More stories

  • in

    F1, Newey: “Red Bull risente del vento. Nuove vetture inefficienti”

    ROMA – Il Gran Premio di Monaco vedrà la Red Bull presentarsi per la prima volta al comando di entrambe le classifiche di questa Formula 1. Nei costruttori la casa di milton Keynes ha sorpassato la Ferrari, ora distante 26 punti, mentre Max Verstappen ha spodestato Charles Leclerc alla testa della tabella piloti. Il direttore tecnico della Red Bull, Adrian Newey, parlando al podcast “F1 Nation” ha però detto: “Il problema era il DRS di Verstappen, il vento ci ha messo in difficoltà perché la macchina risente molto delle correnti esterne. La strategia delle gomme è stata decisiva”.
    Le parole di Newey
    La sensazione di Newey però è che le nuove vetture non siano il massimo dell’efficienza. Ne ha parlato infatti a “Motorsport Magazin”, dove ha detto: “In poche annate, il limite di peso è aumentato da 600 kg e 30-40 kg di zavorra a 800 kg e oltre. Stiamo lavorando come pazzi per raggiungere il peso minimo previsto ora. Le auto sono diventate più grandi e più pesanti e non efficienti aerodinamicamente perché fanno molta resistenza. Questa direzione, presa anche dall’industria automobilistica, è sbagliata: auto sempre più grandi e pesanti”. “Il nodo – afferma Newey – è la mole di energia che serve per mettere in movimento la macchina. Nella mia opinione, credo che ci sia il bisogno di vetture più piccole, meno pesanti e più ottimali per quanto riguarda l’energia”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, Marini: “Al Mugello per migliorare davanti ai nostri tifosi”

    ROMA – La MotoGp si ferma al Mugello per il Gran Premio d’Italia, ottava tappa del Motomondiale. Tra gli italiani in griglia ci sono i piloti del VR46 Racing Team, Luca Marini e Marco Bezzecchi. Per primo ha parlato il fratello di Valentino Rossi, rookie in questa stagione: “Sono contento di arrivare al Gp d’Italia dopo la buona gara di Le Mans. Il Mugello è una pista davvero tosta, sia a livello tecnico che fisico, in sella alla MotoGP. La velocità è impressionante e anche il tifo è speciale. Stiamo lavorando nella giusta direzione per poter tenere il ritmo del gruppo dei più forti e continuiamo per fare un altro passo in avanti proprio davanti ai tifosi italiani”.
    Le sensazioni di Bezzecchi
    “Venerdì mattina sarà speciale: la prima volta al Mugello in sella alla Ducati MotoGp Ho girato su questo tracciato con tante moto, lo conosco bene ma sarà diverso”, così invece Marco Bezzecchi, anche lui esordiente in classe regina. Poi il 23enne di Rimini ha aggiunto: “La potenza mi impressionerà, ma sono sicuro che riuscire ad andare forte su una pista di questo tipo darà decisamente gusto. Senza contare i tifosi di casa, la mia famiglia e i miei cari: voglio scendere al più presto in pista e fare del mio meglio”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, anche Pirro in griglia al Mugello: le Ducati al via saranno nove

    ROMA – La Ducati punta il Gran Premio d’Italia contando su alcune novità da portare in pista. Innanzitutto, al via dell’ottava tappa della MotoGp ci sarà una moto in più, quella del collaudatore della scuderia italiana, Michele Pirro. Il tester pugliese potrebbe montare sulla sua moto delle novità tecniche, compreso l’abbassatore anteriore manuale, per ora montato esclusivamente sulla Pramac di Johann Zarco. Con la GP22 di Pirro le Ducati in griglia passeranno così a nove, con la casa di Borgo Panigale che deve ancora fare i conti con un grip in uscita di curva ancora non ottimale.
    Nuovo accordo
    La Ducati ha inoltre fatto sapere di aver esteso i suoi accordi commerciali con lo sponsor “Aruba.it” fino al 2024. Perciò anche le moto in classe regina vestiranno sulla livrea il logo dell’azienda informatica, che si è legata con il team italiano nel 2015. Queste le parole di Claudio Domenicali, amministratore delegato del gruppo Ducati, a commento della nuova partnership: “Aruba.it rappresenta, come Ducati, un’eccellenza italiana dell’innovazione. L’estensione dell’accordo conferma la qualità di una collaborazione che è cresciuta anno dopo anno. Ora alla Superbike, si aggiunge anche la MotoGp, con una Ducati che presenterà anche i colori del team Aruba.it Racing, che ormai tutti gli appassionati riconoscono come quelli delle Panigale V4 R ufficiali tra le derivate di serie”. LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp, salta Gp di Finlandia: il calendario scende a 20 tappe

