More stories

  • in

    Ferrari, Binotto: “Monaco gara a sé, le Mercedes lotteranno per il top”

    ROMA – Dopo la delusione del Gran Premio di Barcellona, dovuta all’inaspettato ritiro di Charles Leclerc, in Ferrari si pensa già al Gran Premio di Monaco, settimo round di questa Formula 1. A casa di Charles Leclerc il ritorno di fiamma della Mercedes sarà senza dubbio un fattore. La buona performance a Montmelò di George Russell (terzo) e di Lewis Hamilton (quinto) ha infatti destato l’attenzione del team principal del Cavallino, Mattia Binotto: “Quella di Monte Carlo è una gara a sé. Una tappa nella quale ciò che si è visto a Barcellona non è detto che valga – le sue parole riportate da “Motorsport.com” -. Penso che lì le Mercedes possano far parte della lotta, perché hanno una macchina che ha carico e grip”.
    Variabile qualifiche
    “Non sarei affatto sorpreso se i due fossero in grado di fare una buona gara in un tracciato cittadino come quello di Monte Carlo – ha aggiunto Binotto -. Secondo me bisogna fare un reset. Il pilota è chiamato a fare un giro pulito”. “In ottica qualifica sarà importante che il pilota trovi ritmo e non traffico. Tanti dettagli potrebbero fare la differenza”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Wolff: “Mondiale? Io ci crederò fino alla fine”

    ROMA – La Mercedes può guardare con ottimismo al futuro dopo la bandiera a scacchi del Gran Premio di Spagna. Lewis Hamilton , nonostante il contatto con Magnussen e un pit stop che gli ha fatto perdere tempo e posizioni, ha chiuso la gara al quinto posto. George Russell si è invece preso un altro podio, facendo esultare Toto Wolff: “Sono felice del podio e del quinto posto, la velocità era buona. Senza i problemi alla partenza – spiega il team principal della Mercedes ai microfoni di Sky Sport -. Hamilton avrebbe potuto competere per la vittoria. Campionato? Ci credo assolutamente, in questo sport bisogna farlo fino alla fine”.
    Le parole di Wolff
    “Quando una gara è persa, è difficile rimanere concentrati – ha aggiunto Wolff, parlando della delusione di Hamilton dopo la sosta forzata a inizio gara -. Poi Hamilton è andato forte, i dati che abbiamo oggi possono essere utili per lo sviluppo della macchina. Grande gara anche da parte di Russell, che ha tenuto a bada un Verstappen alle prese con un DRS capriccioso: “Mi piace guardare come difende la posizione: è molto bravo. Lui e Lewis hanno un rapporto fantastico, mai visto tra compagni di squadra. Lo sviluppo della macchina lo fanno insieme e questo è molto importante per noi”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Wolff: “Crederò fino alla fine al mondiale, Russell mi piace molto”

    ROMA – IlGran Premio di Spagnapuò far sorridere la Mercedes, nonostante tutto. Lewis Hamilton, dopo l’incidente con Kevin Magnussen a pochi metri dal via, ha iniziato la sua rimonta fino al quinto posto. George Russell invece si conferma uomo podio della scuderia di Brackley e fa esultare Toto Wolff: “Sono felice del podio e del quinto posto, la velocità era buona. Senza i problemi alla partenza – spiega il team principal della Mercedes ai microfoni di Sky Sport – Hamilton avrebbe potuto competere per la vittoria. Campionato? Ci credo assolutamente, in questo sport bisogna farlo fino alla fine”.
    Su Russell
    “Quando una gara è persa, è difficile rimanere concentrati – ha aggiunto Wolff, parlando della delusione di Hamilton dopo la sosta forzata a inizio gara -. Poi Hamilton è andato forte, i dati che abbiamo oggi possono essere utili per lo sviluppo della macchina. Grande gara anche da parte di Russell, che ha tenuto a bada un Verstappen alle prese con un DRS capriccioso: “È molto bravo a difendere la posizione: è un piacere vederlo. Con Lewis ha un rapporto ideale, un legame mai visto tra compagni di squadra. In particolare, per noi è importante quando lavorano alla macchina insieme per aggiornarla”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Horner: “Spiace per Leclerc. La nostra macchina non al meglio”

