More stories

  • in

    Nba, Gallinari trascina Atlanta: Minnesota ko

    Danilo Gallinari è stato tra i protagonisti dell’ultimo turno Nba. Il cestista azzurro ha trascinato gli Hawks sul parquet dei Timberwolves. Atlanta batte 121-110 Minnesota e il Gallo, ha chiuso la gara con 20 punti, 5 rimbalzi e 2 assist. Cinque i giocatori di Atlanta in doppia cifra: il più prolifico è stato Trae Young con 29 punti e 11 assist, ma vive una gran serata anche Timothe Luwawu-Cabarrot che ne fa 23. Collins chiude con 13 punti, mentre Huerter ne fa 10. Minnesota chiude con i 31 punti e 16 rimbalzi per Towns. Philadelphia si impone sul campo degli Hornets 124-127, dopo un tempo supplementare. Decisivi i 43 punti, 15 rimbalzi e 7 assist per Joel Embiid.
    Warriors ok con Orlando
    I Warriors battono in casa gli Orlando Magic 126-95, con Wiigins (28 punti) protagonista. Vittorie per Thunder (114-103 sui Pistons con 30 punti e 13 assist per Shai Gilgeous-Alexander), Pacers (116-110 sui Wizards con 30 punti e 10 rimbalzi per Domantas Sabonis), Grizzlies (105-90 sugli Heat con 17 punti e 16 rimbalzi per Adams), Bulls (109-97 sui Nuggets con 32 punti per Zach Lavine), Bucks (112-104 con 27 punti e 12 rimbalzi per Giannis Antetokounmpo), Suns (108-104 sugli Spurs con 21 punti e 10 assist per Chris Paul) e Clippers (102-90 contro Portland con 21 punti per Paul George). LEGGI TUTTO

  • in

    Gallinari trascina Atlanta. I Celtics vincono sulla sirena

    Vittorie in trasferta per Atlanta (con un’ottima prestazione di Danilo Gallinari) e Cleveland, che si impongono contro Indiana e Miami. Vincono in casa Orlando (su Denver), Washington (contro Minnesota) e Boston che sconfigge al termine di una sfida tiratissima Philadelphia. Gli Hawks prima sembrano dilagare, grazie ai 33 punti di Young, poi subiscono il ritorno dei Pacers, ma alla fine portano a casa la vittoria (111-114): per Gallinari 9 punti (frutto di tre conclusioni dalla distanza) in 29 minuti. I Magic interrompono la striscia di cinque sconfitte consecutive battendo in casa i Nuggets 108-103. Ottima le prove di Anthony, che chiude con 24 punti ed otto rimbalzi.
    I Celtics vincono sulla sirena
    Washington sconfigge Minnesota 115-107, sfruttando un ultimo quarto giocato alla grande e chiuso con il parziale di 12-3. Sugli scudi Harrel (27 punti) e Beal, che chiude con 19 punti. Vittoria esterna per i Cavaliers che si impongono a Miami (che ha dovuto rinunciare a Butler e Adebayo) 85-111. La gara si decide nel terzo quarto con gli ospiti (trascinati da Love) che chiudono un parziale di 18-4. Tiratissimo ed equilibrato il match tra Boston e Philadelphia, che si è chiuso con il successo dei Cetics 88-87: decisiva, all’ultimo secondo una stoppata di Williams III su un tentativo di Niang. LEGGI TUTTO

