec-A, ma è stato un errore. A fine 2020 la M1 2019 andava meglio e infatti avevamo vinto due gare a Jerez, ma poi sono arrivati problemi alle valvole. In alcune gare abbiamo avuto problemi di elettronica e in altri ci sono stati problemi di concentrazione. Quest’anno c’è meno nervosismo e ha imparato la lezione. Si tratta di una progressione naturale di un ragazzo dotato e motivato”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, diretta tv Gp Emilia-Romagna: orari, canale e dove vederlo

    ROMA – Dopo al pausa, la MotoGp torna in pista per il Gp dell’Emilia-Romagna. I protagonisti delle due ruote, infatti si ritrovano sul circuito di Misano per l’ultima di Valentino Rossi su quello che è considerato il “suo” tracciato di casa. Si comincia venerdì 22 ottobre con le prime due sessioni di prove libere, che andranno in scena rispettivamente alle ore 09.55 e alle 14:10. Sabato si parte alle 09:55 con la terza sessione di prove libere. Alle 13:30 al via le FP4, a cui faranno immediatamente seguito le qualifiche. Domenica 24 ottobre il warm-up aprirà la giornata alle 09:40, mentre alle 14 semaforo verde per la gara.
    Come vedere il Gran Premio in tv
    Il Gran Premio dell’Emilia-Romagna sarà trasmesso interamente in diretta tv su Sky Sport MotoGp (canale 208) e in streaming su DAZN e Sky Go. Qualifiche e gara saranno visibili anche in differita in chiaro su TV8, mentre su tuttosport.com sarà possibile seguire in diretta qualifiche e gara.
    IL PROGRAMMA COMPLETO
    Venerdì 22 ottobre09:55 – Prove libere 114:10 – Prove libere 2
    Sabato 23 ottobre09:55 – Prove libere 313:30 – Prove libere 414:10 – Qualifiche
    Domenica 24 ottobre09:40 – Warm Up14:00 – Gara LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Gp Emilia Romagna in diretta tv: orari e dove vederlo

    ROMA – La MotoGp torna in pista per il Gp dell’Emilia-Romagna. Dopo la tappa negli Stati Uniti, i protagonisti delle due ruote si ritrovano sul circuito di Misano per l’ultima di Valentino Rossi su quello che è considerato il “suo” tracciato di casa. Si comincia venerdì 22 ottobre con le prime due sessioni di prove libere, che andranno in scena rispettivamente alle ore 09.55 e alle 14:10. Sabato si parte alle 09:55 con la terza sessione di prove libere. Alle 13:30 al via le FP4, a cui faranno immediatamente seguito le qualifiche. Domenica 24 ottobre il warm-up aprirà la giornata alle 09:40, mentre alle 14 semaforo verde per la gara.
    Come vedere il Gran Premio in tv
    Il Gran Premio dell’Emilia-Romagna sarà trasmesso interamente in diretta tv su Sky Sport MotoGp (canale 208) e in streaming su DAZN e Sky Go. Qualifiche e gara saranno visibili anche in differita in chiaro su TV8, mentre su corrieredellosport.it sarà possibile seguire in diretta qualifiche e gara.
    IL PROGRAMMA COMPLETO
    Venerdì 22 ottobre09:55 – Prove libere 114:10 – Prove libere 2
    Sabato 23 ottobre09:55 – Prove libere 313:30 – Prove libere 414:10 – Qualifiche
    Domenica 24 ottobre09:40 – Warm Up14:00 – Gara LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Quartararo campione solo in classe regina? Finora ce l'hanno fatta in 15