    ROMA – Alla Red Bull questo Gran Premio di Spagna non poteva andare meglio di così. La casa di Milton Keynes approfitta del problema alla Ferrari di Charles Leclerc e della partenza non al meglio di Carlos Sainz e si mette davanti con la doppietta firmata da Max Verstappen e Checo Perez. Il team principal della Red Bull, Christian Horner, ha parlato così ieri dopo la gara: “È stata una sfortuna per Leclerc, noi avevamo una macchina non al meglio con un DRS difettoso, poi abbiamo cambiato strategia con una gara a tre soste. Tutto ha funzionato alla perfezione, anche Perez ha fatto un lavoro di squadra per una doppietta importante”.
    Su perez
    Con la doppietta di Barcellona, la Red Bull si porta avanti in entrambe le classifiche, con Verstappen che scavalca Leclerc. A un certo punto del Gp, però, la gara era in mano a Perez: il messicano ha però ricevuto dalla scuderia l’ordine di far passare Verstappen, non senza qualche mugugno da parte del messicano. Il manager britannico spiega così ai microfoni di “Sky Sport” la sua scelta: “Perez non può vedere quello che vediamo noi al muretto, la macchina di Max era più veloce di due secondi e non volevamo correre rischi. Mercedes? Sono già in lotta per il Mondiale, è soltanto una questione di tempo prima che tornino ad essere competitivi, non so cosa succederà fino alla fine”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Horner: “Leclerc? Sfortunato. Perez uomo squadra”

    ROMA – La Red Bull trionfa in questo Gran Premio di Spagna. La casa di Milton Keynes reagisce ai problemi alla Ferrari di Charles Leclerc e alla partenza mediocre di Carlos Sainz e si mette davanti con la doppietta firmata da Max Verstappen e Checo Perez. Il team principal della Red Bull, Christian Horner, ha parlato così ieri dopo la gara: “È stata una sfortuna per Leclerc, noi avevamo una macchina non al meglio con un DRS difettoso, poi abbiamo cambiato strategia con una gara a tre soste. Tutto ha funzionato alla perfezione, anche Perez ha fatto un lavoro di squadra per una doppietta importante”.
    Le parole di Horner
    Con la doppietta di Barcellona, la Red Bull si porta avanti in entrambe le classifiche con Verstappen che scavalca Leclerc. A un certo punto del Gp, però, la gara era in mano a Perez: il messicano ha però ricevuto dalla scuderia l’ordine di far passare Verstappen, non senza qualche mugugno da parte del messicano. Il manager britannico spiega così ai microfoni di “Sky Sport” la sua scelta: “Perez non può vedere quello che vediamo noi al muretto, la macchina di Max era più veloce di due secondi e non volevamo correre rischi. Mercedes? Sono già in lotta per il Mondiale, è soltanto una questione di tempo prima che tornino ad essere competitivi, non so cosa succederà fino alla fine”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Wolff fiducioso: “La macchina si sta comportando meglio”