  • in

    Nba, Gallinari trascina Atlanta. Volano Brooklyn e Phoenix

    NEW YORK (STATI UNITI D’AMERICA) – Continua lo spettacolo della Nba. Mentre arrivano le squalifiche per LeBron James e Stewart per la gomitata e la conseguente rissa nel match tra Detroit Pistons e Los Angeles Lakers, la palla a spicchi continua a regalare emozioni. Dieci le partite giocate nella notte italiana. Con la vittoria di ieri notte a Cleveland contro i Cavaliers (112-117), e la clamorosa sconfitta dei Chicago Bulls in casa con gli Indiana Pacers di Sabonis jr (77-109), i Brooklyn Nets comandano la classifica della Eastern Conference in Nba, con il 72,2% contro il 66,7% di Chicago e il 64,7% dei Miami Heat. Protagonisti principali del successo sui Cavs (al quarto Ko consecutivo) sono stati LaMarcus Aldridge, in doppia doppia con 21 punti e 11 rimbalzi partendo dalla panchina, Kevin Durant (27 punti) e il Barba James Harden, anche lui in doppia doppia con 14 punti e 14 assist.
    Atlanta inarrestabile, Gallinari super
    Sempre a Est, quinta vittoria di fila per gli Atlanta Hawks di Danilo Gallinari, 113-101 contro gli Oklahoma Thunder. Per l’azzurro 11 punti, 6 rimbalzi e 3 assist. Grande prova del solito Trae Young, autore di 30 punti. Vince senza problemi Boston contro Houston (108-90), con 30 punti di Jayson Tatum, mentre a Ovest dietro a Golden State (al comando con l’88,2%) si fa largo Phoenix, al 13/o risultato utile consecutivo con la vittoria per 115-111 sul campo dei San Antonio Spurs. Molto bene Devin Booker, con 23 punti, e il centro DeAndre Ayton, in doppia doppia con 21 punti e 14 rimbalzi.
    Nba, tutti i risultati
    Cleveland Cavaliers-Brooklyn Nets 112-117
    Washington Wizards-Charlotte Hornets 103-109
    Atlanta Hawks-Oklahoma City Thunder 113-101
    Boston Celtics-Houston Rockets 108-90
    Chicago Bulls-Indiana Pacers 77-109
    Milwaukee Bucks-Orlando Magic 123-92
    New Orleans Pelicans-Minnesota Timberwolves 96-110
    San Antonio Spurs-Phoenix Suns 111-115
    Utah Jazz-Memphis Grizzlies 118-119
    Sacramento Kings-Philadelphia 76ers 94-102 LEGGI TUTTO

  • in

    Vince Atlanta con 10 punti di Gallinari. Lakers ko con i Bulls dell'ex Caruso

    ATLANTA (Stati Uniti) – Gli Hawks di Danilo Gallinari, autore di 10 punti, 8 rimbalzi e 3 assist nei 28′ giocati in uscita dalla panchina, infilano il secondo successo consecutivo: a farne le spese sono i Magic, ko in casa 129-111. Young e Collins mettono a referto 23 punti a testa, cui si aggiungono i 20 di Bogdanovic e Capela (con 16 rimbalzi). Ad Orlando, giunto alla quinta sconfitta nelle ultime sei partite, non basta un super Anthony (27+11 assist). Oklahoma crolla 103-90 in casa con gli Heat degli ex Harden e Durant, fischiati durante la presentazione dei quintetti: al resto pensa Robinson, con 21 punti e 5 triple. Nona vittoria di fila, il 99-96 in casa dei Timberwolves, per i Suns: Paul segna 19 punti su 21 nell’ultimo quarto, cui si aggiungono i 29 di Booker. I Bulls dell’ex Caruso, celebrato per la prima da avversario allo Staples Center, si impongono 121-103 a Los Angeles: decisiva un’altra vecchia conoscenza dei Lakers, ancora privi di LeBron James, quel Lonzo Ball autore di 27 punti, 7 rimbalzi e 8 assist.
    Nba, tutti i risultati
    Con il 129-107 imposto ai Pistons a Detroit, nel segno di Hiled (22 punti) e Haliburton (17+10 assist), i Kings tornano al successo dopo quattro ko consecutivi, salvando la panchina di Luke Walton. Boston si prende la propria rivincita su Cleveland due soli giorni dopo il ko subito in rimonta: termina 98-92, con protagonisti da un lato Schroder (decisivo con sei punti nei 76 secondi finali) e Tatum (23+8 rimbalzi e 5 assist), dall’altro Rubio (28) e Osman (26 dalla panchina). Continuano a stupire i Wizards, miglior partenza degli ultimi 25 anni in Nba, superando 105-100 i Pelicans: senza Beal, in lutto per la scomparsa della nonna, si prende la scena Dinwiddie (27). I Knicks regolano i Pacers 92-84, con i 16 punti a testa di Walker e Quickley, ed interrompono una striscia di tre sconfitte di fila. Dodicesimo ko in sequenza per Houston, strapazzato da Memphis 136-102, sotto i colpi di Morant (22+6+6) e Jackson jr (18+7 rimbalzi). Show di Dallas con Denver, sconfitto 111-101: decisivi Porzingis (29+11 rimbalzi), Doncic (23+8+11 assist) e Hardaway jr (19). Portland batte invece 118-113 i Raptors con i 29 punti e i 6 assist di McCollum e i 24 di Lillard.  LEGGI TUTTO