    ROMA – Fabio Quartararo è sempre più vicino alla conquista del suo primo titolo in MotoGp, che potrebbe arrivare già tra una settimana a Misano. In caso di vittoria il pilota francese conquisterebbe il primo campionato della sua carriera nel Motomondiale direttamente in classe regina. Finora sono solo 15 i piloti che hanno raggiunto questo traguardo senza trionfare nelle categorie minori. Tra questi, i più recenti sono stati Nicky Hayden nel 2006 e Casey Stoner nel 2007. Merita menzione anche Mick Doohan, vincitore di cinque titoli consecutivi dal 1994 al 1998, dopo essere arrivato anni prima in classe 500 direttamente dalla Superbike.
    La stagione di Quartararo
    A sole tre gare dalla fine (Misano 2, Algarve e Valencia), Quartararo è in testa alla classifica con un vantaggio di 52 punti su Pecco Bagnaia, unico degli altri piloti ancora in corsa assieme al rivale della Yamaha, ma con possibilità quasi inesistenti di rimonta. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp: campioni solo in classe regina, Quartararo può diventare il sedicesimo

    ROMA – Fabio Quartararo è a un passo dalla conquista del suo primo titolo in MotoGp, che potrebbe diventare matematicamente ufficiale già a Misano, con due gare d’anticipo. In caso di vittoria il pilota francese conquisterebbe il primo campionato della sua carriera nel Motomondiale direttamente in classe regina. Finora sono solo 15 i piloti che hanno raggiunto questo traguardo senza trionfare nelle categorie minori. Tra questi, i più recenti sono stati Nicky Hayden nel 2006 e Casey Stoner nel 2007. Merita menzione anche Mick Doohan, vincitore di cinque titoli consecutivi dal 1994 al 1998, dopo essere arrivato anni prima in classe 500 direttamente dalla Superbike.
    L’anno di Quartararo
    A sole tre gare dalla fine (Misano 2, Algarve e Valencia), Quartararo è in testa alla classifica con un vantaggio di 52 punti su Pecco Bagnaia, unico degli altri piloti ancora in corsa assieme al rivale della Yamaha, ma con possibilità quasi inesistenti di rimonta. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Puig: “Ducati fantastica? L'ultimo mondiale l'ha vinto molto tempo fa”

    ROMA – “La Ducati ha una moto che tutti dicono fantastica, ma l’ultimo Mondiale è stato vinto da Stoner molto tempo fa. Penso che abbiamo il miglior pilota. I nuovi piloti sono giovani, bisogna vedere davvero fino a che punto possono arrivare. La Honda non l’ha mai fatto, non abbiamo mai ingaggiato ragazzini per gli anni a venire”. Alberto Puig, intervistato da “Motorsport”, non si è risparmiato nel lanciare una frecciatina alla Ducati. Il team manager della Honda è stato spesso tra i protagonisti di botta e risposta tra le due squadre di MotoGp.
    Sulla KTM
    Puig ha poi parlato anche di KTM, una casa in crescita costante nel Motomondiale: “È già in competizione come fabbrica e negli ultimi anni ha fatto un passo avanti.Ora resta da vedere fino a che punto si spingerà. Ingaggiare i migliori piloti non ti assicura di vincere”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Puig punge la Ducati: “L'ultimo mondiale l'ha vinto con Stoner”

    ROMA – Alberto Puig, intervistato da “Motorsport”, non si è risparmiato nel lanciare una frecciatina alla Ducati. Il team manager della Honda è stato spesso tra i protagonisti di botta e risposta tra le due squadre di MotoGp. “La Ducati ha una moto che tutti dicono fantastica, ma l’ultimo Mondiale è stato vinto da Stoner molto tempo fa – ha detto Puig -. Penso che abbiamo il miglior pilota. I nuovi piloti sono giovani, bisogna vedere davvero fino a che punto possono arrivare. La Honda non l’ha mai fatto, non abbiamo mai ingaggiato ragazzini per gli anni a venire”.
    Sulla crescita di KTM
    Puig ha poi parlato anche di KTM, una casa in crescita costante nel Motomondiale: “È già in competizione come fabbrica e negli ultimi anni ha fatto un passo avanti. Ora resta da vedere fino a che punto si spingerà. Ingaggiare i migliori piloti non ti assicura di vincere”. LEGGI TUTTO