    BARCELLONA – La Mercedes si approccia al momento clou del weekend del Gran Premio di Spagna con una discreta fiducia. George Russell e Lewis Hamilton sono più vicini del solito a Ferrari e Red Bull, grazie al secondo e al terzo posto rispettivo nelle FP2. Indicazioni da confermare in qualifica: “La nostra macchina si è comportata indubbiamente meglio, ma sia Russell che Hamilton non sono stati completamente a loro agio nelle curve 3 e 9, entrambe ad alta velocità. In quei punti perdiamo molto tempo e cercheremo di lavorare per migliorare in questi punti”, ha rivelato ieri sera Toto Wolff dopo le libere. 
    “Segnale fantastico”
    “Abbiamo lavorato duramente in entrambe le nostre fabbriche – ha proseguito il team principal Wolff sul momento generale della Mercedes -. A Brixworth hanno guadagnato terreno sul fronte power unit rispetto ai nostri rivali motoristi, e questo è un segnale fantastico di cui sono davvero orgoglioso. Stiamo migliorando anche sul fronte del telaio, sono sicuro che ci arriveremo presto. Abbiamo avuto un venerdì molto solido, come peraltro era già successo a Miami. Restiamo però con i piedi per terra: dobbiamo attendere sabato per capire cosa accadrà quando aumenterà il grip con l’evoluzione della pista, se saremo in grado di mantenere questo livello di prestazione ed essere in lotta con Ferrari e Red Bull, oppure se ci confermeremo solidamente come terza forza”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Wolff: “Stiamo migliorando sul telaio, ma restiamo con i piedi per terra”

    BARCELLONA – Prevale una discreta fiducia nell’approccio della Mercedes al weekend del Gran Premio di Spagna. George Russell e Lewis Hamilton sono più vicini del solito a Ferrari e Red Bull, grazie al secondo e al terzo posto rispettivo nelle FP2. Indicazioni da confermare in qualifica: “La nostra macchina si è comportata indubbiamente meglio, ma sia Russell che Hamilton non sono stati completamente a loro agio nelle curve 3 e 9, entrambe ad alta velocità. In quei punti perdiamo molto tempo e cercheremo di lavorare per migliorare in questi punti”, ha rivelato ieri sera Toto Wolff dopo le libere. 
    Il commento di Wolff
    “Abbiamo lavorato duramente in entrambe le nostre fabbriche – ha proseguito il team principal Wolff sul momento generale della Mercedes -. A Brixworth hanno guadagnato terreno sul fronte power unit rispetto ai nostri rivali motoristi, e questo è un segnale fantastico di cui sono davvero orgoglioso. Stiamo migliorando anche sul fronte del telaio, sono sicuro che ci arriveremo presto. Abbiamo avuto un venerdì molto solido, come peraltro era già successo a Miami. Restiamo però con i piedi per terra: dobbiamo attendere sabato per capire cosa accadrà quando aumenterà il grip con l’evoluzione della pista, se saremo in grado di mantenere questo livello di prestazione ed essere in lotta con Ferrari e Red Bull, oppure se ci confermeremo solidamente come terza forza”. LEGGI TUTTO

  • in

    F1, Mercedes: Hamilton e Russell montano una nuova power unit per il Gp di Spagna

    ROMA – Il Gran Premio di Spagna vede in griglia una Mercedes decisa a invertire la marcia. La FIA ha infatti reso noto che le W13 di Lewis Hamilton e George Russell, impegnati oggi in questa prima giornata di prove libere di Formula 1 sul circuito di Montmelò, a Barcellona, montano nuove componenti per tutti gli elementi che contribuiscono alla potenza sviluppata dalla vettura. Nel complesso, stiamo parlando di motore endotermico (ICE), turbo compressore (TC), motore elettrico collegato alla turbina e al compressore (MGU-H), motore elettrico cinetico collegato agli pneumatici (MGU-K) e sistema di scarico (EX).
    Il commento di Hamilton
    Entrambe le vetture Mercedes, scrive la Federazione, stanno utilizzando questo nuovo pacchetto propulsivo. Nella conferenza stampa a poche ore dalle FP1, Hamilton aveva parlato così: “Spero sempre in un buon weekend. Ho fiducia nel team e abbiamo portato piccoli sviluppi, sono fiero dei miei tecnici per il lavoro svolto. Sicuramente è un’ottima occasione per confrontare i dati di oggi con i test pre-season”. Le modifiche mostrate in pista sono però varie e investono sia la parte propulsiva che quella aerodinamica. Ora alla Mercedes non resta che sperare che queste novità siano sufficienti per svolgere un weekend all’altezza. LEGGI TUTTO