  • in

    Gallinari trascina Atlanta, i Lakers crollano con i Bulls dell'ex Caruso

    ATLANTA (Stati Uniti) – Anche grazie ai 10 punti (più 8 rimbalzi e 3 assist) messi a segno in 28 minuti da Danilo Gallinari in uscita dalla panchina, Atlanta infila il secondo successo consecutivo, maturato col punteggio di 129-111, in casa contro i Magic. Young e Collins mettono a referto 23 punti a testa, cui si aggiungono i 20 di Bogdanovic e Capela (con 16 rimbalzi). Ad Orlando, giunto alla quinta sconfitta nelle ultime sei partite, non basta un super Anthony (27+11 assist). Oklahoma crolla 103-90 in casa con gli Heat degli ex Harden e Durant, fischiati durante la presentazione dei quintetti: al resto pensa Robinson, con 21 punti e 5 triple. Nona vittoria di fila, il 99-96 in casa dei Timberwolves, per i Suns: Paul segna 19 punti su 21 nell’ultimo quarto, cui si aggiungono i 29 di Booker. I Bulls dell’ex Caruso, celebrato per la prima da avversario allo Staples Center, si impongono 121-103 a Los Angeles: decisiva un’altra vecchia conoscenza dei Lakers, ancora privi di LeBron James, quel Lonzo Ball autore di 27 punti, 7 rimbalzi e 8 assist.
    Nba, tutti i risultati
    Con il 129-107 imposto ai Pistons a Detroit, nel segno di Hiled (22 punti) e Haliburton (17+10 assist), i Kings tornano al successo dopo quattro ko consecutivi, salvando la panchina di Luke Walton. Boston si prende la propria rivincita su Cleveland due soli giorni dopo il ko subito in rimonta: termina 98-92, con protagonisti da un lato Schroder (decisivo con sei punti nei 76 secondi finali) e Tatum (23+8 rimbalzi e 5 assist), dall’altro Rubio (28) e Osman (26 dalla panchina). Continuano a stupire i Wizards, miglior partenza degli ultimi 25 anni in Nba, superando 105-100 i Pelicans: senza Beal, in lutto per la scomparsa della nonna, si prende la scena Dinwiddie (27). I Knicks regolano i Pacers 92-84, con i 16 punti a testa di Walker e Quickley, ed interrompono una striscia di tre sconfitte di fila. Dodicesimo ko in sequenza per Houston, strapazzato da Memphis 136-102, sotto i colpi di Morant (22+6+6) e Jackson jr (18+7 rimbalzi). Show di Dallas con Denver, sconfitto 111-101: decisivi Porzingis (29+11 rimbalzi), Doncic (23+8+11 assist) e Hardaway jr (19). Portland batte invece 118-113 i Raptors con i 29 punti e i 6 assist di McCollum e i 24 di Lillard.  LEGGI TUTTO

