in

Olimpia Milano, coach Messina: “Contro l'Efes senza Hines”

MILANO – Ultima giornata della regular season di Eurolega con l’Olimpia Milano di coach Ettore Messina che ospiterà venerdì l’armata turca dell’Efes, un match molto importante per la testa di serie dei milanesi ai playoff. L’Olimpia s’impose ad Istanbul 79-69 ad inizio stagione quando i biancoblù di coach Ataman stentavano a trovare la forma, adesso la storia è diversa: “Affrontiamo una squadra che ha recuperato da tempo l’altissima qualità di gioco esibita l’anno passato quando aveva dominato la stagione. Ovviamente dovremo cercare di limitare il loro pick and roll, ma è un intento facile da dichiarare e molto più difficile da realizzare sul campo. Però abbiamo lavorato bene negli ultimi giorni in modo migliorare la qualità del nostro rendimento“.

Messina: “Hines non ci sarà”

Milano caffronterà i turchi senza il suo giocatore più importante, nonché leader dentro e fuori dal campo, ma allo stesso tempo riabbraccerà una pedina fondamentale: “Purtroppo, saremo probabilmente privi di Kyle Hines per un problema fisico, ma siamo felici di riavere con noi, sia pure con minutaggio ridotto, Malcolm Delaney”. Delaney è al rientro dopo l’operazione al ginocchio del 3 marzo, per la leggenda ex Cska invece si presume un riposo precauzionale.

Gli scenari per Milano

L’Olimpia Milano oggi è al 4° posto (20-13) il che vorrebbe dire fattore campo a favore nella serie playoff, ma quel 4° posto è a serio pericolo. I biancorossi posso saldarlo in due modi: battendo l’Efes o, in caso di referto giallo venerdì al Forum (ore 20:45), sperando nelle sconfitte delle due inseguitrici ossia Fenerbahce (impegnato contro il Real Madrid) e Bayern Monaco che ospiterà un Barcellona già matematicamente primo. Milano ha scontri diretti e differenza canestri a favore sia con i gialloneri che con i bavaresi allenati da Andrea Trinchieri.


Fonte: http://www.corrieredellosport.it/rss/basket


Tagcloud:

ATP Cagliari e Marbella: Il programma di Venerdì 09 Aprile 2021

Lutto: La Fipav saluta così Michele Pasinato