More stories

  • in

    F1, Wolff su Hamilton: “Mi ha detto che può correre altri cinque anni”

    ROMA – Il futuro di Hamilton? Per Toto Wolff sarà ancora a lungo in Formula 1: “Lewis prolungherà con noi e rimarrà in F1 per almeno altri cinque anni, ne sono completamente certo”. Il team principal della Mercedes, in un’intervista ai microfoni di “Channel 4” ha rassicurato tutti sul futuro del pilota britannico, oggi trentasettenne ma intenzionato a continuare a lungo nel Circus, almeno stando a quanto detto dall’austriaco. “Il vantaggio è che ci parliamo molto – ha detto -. In Francia mi ha detto di voler arrivare a 400 Gp, la scorsa settimana poi ci siamo seduti e lui mi ha detto ‘Guarda, dentro di me sento di avere altri cinque anni: come vedi la cosa?'”.
    Il rapporto con Lewis
    “Sarà Lewis il primo a dire ‘Non riesco più a fare tutto questo’. Con il passare del tempo siamo cresciuti insieme, e oggi siamo completamente trasparenti l’uno nei confronti dell’altro – ha aggiunto Wolff -. Lascerà solo quando sentirà di non avere più i riflessi o avrà perso il divertimento, mentre un’altra generazione starà crescendo in pista e sarà sicuramente molto forte. Non ho dubbi che qualsiasi cosa accadrà, quando concorderemo di prolungare il contratto, discuteremo sempre molto apertamente di cosa ci riserverà il futuro”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Russell: “A Singapore avevamo la macchina per vincere”

    ROMA – Un weekend da dimenticare per George Russell. Il pilota Mercedes a Singapore ha vissuto dei giorni difficili a partire dai problemi in qualifica il sabato con tanto di esclusione in Q2 per terminare con la gara di domenica in cui, partendo dalla pit lane, ha raggiunto solamente il 14° posto, ma con il giro più veloce. “Sono contento di aver risolto i problemi delle qualifiche in gara, ma è un vero peccato perché avevo la macchina per vincere. Dopo la Safety Car – ha spiegato Russell – ho superato tre vetture con un giro, stavo volando come evidenzia anche il giro più veloce di oltre due secondi”.
    “Orgoglioso dei progressi”
    Poi il contatto con Schumacher che ha rovinato il piano di rientrare in zona punti. “Non so bene cosa sia successo, mi sembrava di avergli lasciato molto spazio. Probabilmente saremmo finiti tra i primi 10 per il passo che avevamo. Comunque stiamo facendo molti progressi come squadra e ne sono orgoglioso. Siamo qui per vincere le gare, abbiamo avuto un’ottima serie di risultati e questo è probabilmente il primo weekend come squadra, a parte Silverstone, in cui abbiamo commesso un errore, me compreso”, ha concluso Russell. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Russell: “A Singapore occasione persa”

    ROMA – Non il weekend dei sogni per George Russell. Il pilota Mercedes a Singapore ha vissuto momenti difficili già dalla qualifica il sabato, con tanto di esclusione in Q2 per poi concludere la gara di domenica, partendo dalla pit lane, solamente al 14° posto, ma con il giro più veloce. “Sono contento di aver risolto in gara i problemi delle qualifiche, ma è un’occasione sprecata perché avevo la macchina per vincere. Dopo la Safety Car – afferma il pilota britannico – ho superato tre vetture con un giro, stavo volando come evidenzia anche il giro più veloce di oltre due secondi”.
    “Sarei finito tra i primi 10”
    Poi lo scontro con Schumacher che ha rovinato i piani quando sembrava certo un rientro nella top-10. “Non so bene cosa sia successo con Mick, mi sembrava di avergli lasciato molto spazio. Probabilmente sarei finito tra i primi 10 per il passo che avevamo impostato. Comunque stiamo facendo molti progressi come squadra e ne sono orgoglioso. Siamo qui per vincere le gare, abbiamo avuto un’ottima serie di risultati e questo è probabilmente il primo weekend come squadra, a parte Silverstone, in cui abbiamo commesso un errore, me compreso”, conclude Russell. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Mercedes rinnova con Petronas: l'accordo scatterà dal 2026