  • in

    Playoff Nba: i Clippers volano in finale. Ad Atlanta non basta Gallinari

    I Clippers rompono una maledizione che durava da 50 anni e conquistano per la prima volta nella loro storia una finale della Western Conference. A Los Angeles scoppia la festa dopo il 131-119 contro Utah che chiude sul 4-2 la serie in semifinale. Una partita che sembrava incanalata verso la vittoria degli Jazz e destinata dunque alla bella. Poi il crollo. Sopra di 25, Utah si è fatta ribaltare come un calzino. La serie si chiude sul 4-2 ed è apoteosi a Los Angeles. È una vera impresa quella compiuta dai Clippers che sono ancora lontani dal poter puntare al titolo, ma hanno rotto un incantesimo negativo che li perseguitava nei playoff. Nel primo turno hanno eliminato Dallas dopo essere andati sotto 2-0. E anche con Utah si sono ritrovati a inseguire. Paul George (29 punti) e Reggie Jackson (28) si sono rivelate armi offensive letali. Ma a fare la differenza è stato soprattutto Terance Mann, sostituto del loro miglior giocatore, Kawhi Leonard, infortunato, autore di 39 punti.
    Atlanta ko nonostante un super Gallinari: contro Philadelphia si va a gara 7
    Si va invece a gara 7 tra Atlanta e Philadelphia. La semifinale rimane dunque apertissima. Ad Atlanta non bastano i 34 punti di un super Trae Young, top-scorer della sfida, e i 16 dell’italiano Danilo Gallinari. Agli Hawks non riesce la rimonta e il risultato finale dice 99-104. Tra le fila dei 76ers grande prova per Curry e Harris, che mettono nel tabellino 24 punti a testa, oltre a Embiid (22) e la matricola 20enne Maxey, che chiude con 16 punti, 7 rimbalzi e un assist. Per Atlanta serata storta anche per l’infortunio nell’ultimo quarto al ginocchio destro di Bogdan Bogdanovic, che non ha potuto concludere l’incontro. LEGGI TUTTO

  • in

    Hawks, rimonta e successo: Gallinari ai playoff

    ATLANTA (Stati Uniti) – Sono 6 le partite della notte Nba con altri verdetti Playoff emessi, tra questi uno riguarda gli Atlanta Hawks di Danilo Gallinari. Il Gallo non gioca una partita indimenticabile (4 punti in 23′) ma i suoi compagni rimontano e in volata piegano i Wizards di Russell Westbrook per 120-166. Trae Young chiude con 33 punti, Bogdan Bogdanovic con 20 ed Atlanta, dopo 4 anni, torna ufficialmente in post-season. Biglietto playoff (dopo 8 anni) anche per i New York Knicks che senza giocare ottengono il pass: ad aiutare la causa Knickerbockers sono stati i Cleveland Cavaliers vincenti contro Boston per 102-94 con un rinato Kevin Love da 30 punti e 14 rimbalzi+
    Lakers-Mavs, botta e risposta
    Niente LeBron James, niente Anthony Davis ma i Los Lakers di misura (124-122) battono Houston nella notte in cui la franchigia gialloviola ha celebrato il titolo vinto l’anno scorso col rituale banner appeso nell’arena. Ancora una volta Talen Horton-Tucker è stato trai i protagonisti (23 punti e 10 assist) ma l’eroe della notte Lakers è stato Kyle Kuzma con in layup a 7″ del sorpasso. I Lakers inseguono il 6° posto (per evitare il play-In) occupato da Dallas che non ha tradito contro i Pelicans: successo netto per 125-107 con Luka Doncic da 33 punti. Per Nicolò Melli solo una breve comparsata da 7′.
    Brooklyn, Harden è tornato!
    Assente dal 5 aprile James Harden è tornato in azione chiudendo con 18 punti, 7 rimbalzi e 11 assist (partendo dalla panchina) con Brooklyn trionfante gli Spurs 128-116. Anche in occasione del ritorno del “Barba” non si è visto il super trio in azione (Irving out) infatti partenza in quintetto per l’ex Olimpia Milano Mike James (12 punti e 5 assist). Infine i Portland Trail Blazers vedono il traguardo playoffs dopo il loro 5° successo consecutivo e questa volta ai danni degli Utah Jazz a Salt Lake City: Damian Lillard e CJ McCollum hanno combinato per 56 punti (30 e 26) nel successo per 105-98 LEGGI TUTTO