    ROMA -“La FIM, IRTA e Dorna Sports sono obbligate ad annunciare modifiche al calendario del Campionato del Mondo FIM MotoGp 2022. I lavori di omologazione al KymiRing, insieme ai rischi causati dalla situazione geopolitica in atto nella regione, hanno purtroppo costretto alla cancellazione del Gran Premio di Finlandia nel 2022”. Così un comunicato ufficiale apparso sul sito web del Motomondiale, che rimanda al 2023 il Gp di Finalndia. “Le circostanze attuali – si legge nel comunicato – hanno creato ritardi e messo a rischio i lavori in corso sul nuovo circuito . Tutte le parti hanno quindi concordato che il debutto della pista deve essere posticipato al 2023, la MotoG9 non vede l’ora di tornare in Finlandia per la prima volta in quattro decenni. Il calendario finale del Campionato del Mondo FIM MotoGp 2022 dovrebbe quindi comprendere 20 round”.
    A BREVE IL SERVIZIO COMPLETO LEGGI TUTTO

  • in

    MotoGp: cancellato il Gp di Finlandia nel 2022

    ROMA – Salta il Gran Premio di Finlandia. In una nota congiunta si legge infatti che “FIM, IRTA e Dorna Sports sono obbligate ad annunciare modifiche al calendario del Campionato del Mondo FIM MotoGp 2022. I lavori di omologazione al KymiRing, insieme ai rischi causati dalla situazione geopolitica in atto nella regione, hanno purtroppo costretto alla cancellazione del Gran Premio di Finlandia nel 2022”. Il Gp di Finalndia è dunque rimandato all’anno prossimo: “Le circostanze attuali – si legge nel comunicato – hanno creato ritardi e messo a rischio i lavori in corso sul nuovo circuito -. Tutte le parti hanno quindi concordato che il debutto della pista deve essere posticipato al 2023, la MotoGP non vede l’ora di tornare in Finlandia per la prima volta in quattro decenni. Il calendario finale del Campionato del Mondo FIM MotoGp 2022 dovrebbe quindi comprendere 20 round”.
    A BREVE IL SERVIZIO COMPLETO LEGGI TUTTO

  • in

    Ferrari, Binotto: “La Mercedes sarà competitiva, Monaco gara a sé”

    ROMA – Voltata pagina dopo Barcellona, la Ferrari si vede già proiettata nel Gran Premio di Monaco, settimo evento di questa Formula 1. Davanti al pubblico di Charles Leclerc il tentativo della Mercedes di tornare al vertice sarà senza dubbio un fattore. La buona performance a Montmelò di George Russell (terzo) e di Lewis Hamilton (quinto) ha infatti destato l’attenzione del team principal della Rossa, Mattia Binotto. “Quella di Monte Carlo è una gara a sé. Una tappa nella quale ciò che si è visto a Barcellona non è detto che valga – le sue parole riportate da “Motorsport.com” -. Penso che lì le Mercedes possano far parte della lotta, perché hanno una macchina che ha carico e grip”.
    Le parole di Binotto
    “Non sarei affatto sorpreso se i due fossero in grado di fare una buona gara in un tracciato cittadino come quello di Monte Carlo. Secondo me bisogna fare un reset. Il pilota è chiamato a fare un giro pulito – ha aggiunto Binotto -. Per quanto riguarda il sabato, il pilota è importante che vada a fare un giro pulito, con ritmo e senza traffico. Tanti fattori potrebbero cambiare le carte in tavola”. LEGGI TUTTO

  • in

    Ferrari, Binotto: “Monaco gara a sé, le Mercedes lotteranno per il top”

    ROMA – Dopo la delusione del Gran Premio di Barcellona, dovuta all’inaspettato ritiro di Charles Leclerc, in Ferrari si pensa già al Gran Premio di Monaco, settimo round di questa Formula 1. A casa di Charles Leclerc il ritorno di fiamma della Mercedes sarà senza dubbio un fattore. La buona performance a Montmelò di George Russell (terzo) e di Lewis Hamilton (quinto) ha infatti destato l’attenzione del team principal del Cavallino, Mattia Binotto: “Quella di Monte Carlo è una gara a sé. Una tappa nella quale ciò che si è visto a Barcellona non è detto che valga – le sue parole riportate da “Motorsport.com” -. Penso che lì le Mercedes possano far parte della lotta, perché hanno una macchina che ha carico e grip”.
    Variabile qualifiche
    “Non sarei affatto sorpreso se i due fossero in grado di fare una buona gara in un tracciato cittadino come quello di Monte Carlo – ha aggiunto Binotto -. Secondo me bisogna fare un reset. Il pilota è chiamato a fare un giro pulito”. “In ottica qualifica sarà importante che il pilota trovi ritmo e non traffico. Tanti dettagli potrebbero fare la differenza”. LEGGI TUTTO