    ROMA – La Mercedes, scuderia di Formula 1, e Petronas, azienda malese nel settore degli idrocarburi, hanno reso nota l’estensione della loro alleanza commerciale, che si rinnoverà a partire dal 2026. L’annuncio è arrivato a Kuala Lumpur, in Malesia, presso il quartier generale delle Petronas Towers. “Oggi – ha detto il CEO e team principal della casa di Brackley, Toto Wolff – stiamo facendo qualcosa di un po’ insolito. Annunciamo cioè una partnership che inizierà tra quattro anni. Questo invia un messaggio importante: il nostro team e Petronas non sono più solo partner, siamo una famiglia e saremo una squadra per molti altri anni a venire”.
    Le parole di Wolff
    Continua poi il manager austriaco: “Dal 2026, il carburante sostenibile avanzato sarà al centro delle prestazioni in F1 e questo ci offre una fantastica opportunità per dimostrare la nostra esperienza in questo campo, sia attraverso le power unit che con Petronas Fluid Technology Solutions”. “Siamo entusiasti di correre verso il futuro insieme a Petronas, con l’ambizione di stabilire ancora una volta lo standard, nelle nostre prestazioni in pista e aprendo la strada alla transizione di una squadra sportiva globale verso un network a zero emissioni”, ha concluso Wolff. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Mercedes-Petronas: dal 2026 scatta il rinnovo

    ROMA – Rinnovo, ma a partire dal 2026. Petronas, azienda nel settore degli idrocarburi con sede in Malesia e Mercedes, team di Formula 1, estendono la loro alleanza commerciale, che partirà dal 2026. L’annuncio è arrivato a Kuala Lumpur, in Malesia, presso il quartier generale delle Petronas Towers. “Oggi – ha detto il CEO e team principal della casa di Brackley, Toto Wolff – stiamo facendo qualcosa di un po’ insolito. Annunciamo cioè una partnership che inizierà tra quattro anni. Questo invia un messaggio importante: il nostro team e Petronas non sono più solo partner, siamo una famiglia e saremo una squadra per molti altri anni a venire”.
    Verso la sostenibilità
    Continua poi il manager austriaco: “Dal 2026, il carburante sostenibile avanzato sarà al centro delle prestazioni in F1 e questo ci offre una fantastica opportunità per dimostrare la nostra esperienza in questo campo, sia attraverso le power unit che con Petronas Fluid Technology Solutions”. Poi Toto Wolff chiude così il suo intervento: “Siamo entusiasti di correre verso il futuro insieme a Petronas, con l’ambizione di stabilire ancora una volta lo standard, nelle nostre prestazioni in pista e aprendo la strada alla transizione di una squadra sportiva globale verso un network a zero emissioni”. LEGGI TUTTO

  • in

    Federer si ritira e la Mercedes gli dedica una AMG GT 63 S E Performance

    Durante la recente Laver Cup 2022, Roger Federer – come annunciato in precedenza – si è ritirato dal tennis giocato. Una carriera incredibile la sua, che lo colloca di diritto nell’Olimpo dello sport. Nonostante abbia appeso la racchetta, il campione non ha intenzione di sospendere i suoi numerosi impegni, come quello che da 14 anni ha con Mercedes, portando avanti una storica collaborazione. Al termine della carriera, infatti, Roger ha annunciato che intensificherà ulteriormente le attività.
    Una vettura dedicata
    In questi anni lo abbiamo visto protagonista diverse campagne pubblicitarie del Marchio, e adesso sarà impegnato nell’iniziativa congiunta Neon Legacy, con diversi sottoprogetti tutti da svelare nelle prossime settimane. Un primo risultato è stato già visibile alla Laver Cup di Londra, dove è stata messa in mostra una Mercedes-AMG GT 63 S E Performance decorata con il sigillo personale di Roger Federer. Impossibile non notare il colore giallo neon che richiama il feltro giallo delle palline da tennis.
    La vettura verrà battuta all’asta alla fine del 2022 e il ricavato sarà investito in un progetto di tennis di beneficenza il prossimo anno. “Roger ha plasmato e ispirato intere generazioni con il suo gioco e la sua sportività – ha ricordato Britta Seeger, membro del board di Mercedes-Benz Group AG, Marketing & Sales – ricorderemo sicuramente una frase durante la sua visita alla nostra sede di Stoccarda l’anno scorso: ‘il breve termine è la mia motivazione, ma il lungo termine è la mia ispirazione’. Tutti noi auguriamo a Roger tutto il meglio per il futuro e non vediamo l’ora di collaborare ancora più da vicino nell’ambito della nostra iniziativa Neon Legacy”.
    Lavorare in Formula Uno? Arriva il talent con Mercedes-AMG Petronas LEGGI TUTTO